Udine, premio internazionale d’arte contemporanea promosso da Pomilio Blumm: resoconto evento

Esiste un linguaggio capace di anticipare l’agire umano. Quel linguaggio è l’arte che con la sua sensibilità è capace di captare, interpretare ed esprimere quei bisogni di cambiamento apparentemente sopiti, ma destinati in realtà a pervadere le dinamiche sociali disperatamente alla ricerca di un nuovo equilibrio. Lo scopo del Blumm Prize, premio internazionale d’arte contemporanea promosso dall’agenzia Pomilio Blumm, inaugurato lo scorso 26 settembre nella splendida cornice dell’Ambasciata italiana di Bruxelles è proprio questo: affidarsi all’arte perché armonizzi nuovamente il dialogo sempre più sordo e stonato tra cittadini e istituzioni.

I vincitori della Prima Edizione del Premio, Maria Elisabetta Novello e Michele Spanghero, entrambi veneti, saranno ospiti a Casa Cavazzini giovedì 12 dicembre per raccontare di quell’esperienza che ha aperto le porte ad un percorso che si preparà già al suo secondo appuntmento. Dalla loro voce e da quella della curatrice del Premio Martina Cavallarin, di Franco Pomilio, Presidente della Pomilio Blumm, il racconto di un’esperienza che abbraccia gli ideali con cui i 20 giovani under 40 hanno partecipato, l’organizzazione dell’evento e l’esposizione di Bruxelles senza tralasciare l’aspetto più importante: il futuro di questi giovani e promettenti artisti.

L’Agenzia Pomilio Blumm è il più importante player europeo nella comunicazione istituzionale, interessata a sviluppare una nuova teoria del “cittadino consumatore” che superi le teorie del marketing americane. Una nuova idea di trasparenza, big issue per il mondo ma estremamente interessante soprattutto per la cultura europea, così come lo è il rapporto istituzioni cittadino. La scelta è di approfondire queste tematiche creando laboratori culturali, quale è il Blumm Prize, perché gli artisti spesso interpretano la realtà e la anticipano. In particolare l’intento di questa edizione del premio è stata di ricomporre la distanza tra istituzioni e cittadini attraverso l’Arte, linguaggio aperto con il quale è possibile riscoprire i valori etici, civili e sociali alla base del buon funzionamento di ogni società veicolato nel concetto di “trasparenza” ovvero della necessità di far incontrare pubblico e privato su un piano di comunicazione basato sulla fiducia reciproca.

Concept che quest’anno è riuscito ad esprimere al meglio l’artista veneziana Maria Elisabetta Novello che con i suoi “Vasi Comunicanti” si è aggiudicata il primo premio, 9 mila euro in denaro, attraverso un’opera che, si legge nella motivazione, “ci ricorda dell’incessante circolo di decadimento e rigenerazione che pervade l’azione umana dando così un nuovo senso etico alla vita”, mentre a Michele Spanghero è andato il premio di 1000 euro come artista più votato dal web. A scegliere la Novello è stato il Comitato Scientifico composto dal presidente della Pomilio Blumm e chairman Franco Pomilio, dalla curatrice del Blumm Prize Martina Cavallarin, dalla curatrice aggiunta Simona Gavioli, dalla direttrice di DROME magazine Rosanna Gangemi, da Vania Gransnighi (Conservatore dei Musei di Udine e Casa Cavazzin), dalla giornalista esperta in comunicazione applicata della Arti Contemporanee Paola Marino e dal gallerista Rizziero Di Sabatino.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *