Torino di Sangro, dall’Adriatico al Tirreno in mountain bike dal 26 al 29 giugno

In mountain bike lungo la Linea Gustav per ripercorrere i luoghi simbolo della seconda guerra mondiale. I 9 bikers che parteciperanno alla seconda edizione della Linea Gustav in MTB partiranno domani mattina dal cimitero britannico di Torino di Sangro per arrivare dopo tre giorni e altrettante tappe il 29 giugno all’omologo cimitero di Minturno (Latina), nel basso Lazio. Il percorso, 280 chilometri in totale, e’ stato pensato e studiato dall’associazione Winter Line con il patrocinio del comune di Torino di Sangro: “e’ un percorso che unisce l’Adriatico al Tirreno attraverso quarantasette comuni di quattro Regioni diverse (Abruzzo, Molise, Campania, Lazio), lungo carrarecce, strade interpoderali e secondarie nei territori segnati dalla durezza e dal martirio della guerra”, si legge in una nota degli organizzatori. “Come nel precedente anno anche la versione 2014, avra’ lo scopo principale di pedalare per ricordare, unire il ciclismo, sport di sacrificio e passione, con la storia lungo le strade dove si e’ costruita la Costituzione”, sottolinea nella nota il direttore della Lecceta di Torino di Sangro, Andrea Rosario Natale. “La celebrazione della quattro giorni sulle strade della memoria rientra un progetto piu’ grande che ha come caposaldo il turismo storico, e ovviamente rappresenta un mezzo sostenibile di valorizzazione culturale, paesaggistica e naturalistica sotto una chiave turistica nuova: il bike tourism”, spiega Natale. Quest’anno insieme a Andrea Ranalli, Gian Maria D’Alonzo, Ivan Staniscia, Nicola Ranalli e Sergio Trevisan, i ragazzi che in occasione del settantennio della Guerra sul Sangro (2013) hanno gia’ percorso il cammino lungo la Linea Gustav, si uniranno anche Daniele Ferrante, Fabrizio Valluzzi, Giuseppe Tano e Verino D’Alonzo. Il progetto ha incontrato il sostegno della Wilier Triestina, uno dei piu’ importanti produttori italiani di biciclette, che fornira’ ai ragazzi dell’Associazione Winterline le bici con cui affronteranno il viaggio.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *