Torrevecchia Teatina: Giovanni Paolo II accende l’Abruzzo

Gli occhi del mondo puntati sulla città di Torrevecchia Teatina (Chieti)

Giovanni Paolo II accende l’Abruzzo: sport e cultura per ricordare il Papa polacco

Dal 14 al 16 ottobre in programma: un quadrangolare di calcio, un annullo filatelico, l’inaugurazione di due sale del Museo delle Lettere d’Amore dedicate al Beato e l’intitolazione di un Parco della Gioventù tra i più grandi d’Europa

Si svolgerà domenica 14 ottobre, a Torrevecchia Teatina (Chieti) una grande festa dello sport, promossa dall’amministrazione comunale e dall’Associazione Nazionale Papaboys: un quadrangolare di calcio nel quale scenderanno in campo la Nazionale dei Papaboys, la Dir.Tel Vatican Team, il Team Mediolanum (composto da clienti, dirigenti e family banker del gruppo bancario) e una delegazione delle istituzioni locali.

Lo sport unisce – è la convinzione comune dei promotori dell’iniziativa, che hanno richiamato un passaggio di un’omelia di Giovanni Paolo II:

Lo sport è anzitutto valorizzazione del corpo, sforzo per raggiungere le condizioni somatiche ottimali… Lo sport è agonismo, gara per aggiudicarsi una corona, una coppa, un titolo, un primato… Lo sport è gioia di vivere, gioco, festa, e come tale va valorizzato e forse riscattato, oggi, dagli eccessi del tecnicismo e del professionismo mediante il recupero della sua gratuità, della sua capacità di stringere vincoli di amicizia, di favorire il dialogo e l’apertura degli uni verso gli altri, come espressione della ricchezza dell’essere, ben più valida ed apprezzabile dell’avere, e quindi ben al di sopra delle dure leggi della produzione e del consumo e di ogni altra considerazione puramente utilitaristica e edonistica della vita…”.

Con queste parole Papa Giovanni Paolo II salutava il mondo dello sport, riunito presso lo stadio Olimpico di Roma in occasione del primo Giubileo internazionale degli sportivi (12 aprile 1984). Frasi pronunciate quasi 30 anni fa, ma quanto mai attuali e che animano l’impegno di quanti ancora oggi sono attenti al messaggio della Chiesa sullo sport.

E ci sarà modo di sperimentarle sul campo proprio domani, quando esponenti di maggioranza e opposizione si ritroveranno insieme nella squadra dei politici locali, mentre in quella dei Papaboys, che apparirà in una formazione del tutto rinnovata, gareggeranno anche ragazzi provenienti da altri continenti.

Il quadrangolare farà da “aperitivo” ad una serie di eventi che si svolgeranno a Torrevecchia Teatina il 16 ottobre, anniversario dell’elezione di Karol Wojtyla al Soglio di Pietro (1978): l’inaugurazione di due sale dedicate al Beato Giovanni Paolo II all’interno del Museo internazionale delle Lettere d’Amore, dove saranno esposte migliaia delle testimonianze e delle preghiere che furono depositate in piazza San Pietro nelle ore dell’agonia e della morte del Papa, nell’aprile del 2005; l’intitolazione di un grande Parco della Gioventù tra i più grandi d’Europa (4.500 metri quadrati) alla memoria del Pontefice polacco, che ospiterà una stele portata da una folta delegazione del comune chietino, guidata dal sindaco Katja Baboro, all’Udienza generale di mercoledì 10 ottobre in piazza San Pietro con Papa Benedetto XVI.

Tra le varie iniziative in programma, delle quali è sponsor il gruppo bancario Mediolanum insieme alla New Energy srl e la Walter Tosto spa, ci sarà anche uno speciale annullo filatelico dedicato all’evento dalle Poste Vaticane, che impreziosirà un esclusivo folder in edizione limitata di sole 500 copie.

Torrevecchia Teatina sta attraendo in questi giorni l’attenzione dei media internazionali. La notizia delle manifestazioni, oltre ad essere stata diffusa anche in Spagna, Russia e Brasile, sarà oggetto di uno speciale del primo canale della Tv polacca – realizzato proprio nel cuore dell’Abruzzo, paesaggio di alcuni soggiorni sciistici di Giovanni Paolo II – che milioni di polacchi potranno seguire la sera del 16 ottobre.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *