Stiffe, presepe vivente in grotta

Le Grotte di Stiffe e la Pro loco di San Demetrio ne’ Vestini (L’Aquila) presentano
Il Presepe vivente 26 dicembre 2012 dalle 15 alle 18

I pastori, la Natività, gli antichi mestieri, Erode e molto altro accompagneranno il visitatore attraverso un percorso guidato, irreale e suggestivo all’interno delle Grotte di Stiffe, per un pomeriggio ricco di emozioni e meraviglie.
Inoltre, nei pressi dell’entrata delle grotte, l’Enoteca “Casale Liberati” sarà lieta di farvi degustare castagne, vin brulè e altre delizie.

INFO: www.grottestiffe.it 0862-86142 info@grottestiffe.it

Simbologia del Presepe

Il presepe è una rappresentazione della nascita di Gesù. Il termine deriva dal latino praesaepe, cioè greppia, mangiatoia, composto da prae = innanzi e saepes = recinto, ovvero luogo che ha davanti un recinto.
La tradizione, prevalentemente italiana, risale all’epoca di San Francesco d’Assisi che nel 1223 realizzò a Greccio la prima rappresentazione vivente della Natività.
Il presepe è una rappresentazione ricca di simboli. Alcuni di questi provengono direttamente dal racconto evangelico: la mangiatoia, l’adorazione dei pastori e la presenza di angeli nel cielo.
Altri elementi appartengono a una iconografia propria dell’arte sacra: Maria ha un manto azzurro che simboleggia il cielo; San Giuseppe ha in genere un manto dai toni dimessi a rappresentare l’umiltà; i re magi, simbolo sia delle ambientazioni esotiche sia delle tre popolazioni del mondo allora conosciuto, ovvero Europa, Asia e Africa.
L’immagine della grotta, poi, è un ricorrente simbolo mistico e religioso per molti popoli soprattutto del settore mediorientale: del resto si credeva che anche Mitra, una divinità persiana venerata anche tra i soldati romani, fosse nato da una pietra.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *