Teramo, 100 giorni agli esami a San Gabriele il 14 marzo

In occasione della ricorrenza dei 100 giorni agli esami di Stato, il prossimo 14 marzo, ancora una volta lo sforzo è comune: per primi a voler una nuova veste per il tradizionale appuntamento dei giovani dell’ultimo anno delle scuole superiori sono i Frati Passionisti che reggono il Santuario di San Gabriele dell’Addolorata che hanno previsto anche quest’anno solo funzioni religiose (ore 10.00 e 11.30) con la tradizionale benedizione delle penne ed un percorso giubilare con il passaggio per la “Porta della Misericordia” dalle ore 14.30. L’appello rivolto al Prefetto ed al Questore per uno sforzo affinché il raduno dei giovani si svolga nella massima serenità è stato prontamente raccolto. In sede di tavolo tecnico in Questura tutti gli attori hanno messo in campo le proprie forze per arrivare a far trascorrere ai ragazzi una giornata di comunione serena, recuperando lo spirito religioso che ha animato, dall’inizio, l’appuntamento annuale. Lotta all’alcool e alla droga: questo l’impegno di tutti. Dai sindaci di Isola del Gran Sasso e di Colledara, a tutte le Forze dell’Ordine, comprese le Polizie Municipali e la Polizia Provinciale, tutti saranno in campo. I veicoli – fa sapere la questura di Teramo – verranno fatti confluire nell’unico parcheggio predisposto. Qui verranno controllati per evitare che vengano portati contenitori con vino o super alcolici. Cani antidroga della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza segnaleranno la presenza di stupefacenti. Numerosi presidi della Polizia Stradale saranno predisposti lungo il percorso, sin dall’uscita dell’A/24 per i controlli con etilometro e precursori per droga per prevenire spiacevoli, e spesso gravi, incidenti stradali. Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e Agenti del Corpo Forestale presidieranno i punti sensibili e assicureranno il rispetto delle ordinanze dei sindaci che vietano in quel giorno la somministrazione, detenzione e trasporto di bevande alcooliche. Il 118, come sempre, coordinerà il servizio di emergenza sanitaria.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *