Teramo, mega centro di formazione in diabetologia il 20 e 21 settembre

20 e 21 settembre 2013 provincia e territorio della Asl di Teramo si trasformano in un mega centro di formazione ospitando un rivoluzionario progetto scientifico di aggiornamento in diabetologia inserito rivolto a medici, dietisti e infermieri: amati project. Saper dire al paziente come e cosa mangiare, come fare attivita’ fisica e come automonitorarsi. Far comprendere all’operatore quali terapie usare e come collaborare con le altre figure professionali nell’interesse dell’utenza. Ben tre le località interessate, San Nicolò, Giulianova, Mosciano. Tutto questo è A.M.A.T.I.

Alimentazione, Movimento, Autocontrollo, Trattamento, Interdisciplinarità responsabili scientifici il Silvestro De Berardinis, Direttore del Dipartimento delle Discipline Mediche, U.O.S.V.D. Diabetologia di Giulianova e Giuseppe Fatati, Direttore della Struttura Complessa di Diabetologia, Dietologia e Nutrizione clinica dell’Azienda S. Maria di Terni, Segretario generale ADI, associazione di Dietetica e Nutrizione clinica. Francesco Fagnani, Presidente Alba Auxilia, è responsabile della progettualità formativa ai fini dell’inserimento nel programma nazionale di Educazione Continua in Medicina. Una formazione innovativa. Dr. Francesco Fagnani “le attuali linee guida della Educazione Continua in Medicina si possono riassumere efficacemente con il motto ‘meno informazione, più formazione’. AMATI vuole essere questo, un coinvolgimento diretto del corsista affrontando il Diabete a 360°, esercitazioni, fitwalking, gestione del controllo glicemico, senza dimenticare le innovazioni in tema di terapia e il teamworking fra le diverse professioni (Medico, Infermiere e Dietista)”, Mosciano, 21.09.2013 pomeriggio.

In dettaglio:

20.09.2013 Sessione ALIMENTAZIONE

S. Nicolò a Tordino (TE) presso PAP srl, Zona industriale ore14.45

Autorità presenti all’apertura lavori Sindaco Teramo, Dr. Brucchi o suo delegato e Ordine Medici, Dr. Napoletano o suo delegato. I partecipanti impareranno le combinazioni alimentari consigliate per il diabete cimentandosi essi stessi, in gruppi di lavoro, nella esecuzione diretta di ricette presso la PAP di San Nicolò a Tordino. 20.09.2013. Prof. Fatati, Presidente ADI, nutrizionisti clinici italiani, responsabile della Sessione “il Medico e gli altri operatori debbono saper guidare il Paziente anche nelle indicazioni quotidiane. L’Alimentazione corretta nel diabetico rappresenta un fattore fondamentale. Il diabetico non deve essere discriminato in quanto tale, ma, anzi, deve poter godere del cibo, scoprendo il concetto di mediterraneità, dieta mediterranea con il piacere di stare insieme”.

21.09.2013, MATTINA, Sessione Autocontrollo glicemico e Movimento

Giulianova, Kursaal e lungomare, Autorità presenti all’apertura lavori Sindaco Giulianova, Dr. Mastromauro o suo delegato e Assessore regionale allo Sport, Dr. Carlo Masci, che darà il via anche al fitwalking la correlazione fra movimento e glicemia sarà testata dai partecipanti con esecuzione diretta di fitwalking. Dr. De Berardinis: “la mattina del 21.09.2013, dopo una parte introduttiva presso il Kursaal di Giulianova, i corsisti, dopo l’autocontrollo della glicemia, si sposteranno nel lungomare antistante e, con una sessione di fitwalking di 3km, potranno, in un successivo controllo glicemico, capire l’importanza del movimento sulla riduzione della glicemia. Parteciperanno anche i pazienti ed un testimonial della nazionale Atleti Diabetici, tutti avranno la medesima pettorina colorata”. Presente fra gli altri il Prof. Gerardo Corigliano, Responsabile Servizio Diabetologia A.I.D. Asl Napoli 1 e Presidente Associazione Nazionale Italiana Atleti Diabetici, e un testimonial della Nazionale Italiana atleti diabetici, Salvatore Fimiani*. Affiancheranno corsisti e pazienti nella sessione di fitwalking due tutor, Cristina De Fazio, Scienze Motorie preventive ed adattative, Napoli e Fausto Di Giulio, Scienze Motorie – Fisioterapista Medical Sport.21.09.2013, POMERIGGIO, Sessione Trattamento & Interdisciplinarità

Mosciano S. Angelo, Breaking hotel

Autorità presenti all’apertura lavori Sindaco Mosciano, Dr. DI MARCELLO o suo delegato e Dr. Lanfranco Venturoni Quali Relatori animeranno la sessione di Mosciano Dario Di Michele, Direttore Medico U.O.C. Medicina, Teramo, Dipartimento Discipline Mediche e Presidente FADOI Abruzzo, Ercole D’Ugo, Responsabile U.O. Diabetologia, Lanciano – Vasto, Rossella Iannarelli, Responsabile U.O. Diabetologia, L’Aquila, Consigliere Diabete Italia, Ennio LattanziU.O.S.V.D. Diabetologia, Teramo, Consigliere AMD Abruzzo, Valeria Montani, Dirigente medico UO Diabetologia P.O. Atri (TE). Altre info utili Quali enti, oltre la Provincia e la ASL hanno dato il loro patrocinio ed invieranno loro rappresentanti ufficiali all’evento Comuni Teramo, Giulianova, Mosciano, Regione Abruzzo, Ordine Medici Teramo, Fondazione ADI (nutrizionisti clinici italiani), Ass. ne SEDNA diabetici, ANIAD Ass. ne Naz. Atleti Diabetici Altre importanti collaborazioni alla iniziativa il lungomare di Giulianova, fino al confine con Tortoreto, verrà suddiviso in punti di assistenza per il fitwalking ogni 500 mt, con la collaborazione dei Vigili Urbani di Giulianova, della Protezione Civile di Tortoteto, della Associazione Diabetici SEDNA di Giulianova e della Croce Rossa Giuliese, che allestirà un punto nella zona antistante all’Hotel Cristallo (v, mappa). (*) Chi è l’atleta della Nazionale atleti diabetici presente? Parla il Prof. Corigliano” Salvatore Fimiani, ha 48 anni ed e’ diabetico insulinodipendente dall’eta’ di 8 anni (quaranta anni di diabete tipo 1 senza complicanze!!). Da ragazzo, sfidando i divieti dell’epoca, ha praticato il motocross diventando campione regionale. Con la maturità si e’ dato al fondo (sport ideale per un diabetico), corre abitualmente la mezza maratona (21,095 KM ) con il miglior tempo di 1 ora e 30’. E’ un testimonial “comune” non certo un atleta professionista: ritengo che queste persone “comuni” servano meglio allo scopo perché impersonano il diabetico “medio”, mentre il grande atleta talora,considerando la psicologia della maggior parte dei diabetici che tende alla bassa autostima, creerebbe un distacco e rappresenterebbe solo un modello ideale e non reale”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *