Torrevecchia Teatina, Festa di San Gabriele dell’Addolorata dal 24 al 27 febbraio

Al secolo Francesco Possenti, nato ad Assisi il 1 marzo del 1838 e morto a Isola del Gran Sasso nel 1862, a soli 24 anni. Una vita che fin da subito deve fare i conti prima con la morte della madre e poi con quella della sorella. Eventi che lo aiuteranno ad avvicinarsi a “sorella morte” senza paura e che lo aiuteranno anche a scoprire la sua vocazione per la vita consacrata nei passionisti. Fu proprio la Madonna a chiamarlo durante una processione dicendogli “Francesco cosa stai a fare nel mondo? Segui la tua vocazione!”

La sua è ritenuta da tutti la morte di un santo. Tutti ricordano i suoi brevi giorni, all’apparenza comuni. Il quotidiano è stato il suo pane, la semplicità il suo eroismo. Le piccole fragili cose di ogni giorno che diventavano grandi per lo spirito con cui le compiva. Lo ripeteva spesso: “Dio non guarda il quanto ma il come; la nostra perfezione non consiste nel fare le cose straordinarie ma nel fare bene le ordinarie”.

San Gabriele è innanzitutto il santo dei giovani. Sono centinaia di migliaia i giovani che vanno da lui per una sosta di preghiera. Ogni anno, ai primi di marzo, poi, migliaia di studenti delle scuole medie superiori dell’Abruzzo e delle Marche arrivano al Santuario per una giornata di spiritualità a “cento giorni dagli esami di maturità”. Nell’ultima settimana di agosto, inoltre, migliaia di giovani da tutta Italia si accampano per quattro giorni al santuario per la Tendopoli-Festa dei giovani.

Anche a Torrevecchia Teatina, nella Parrocchia di San Rocco, dal 24 al 27 Febbraio si terranno cerimonie liturgiche e culturali per onorare il Santo del Sorriso.

Oltre alle Sante Messe di triduo, alla novena già avviata, mercoledi 24 febbraio alle ore 21.00 nella Sala Convegni di Palazzo Valignani, in collaborazione con il Gruppo Dopo-Cresima “Diventiamo Grandi Insieme” e gli allievi del corso in preparazione al Sacramento della Confermazione, sarà proiettato il Musical “Gabriele dell’Addolorata – Un silenzioso sospiro d’amore” scritto e diretto da Carlo Tedeschi, a cui seguirà un dibattito per meglio conoscere la vita del giovane Santo.

Giovedi sera è in programma l’adorazione eucaristica con affidamento a Gesù Eucarestia dei giovani della Parrocchia, i quali venerdi guideranno il consueto appuntamento quaresimale della via crucis e sosteranno in preghiera davanti alla Croce Diocesana dei Giovani.

“Il cuore di questi 4 giorni di preghiera insieme a San Gabriele – conclude il Parroco don Nico – sarà naturalmente la Solenne Concelebrazione Eucaristica di sabato 27 febbraio alle ore 18.00. La funzione, animata dal Coro Parrocchiale “San Rocco” e dai Ragazzi del Dopo-Cresima, sarà presieduta dal passionista Padre Domenico Lanci, che sensibilizzerà la comunità sulla figura e l’esempio di questo grande Santo. Dopo la Messa i nostri giovani, a spalla, porteranno la Venerata Statua del loro protettore in processione per le vie del paese. Sinceramente vivo con grande commozione questo momento, in quanto pur essendomi insediato da poco meno di due mesi, con gioia percepisco il calore e l’affetto dei miei parrocchiani, in maniera particolare dei giovani, futuro della nostra società, che di cuore affido al Santo Patrono d’Abruzzo”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *