sulmona, Antonello De Luca:Grande Pescara e Grande Centro Abruzzo

In riferimento alla richiesta del Movimento 139 alla regione, per l’indizione del Referendum per la “Grande Pescara” e, quindi, della possibile realizzazione della fusione del capoluogo con le aree limitrofe di Montesilvano e Spoltore, non possiamo che associarci e sostenerla.

Essa va nella stessa direzione del ns progetto per il Centro Abruzzo che serve anche da riequilibrio ineludibile delle aree interne con la costa. Come il Mov 139 sottolinea, i risparmi previsti in 139 milioni di euro, nel caso della Grande Municipalità del Centro Abruzzo, si attesterebbero sui 112 milioni. Ma a questo si dovranno aggiungere, sia per il ns caso che per la Grande Pescara, i finanziamenti previsti dal Bilancio Europeo 2014-2020, per infrastrutture, mobilità, sanità, turismo, ambiente, scuola, agricoltura, che ammontano ad altri centinaia di milioni. Di questi tempi non sono certo cifre da sottovalutare. Certo non é solo questa la molla che deve spingerci, c’é anche un altro elemento determinante e ben più importante. Si creeranno degli agglomerati più rispondenti ed adeguati alle sfide europee e territoriali, che già sono in corso come il Ministero per la Coesione Territoriale ci ha ricordato e sottolineato nel recente convegno da noi organizzato a Sulmona con l’allora Ministro Barca. Ora, ora é il momento! Perdere tempo significherebbe perdere opportunità e capacità di fare massa critica, di avere un progetto comune.

Da soli si resta indietro, ancor più nell’entroterra. La cosa sarebbe ancor più grave per il Centro Abruzzo che già sta pagando prezzi altissimi in termini di economia, lavoro e degrado del territorio, cosa molto pericolosa per la costa stessa. I progetti di Grande Municipalità del Centro Abruzzo, con Sulmona città Capofila e Grande Pescara devono marciare in sinergia, producendo un motore nuovo e potente che rilanci le ns economie abruzzesi.

A questo e ad altre situazioni unificanti, stiamo lavorando anche noi da un anno e a breve imposteremo una scheda progettuale ed altre proposte da sottoporre alle istituzioni e ai cittadini.

Antonello De Luca, Mov. Ripensiamo il Territorio

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *