Teramo, Arci organizza prima festa della musica indipendente il 20 giugno

Sabato dalle ore 16,00 in poi presso Piazzetta del Sole a Teramo l’Arci provinciale in collaborazione con il circolo Officine Indipendenti organizza la prima edizione della festa della musica indipendente. La Festa della Musica nacque in Francia, grazie ad un’iniziativa del Ministro della Cultura francese il 21 giugno 1982. I musicisti furono invitati ad esibirsi gratuitamente per le strade, nelle piazze, nei giardini, nelle corti, nei musei, nei castelli e anche negli ospedali e nelle case di riposo. In quest’occasione si ebbe anche modo di suggerire alle grandi istituzioni musicali (orchestre, opere, cori, ecc..) di aprirsi a nuovi spazi e nuovi generi. Da quel giorno, Festa della Musica è diventata una grande manifestazione popolare, gratuita, aperta a tutti i musicisti, dilettanti o professionisti, che desiderino esibirsi; il 21 giugno di ogni anno milioni di persone partecipano a questo evento, che mescola tutti i generi musicali e si rivolge alla gente con l’obiettivo di diffondere la pratica musicale e di familiarizzare giovani e meno giovani, di tutte le condizioni sociali, alle diverse espressioni musicali. Il successo di questo evento culturale ha portato la Festa della Musica a diffondersi in 30 anni in più di 130 paesi ed in circa 400 città del mondo. La forza di questo evento ha dato origine ad un progetto Europeo, al quale partecipano già numerose capitali europee. Per questi motivi l’Arci ha intitolato l’edizione della Festa della Musica 2015 “Suonare la città”. L’obiettivo – afferma l’associazione in una nota – è essere promotori di occasioni per ribadire come questo nostro agire, organizzare, promuovere sia centrale perché le città, i paesi, le frazioni possano dirsi vivi e vivaci. Nello stesso tempo – prosegue la nota – vogliamo continuare a sostenere le nostre richieste per rafforzare il settore e migliorare il nostro lavoro per dar modo a tantissimi, soprattutto giovani, di essere parte attiva di questo mondo: operatori, tecnici, musicisti, autori, piccoli editori, insegnanti.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *