Sicurezza in sala operatoria

Sicurezza in sala operatoria.
Un volume del prof. Paolo Innocenti

Sicurezza in Sala Operatoria

Sicurezza in Sala Operatoria

E’ stato di recente pubblicato, per conto della Società Italiana di Chirurgia, il volume Sicurezza in sala operatoria: dalle abilità non tecniche all’accreditamento del chirurgo (Ianieri Edizioni) che ha come editor il prof. Paolo Innocenti, direttore della Scuola di Specializzazione in Chirurgia Generale dell’Ateneo G. d’Annunzio.

Negli ultimi anni il problema degli errori in medicina è stato ampiamente analizzato e dibattuto. Molti studi ne hanno confermato la rilevanza sia dal punto di vista epidemiologico che economico e confermato un ruolo causale alla base del contenzioso medico-legale.

Il fatto che, molti degli errori occorsi siano risultati prevenibili ha impresso una forte spinta alla ricerca di metodi di prevenzione.

La sollecitazione esercitata dall’opinione pubblica, allarmata da episodi di cosiddetta malasanità, per avere ospedali sicuri ha avuto poi un ruolo di stimolo nello sviluppo di iniziative volte ad incrementare la sicurezza negli ospedali e nelle sale operatorie.

Nel volume, dopo un’analisi sull’errore umano in medicina, sulla dimensione dei rischi negli ospedali italiani e sulla programmazione nazionale in tema di sicurezza, vengono presi in esame tutti gli strumenti utilizzati per rendere sicure le nostre sale operatorie.

Gli studi sugli incidenti in aeronautica hanno portato ad analizzare il fattore umano e a suddividere in due categorie le abilità dei professionisti: tecniche e non tecniche.

Il professionista deve possedere abilità tecniche (quelle proprie della propria attività lavorativa) ed abilità non tecniche (capacità cognitive, relazionali ed interpersonali).

Queste ultime sono ugualmente importanti per la sicurezza e la prevenzione degli errori in quanto da esse dipende la capacità dei team di comportarsi come un’unica intelligenza collettiva.

Il prof. Innocenti propone poi, come strumento per aumentare la sicurezza in sala operatoria, l’introduzione dell’accreditamento del chirurgo cioè della certificazione delle sue capacità professionali. Tale accreditamento dovrà essere effettuato dalle Scuole di Specializzazione e nel corso della carriera, in analogia a quanto avviene in numerosi stati europei e negli Usa, da parte delle società scientifiche.

Capitoli importanti sono infine dedicati al ruolo della Università nella formazione per la sicurezza e nell’accreditamento.

Al volume, hanno collaborato esperti del mondo ospedaliero, universitario, del SSN e del Ministero della Salute.

Università degli Studi G. d’Annunzio di Chieti-Pescara
Ufficio Stampa e Comunicazione
Roberta Zimei
tel. 0871.3556000 – 3936592940

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *