Torre de’ Passeri, Itc aperto l’11 febbraio

Attività e laboratori studenteschi, e ancora il progetto musica, un convegno sui movimenti femminili nel dopoguerra e lo spettacolo del comico abruzzese Federico Perrotta. Scuola aperta per l’intera giornata, giovedì 11 febbraio quando le aule, o laboratori e tutti gli spazi dell’Istituto tecnico di Torre de’ Passeri saranno fruibili non solo ai giovani studenti che frequentano la terza media dell’intero comprensorio, ma anche all’intera cittadinanza. Ricco il programma della giornata, che dopo i saluti della dirigente scolastica Patrizia Corazzini (ore 10.30), prenderà il via con lo spettacolo “Io sono Abruzzo”, l’esilarante piece prodotta dal Teatro Stabile d’Abruzzo che ha protagonista Federico Perrotta, originario di Chieti e volto noto del Bagaglino di Pier Francesco Pingitore (ore 11,00). Nel pomeriggio presentazione del progetto musica con il professor Alessandro Di Millo (ore 16.00), un convegno sui “movimenti femminili nel dopoguerra: la testimonianza del Centro Italiano Femminile” a cura della professoressa Gabriella Di Felice (ore 16.30) e ancora laboratori con gli studenti (ore 17.30). “Quella dell’open day sarà anche un’occasione per presentare dettagliatamente il nuovo indirizzo turistico dell’Istituto, come approvato nel piano di dimensionamento approvato dalla Regione il 29 gennaio scorso che dal prossimo anche scolastico amplierà l’offerta formativa dell’Istituto tecnico per ragionieri del nostro paese – ha sottolineato il primo cittadino Piero Di Giulio -. Resta però da sciogliere il nodo cruciale dei trasporti e della necessità impellente di potenziare i collegamenti dai paesi del circondario verso Torre de’ Passeri, dunque verso la sede dell’Istituto, problematica ben chiara sia al presidente della Giunta regionale Luciano D’Alfonso che al presidente della Provincia Antonio Di Marco che si sono impegnati per la sua risoluzione”

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *