Stiffe, festa medievale nel borgo il 21 aprile

La festa si svolgerà presso gli spazi adiacenti l’area pic nic e, inoltre, le visite in grotta della mattinata saranno accompagnate dai vari personaggi. Presso il bar delle Grotte di Stiffe è possibile anche degustare alcune pietanze della tradizione popolare e usufruire comodamente dell’attrezzata area pic nic e del parco giochi per bambini – Menù del Falconiere (A): zuppa di ceci e patate con salsicce, bicchiere di vino e caffè (€ 7,00) – Menù del Giocoliere (B): lenticchie con salsicce, bicchiere di vino e caffè (€ 7,00) – Menù del Mangiafuoco (C): affettato di montagna, bicchiere di vino e caffè (€ 7,00) Ingresso grotte + menù A 0B 0C: € 14,50- Menù dell’Arciere (D): panino con porchetta o prosciutto o lonza o formaggio, bicchiere di vino e caffè (€ 5,50) Ingresso grotte + menù D: € 13,00(è gradita la prenotazione) . tel 0862-86142 , mail info@grottestiffe.it, sito www.grottestiffe.itAllestimento di un campo medievale con tiro con l’arco e balestra, artigiani, falconieri, giocolieri, mangiafuoco, serpenti, figuranti e musici.

I tornei e le giostre si diffusero in tutta Europa a partire dal XII secolo ed assunsero sempre maggiore importanza, divenendo assai fastosi e spettacolari. I tornei nacquero per l’allenamento fisico e militare dei nobili nei periodi invernali.

L’occupazione principale dei nobili nel medioevo erano le campagne militari, che si tenevano, tranne rari casi nei mesi caldi: in quelli freddi gli eserciti venivano sciolti e per alcuni periodi il freddo impediva anche di occuparsi della caccia. Ciò causava un infiacchimento del fisico e dei riflessi e la soluzione venne trovata nell’organizzare battaglie simulate. Originariamente prevedevano battaglie con alto rischio di morte, ma nel XIII secolo si diffuse l’uso di utilizzare lance spuntate e spade senza punta nè taglio. I tornei si svolsero ancora fino al XVII secolo, ma la Chiesa e le Monarchie ne limitarono nel tempo gli aspetti più sanguinosi, esaltandone l’aspetto prettamente sportivo e cavalleresco. L’organizzazione degli eventi divenne sempre più rituale e sontuosa, codificata da un complesso cerimoniale. Le armature dei cavalieri divennero sempre più ricche e personalizzate con bardature e colori sgargianti.

Tutto era un pretesto per festeggiare: si festeggiavano le vittorie dei sovrani, l’elezione di un pontefice, l’arrivo di personaggi di gran conto, e le nozze.

Principi, artisti, letterati si applicavano ad organizzare queste feste; addirittura lo stesso Leonardo da Vinci fu costretto a ideare macchine colossali per cortei nuziali o celebrativi, a disegnare costumi, ad organizzare fuochi d’artificio, e per queste occasioni gli artisti scrivevano versi d’occasione. A volte le piazza si trasformavano in circo o in terreno di caccia. In occasioni speciali venivano allagate artificialmente per simulare una battaglia navale o per rivisitare un mito in cui apparivano mostri marini di cartapesta.

Prossima partenza 21 aprile 2014 (Pasquetta)

GROTTE DI STIFFE

partenze da Lanciano – Pescara – Chieti

In treno… sperimenta un viaggio ecosostenibile scopri bellezze naturalistiche e culturali assapora eccellenze enogastronomiche divertiti al ritmo di musica e canti della tradizione popolare.

INFO: 327-5843233

Grotte di Stiffe – Via del Mulino, 2 – Stiffe – 67028 San Demetrio ne’ Vestini (L’Aquila) Abruzzo – ITALY  –  tel. 0862-86142 – fax 0862-86111  –  web: www.grottestiffe.it

Teramo, mostra su Fellini, Scola e Virzì dal 5 aprile al 22 giugno

La mostra Fellini Scola Virzi’ – inaugurata dopo la “Prima del film a Teramo” lo scorso 5 aprile resta aperta fino al 22 giugno nei locali dell’Arca – Laboratorio per le A Contemporanee in Largo San Matteo. L’esposizione è a ingresso gratuito

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *