Teramo, rassegna “TERRE DI TEATRI SCUOLA” dal 27 gennaio al 2 marzo

Dal 27 Gennaio al 2 Marzo avrà luogo la rassegna di teatro per ragazzi “TERRE DI TEATRI SCUOLA” , in matinée per le scuole alle ore 10.00, in 4 diversi Comuni della provincia di Teramo.

Il primo spettacolo verrà presentato in occasione della giornata della Memoria, il 27 gennaio a Giulianova, alle ore 10,00 presso l’Auditorium del Centro culturale Annunziata e il 28 Gennaio a Sant’Omero presso la sala Marchesale. Lo spettacolo “No, storia di un rifiuto” della compagnia Arti e spettacolo e Teatro del Paradosso “È una storia dimenticata” dice l’autore, “che voglio raccontare vagando sulle tracce di mio padre, militare italiano internato nei lager tedeschi dal 14 settembre del ’43 al 6 aprile del ’45, quando fu liberato dalle truppe canadesi. Lo spettacolo ripercorre la storia italiana, dal fascismo al dopoguerra, attraverso diari, filmati, oggetti, narrando fatti spesso ignorati o toccati marginalmente dai libri di testo. Il 9 Febbraio lo spettacolo “Pinocchio e il diritto a non essere un burattino” del Teatro Lanciavicchio verrà rappresentato presso il centro socio culturale a Giulianova. Lo stesso spettacolo verrà replicato il 10 Febbraio a Nereto presso l’auditorium del Liceo Scientifico e l’11Febbraio ad Ancarano. Infine il 25 Febbraio a Giulianova e il 2 Marzo ad Ancarano chiuderà la rassegna lo spettacolo “Vivo nel Vuoto” della compagnia Terrateatro

“Terre di Teatri Scuola” è un evento di continuità per l’anno 2016, del più completo festival festival “Terre di Teatri” che dal 2008 si svolgeva a Giulianova. “Terre di Teatri” e’ stato per 12 anni un’alternativa teatrale importante, a volte l’unica stagione teatrale di prosa e teatro contemporaneo per la provincia di Teramo e la città di Giulianova. Ha ospitato spettacoli di Ascanio Celestini, Sergio Rubini, Babilonia Teatri, Ambrogio Sparagna e Peppe Servillo, Daniele Sepe, Cesar Brie, Scena Verticale e molti altri artisti.

A causa della scarsità di fondi destinati alla cultura la stagione 2015/2016 non ha visto la luce nella sua forma originaria ma è stata rimodulata, grazie alla forte convinzione della Fondazione Tercas , nel progetto “Terre di Teatri Scuola”.

L’obiettivo e il cuore del nuovo progetto risiedono in una profonda convinzione della compagnia Terrateatro (che organizza l’evento): tutelare le nuove generazioni, ossia il pubblico e i cittadini di domani. Forse il nostro obiettivo appare presuntuoso, ma crediamo nel lavoro e nelle proposte che abbiamo voluto portare avanti in questo decennio e oltre. In un’epoca di genocidio culturale, per citare Pasolini, riteniamo utile ripartire dalla fonte, dall’età dei sentimenti, del gioco e delle passioni, lasciare un segno seppure minimo, superare i condizionamenti altri che spesso società ed istituzioni impongono. Altro non riusciamo a immaginare per difendere un elemento di cultura che crediamo sia stato, in questo tempo passato, forte ed evidente. Vogliamo affidarci non a chi, distrattamente non crede più nel senso vero di una proposta culturale, ma a chi quella proposta dovrebbe averla come beneficio.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *