Teramo. Sblocca Italia, incontro pubblico sulle insidie del decreto il 20 dicembre

Sabato 20 dicembre, con inizio dei lavori previsto per le 17, avrà luogo a Teramo, presso l’Hotel Abruzzo, un incontro pubblico su “Le Insidie dello Sblocca Italia”.

Tra i promotori dell’iniziativa figurano comitati ed associazioni di rilievo nazionale: A Sud, Coordinamento Nazionale NO TRIV, Forum Nazionale Salviamo il Paesaggio, Rete per la Costituzione, Stop al Consumo di Territorio, Appello per l’Aquila, Ambiente e Salute nel Piceno, Abruzzo Social Forum, Comitato Abruzzese Difesa Beni Comuni e Teramo 3.0.

Oggetto dell’incontro sarà un’attenta disamina della legge di conversione del decreto Sblocca Italia, provvedimento spacciato come la soluzione finale e definitiva per “sbloccare” l’Italia e favorirne la crescita, così “perfetta” e definitiva da dover essere modificata dal Governo ad appena un mese dall’entrata in vigore, e che prelude al varo della “madre” di tutte le controriforme: quella del Titolo V della Costituzione.

Oltre a passare in rassegna fatti e misfatti dello Sblocca Italia, i relatori indicheranno anche quali iniziative saranno messe in campo nel corso dei prossimi mesi per bloccare lo Sblocca Italia e per arginare il processo già avviato di controriforma del Titolo V della Costituzione. In una parola, per rimettere assieme ciò che resta del Belpaese.

L’incontro di Teramo fa parte di una campagna nazionale di mobilitazione e di protesta indetta da numerose associazioni e comitati contro le politiche del Governo Renzi, finalizzate al saccheggio del Belpaese attraverso, ad esempio, la realizzazione di opere inutili e devastanti, l’edificazione selvaggia, l’incremento della produzione nazionale di gas e petrolio, ecc., ma considerate “strategiche” al solo fine di garantire il profitto di pochi a discapito del benessere dei più.

Per una pura coincidenza, l’iniziativa viene a cadere nel bel mezzo del dibattito parlamentare sulla Legge di Stabilità 2015 in cui il Governo, cedendo alla pressione delle lobbies petrolifere, ha inserito un emendamento che accentua il carattere repressivo ed anticostituzionale dell’art. 38 del decreto Sblocca Italia, che riguarda il rilancio delle attività di prospezione, ricerca e coltivazione di gas e petrolio, e quelle di stoccaggio sotterraneo di gas.

A Sud, Coordinamento Nazionale NO TRIV, Forum Nazionale Salviamo il Paesaggio, Rete per la Costituzione, Stop al Consumo di Territorio, Appello per l’Aquila, Ambiente e Salute nel Piceno, Abruzzo Social Forum, Comitato Abruzzese Difesa Beni Comuni, Teramo 3.0.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *