Sant’Omero, Festival nazionale di teatro delle differenze dal 4 all’8 luglio

Festival di teatro delle differenze TEATRI PARALLELI dall’1 al 5 luglio a Sant’Omero di Teramo.

Il Festival, con ingresso Gratuito, vede in scena attori diversamente abili provenienti da tutta Italia, unico in Abruzzo e di respiro nazionale, è giunto alla sua settima edizione.

Dal 1 al 5 luglio, a partire dalle ore 21.15, in piazza Antonio De Curtis a Sant’Omero, avrà luogo la settima edizione di TEATRI PARALLELI, Festival Nazionale di Teatro delle DIfferenze. In scena si esibiranno compagnie teatrali composte  da attori con diverse abilità provenienti da tutta Italia. Oltre agli spettacoli il festival propone anche due laboratori gratuiti.

L’edizione 2013 si arricchisce di un’importante conferma a livello nazionale: il festival Teatri Paralleli (insieme  a Terre di Teatri) vince il PREMIO FRANCO ENRIQUEZ Città di SIrolo 2012 per l’impegno sociale  e civile, nella sezione Teatro e Teatro Ragazzi.

 

“….si assiste alla creazione di festival dai contenuti altissimi per impegno sociale e civile, Terre di Teatri e Teatri Paralleli 2012- festival di Teatro Contemporaneo e Teatro Ragazzi, il primo, e festival di teatri delle diversità, il secondo, sono eventi da sostenere e supportare con forza, soprattutto per la loro forte funzione comunicativa, capaci di dare uno slancio positivo al teatro sociale, terapeutico non solo per chi lo fa, ma anche e soprattutto per chi lo vive da spettatore.” Il Presidente del Centro Studi Franco Enriquez, Paolo Larici

 

Teatri Paralleli propone anche quest’anno le sue riflessioni sull’arte teatrale contemporanea e sui nuovi linguaggi legati alla disabilità, alla diversità, alle differenti modalità di intendere ed interpretare il teatro. L’iniziativa è della Cooperativa Sociale La Formica e della Pro-loco di Sant’Omero  e vede la collaborazione del Comune di Sant’Omero,Regione Abruzzo, Provincia di Teramo e la Compagnia Terrateatro, oltre al sostegno straordinario della Fondazione Tercas.

PROGRAMMA

Si Inizia LUNEDI’  1 luglio con Il TEATRO DELLE FORMICHE di Colonnella che aprirà il Festival con una Parata dal titolo “Gli attori della Luna” , a seguire  la compagnia di Bari OFFICINA D’ARTE IN MOVIMENTO presenta “Una piccola ape furibonda” spettacolo sulla vita della poetessa Alda Merini.

MARTEDI’ 2 luglio la compagnia COMUNITA’ XXIV LUGLIO de L’Aquila presenta lo spettacolo “S’ogni Sogno lasciasse un Segno”, che si compone di 4 sogni, 2 in forma teatrale e 2 cortometraggi

Si continua MERCOLEDI’ 3 Luglio con il gruppo COMUNITA’ TERAPEUTICA CEIS “Il Faro”-TEATRO del PARADOSSO, di Pescara in “Le nuvoleda Aristofane.

GIOVEDI’ 4 luglio la compagnia BABILONIA TEATRI di Oppeano (TR) presenta“Pinocchio” nato da un laboratorio teatrale presso la Casa dei Risvegli  Luca De Nigris.

Due spettacoli in programma per  l’ultima sera,  VENERDI’ 5 luglio. Alle ore 21.15 DIRIGIBILE di Forlì  presenta “Esperando” , un’opera ironica in 3 atti.

Chiude il festival  alle ore 22,oo lo spettacolo di fine laboratorio “I bambini della Luna” dei BAMBINI DI SANT’OMERO, a cura della compagnia Terrateatro

 

Il cartellone prevede anche la sezione dei LABORATORI a partecipazione gratuita, che si svolgeranno presso la scuola elementare di Sant’Omero.

Mercoledì 3 luglio dalle ore 10.00 alle 17.00 seminario teorico-pratico dal titolo

TEATRO EDUCATIVO, OGGETTO TRANSIZIONALE E TEATRO DI FIGURAcondotto da Corrado Sorbara docente esterno al Master di Teatro Sociale presso l’Università agli Studi La Sapienza, di Roma.

Tutti i giorni dal 1 al 5 luglio, ore 17.00-19.00  LABORATORIO PER BAMBINI condotto da Cristina Cartone della compagnia Terrateatro.

 

In caso di pioggia gli spettacoli avranno luogo presso la palestra della scuola media ( nei pressi di Piazza De Curtis)

 

PROGRAMMA

SPETTACOLI

LUNEDI’ 1 luglio, ore 21.15

Parata d’Apertura

TEATRO DELLE FORMICHE, di Colonnella (TE)

“Gli Attori della Luna”

Ore 22.00

OFFICINA D’ARTE IN MOVIMENTO, Pro Loco Bitetto (BA)

“Una Piccola Ape Furibonda”

 

 

MARTEDI’ 2 luglio, ore 21.15

COMUNITA’ XXIV LUGLIO , de L’Aquila

“S’ogni Sogno lasciasse un Segno”

 

MERCOLEDI’ 3 luglio, ore 21.15

COMUNITA’ TERAPEUTICA CEIS “Il Faro”-TEATRO del PARADOSSO, di Pescara

“Le Nuvole”

 

GIOVEDI’ 4 luglio, ore 21.15

BABILONIA TEATRI, di Oppeano (VR)

“Pinocchio”

 

VENERDI’ 5 luglio, ore 21.15

IL DIRIGIBILE, di Forlì (FC)

“Esperando”

Ore 22.30

Parata di Chiusura – I BAMBINI di SANT’OMERO

“I Bambini della Luna”

 

LABORATORI, presso la scuola elementare di Sant’Omero

Partecipazione gratuita

 

Tutti i giorni dall’1 al 5 Luglio, ore 17.00-19.00

CRISTINA CARTONE, Terrateatro

Laboratorio per bambini

IL laboratorio è rivolto ai bambini dai 7 agli 11 anni. Parte da esercizi corali per arrivare ad una conclusione performativa che porterà il gruppo al momento finale del festival

 

Mercoledì 3 luglio, ore 10.00-17.00

CORRADO SORBARA

“Teatro Educativo, oggetto transizionale e teatro di figura”

Citando “l’oggetto transizionale” ricorre subito l’immagine di quegli “strumenti”, quali la coperta di Linus, l’orsacchiotto, il fazzoletto… , che nel mondo dell’infanzia sono facilitatori, in uno spazio intermedio (terza area Winnicottiana), di quel passaggio tra il dentro ed il fuori, tra il “me e il non- me”, dove l’oggetto è investito di una forte carica affettiva. Il Teatro di Figura è quella particolare arte teatrale dal linguaggio altamente visuale e sensoriale che utilizza l’oggetto in tutte le sue forme e qualità, ed in tutte le sue potenzialità trasformative. Se già il teatro è di per sé strumento di mediazione, nella pluralità di mediatori che vengono proposti nei percorsi laboratoriali, non possono mancare quelli mutuati dal teatro di figura, quali: ombre, teatro nero, oggetti quotidiani, marionette e quant’altro.

 

INFORMAZIONI SPETTACOLI

LUNEDI’ 1 luglio, ore 21.15

Parata d’Apertura

TEATRO DELLE FORMICHE, di Colonnella (TE)

“Gli Attori della Luna”

Con: Con: Antonio Agostini, Giancarlo Costantini, Cristiano Di Martino,

Matteo Marconi, Roberto Rullo, Stefania Scartozzi, Angelo Titi

Con la partecipazione della M° Maria Cristina Vallese

Regia e drammaturgia: Ottaviano Taddei

 

Vengono dalla luna gli attori. Rischiano ogni volta di non essere compresi. Portano la poesia tra gli uomini, ma corrono il pericolo di essere rifiutati, o addirittura presi di mira. Ma continuano fino in fondo la loro strada. Portano con sé frammenti di luna e sogni. Con le parole e la musica sperano ancora che qualcosa possa essere salvato.

 

Ore 22.00

OFFICINA D’ARTE IN MOVIMENTO, Pro Loco Bitetto (BA)

“Una Piccola Ape Furibonda”

Con: Valentina Castoro, Giuseppe Damone, Giulio De Benedittis, Mariangela Fazio, Alessandro Fusco, Erica Gasparinic, Nica Gaudio, Carmen Giannone, Graziana Marziliano, Rossella Occhiogrosso, Sergio Patremia, Marianna Piccininni, Mirko Rizzi, Donato Selvaggi, Maria Tarulli, Daniela Turchiano, Alice Villani e Valentina Villani.

Aiuto regia: Anna Marziliano

Regia: Vito Dalò

 

Il titolo è la definizione con la quale la Merini amava definirsi. Lo spettacolo narra la vita della poetessa, vista nel suo privato e nel rapporto con le figlie…Vito Dalò regista teatrale che opera in Friuli Venezia Giulia e che ha molto amato il pensiero poetico della grandissima Alda Merini, decide di portare in scena la sua vita e il suo pensiero poetico. Contatta la figlia maggiore della poetessa, Emanuela Carniti e la intervista per avere informazioni, non su quanto è di dominio pubblico ma sul privato della poetessa, sulla sua vita e il rapporto con le 4 figlie. Lo spettacolo emoziona profondamente il pubblico e riscuote un grande successo, tanto che è stato scelto dalla fondazione Giorgio Gaber per una rassegna teatrale internazionale.

 

 

MARTEDI’ 2 luglio, ore 21.15

COMUNITA’ XXIV LUGLIO , de L’Aquila

“S’ogni Sogno lasciasse un Segno”

Con: Angelo Ciammola, Ignazio Faccia, Alessandra Ercole, Rita Agostinelli, Franca Michetti, Barbara Fontanazza, Ruggero Marinucci, Gianluca Corsi, Giampiero Ricci, Andrea Iezzi, Andrea Gaudenzi, Fabrizio Cicolani, Emanuele Palmieri, Valerio Maragni, Alvaro Cometti, Alessandra Silva, Luigi Gregori, Giancarlo Di Fabio, Fabio Di Fabio, Anais D’Ascenzi, Rosanna Barone, Matteo Aversano, Marisa Soldati, Gianna Luciani, Giada Di Bonaventura, Andrea Alfonso, Gianpaolo De Andreis, Paolo Bon Augurio, Luisa Gaudino, Laura Paone

Riprese Video: Francesco Paolucci

Regia e Drammaturgia: Comunità XXIV Luglio

 

In questo spettacolo verrà affrontata la tematica del sogno da un punto di vista molto particolare; un grande ipnotizzatore ha creato una Macchina dei Sogni, in grado di generare visioni individuali e collettive, in grado di trasportare gli attori e gli spettatori in altre epoche o in altri luoghi variopinti, rumorosi e psichedelici.

Lo spettacolo è quasi interamente muto, i corpi, la musica e i colori sono i veri protagonisti della messinscena, che si compone di 4 sogni, due dei quali sotto forma di cortometraggi e due teatrali.

 

 

MERCOLEDI’ 3 luglio, ore 21.15

COMUNITA’ TERAPEUTICA CEIS “Il Faro”-TEATRO del PARADOSSO, di Pescara

“Le Nuvole”

Con: Danilo, Sante, Alexander, Antonello, Marco, Simone, Antonio, Roberta Stefano,Nadia, Vanessa, Leonardo

Scenografia: Alessandro, Ciro, Roberto, Sandro, Michele, Massimo,Simone

Costumi: Mirko, Stefano, Gionni, Gianvittorio, Massimo

Musiche: Alessandro

Regia: Roberta, Stefano

Direzione : Fausto Roncone, Giacomo Vallozza

 

Con Le nuvole Aristofane esplora un tema caro agli ateniesi: l’educazione dei giovani. La vicenda affronta la questione del rapporto padre-figlio, maestro e discepolo. Aristofane sembra sottolineare la massima popolare: si raccoglie ciò che si semina. E Lesina, il protagonista delle Nuvole, teso solo a risolvere i propri problemi economici, dimentica che, senza un obiettivo morale, il frutto che crescerà da quel nutrimento insano sarà deleterio. Infatti, l’insegnamento che trasmetterà al figlio, impara a ingannare il prossimo, presta gli si ritorcerà contro. E lo farà con un’invenzione poetica e drammaturgia degna del miglior Aristofane. Sulle vicende degli uomini si librano poi le nuvole del coro, talvolta istigatrici, altre volte complici, ma anche spettatrici super partes; un’ambiguità che ben si addice alla loro natura cangiante.

 

GIOVEDI’ 4 luglio, ore 21.15

BABILONIA TEATRI, di Oppeano (VR)

“Pinocchio”

Da un laboratorio teatrale presso la Casa dei Risvegli Luca De Nigris

Con: Enrico Castellani, Paolo Facchini, Luigi Ferrarini, Riccardo Sielli e Luca Scotton

Collaborazione Artistica: Stefano Masotti, Vincenzo Todesco

Foto di Scena: Marco Caselli Nirmal

Regia: Valeria Raimondi, Enrico Castellani

 

Perchè Pinocchio? Perchè farlo con persone uscite dal coma?Ci è stato dato un indirizzo.

Via Altura, 3 – 40139 Bologna.Siamo arrivati.Davanti a noi un ospedale. Abbiamo chiesto se era lì la sede della compagnia “Gli amici di Luca”. Domanda nostra:

perchè fate teatro? Risposta loro: La società ci ha respinti, accantonati, isolati, fare teatro è l’unica possibilità per tornare a mettere un piede dentro la società.

Pinocchio è un tentativo, riuscitissimo, di uscire da uno schema collaudato, di aprirsi ad altri

incontri, ad altri linguaggi, ad altre suggestioni, pur mantenendo una sostanziale fedeltà al proprio

mondo espressivo. Colpisce, soprattutto, la sicurezza, la padronanza – nonché la sensibilità, direi

quasi tattile – con cui i due autori-registi tengono sempre sotto controllo una situazione che

potrebbe facilmente sfuggire di mano, indirizzandola a trasmettere esattamente le sensazioni

previste. È una prova di maturità straordinaria, di cui pochi, oggi, sarebbero stati capaci.

 

VENERDI’ 5 luglio, ore 21.15

IL DIRIGIBILE, di Forlì (FC)

“Esperando”

Con: Aldo Cavina, Annamaria Cavaliere, Benvenuto Pozzi, Daniele Frignani,

Davide Laghi, Elisabetta Celeghini, Franco Tomasini, Joël N’Guessan Aketchi,

Laura Trolli, Loredana Milandri, Manuela Rossi, Massimiliano Ginexi,

Mirella Crisci, Luca Zozzi, Stefania Fabbri

Montaggio musiche ed effetti sonori : Alessandro Tiozzi e Stefania D’Angelo

Testo e Regia: Michele Zizzari

 

Esperando è un’opera in tre atti, ironica, di intensa tensione poetica e drammatica. Racconta di un’umanità che ancora si affanna per trovare un senso all’esistenza, troppe volte trascorsa in un’assurda e inerme attesa. Pur saccheggiando qua e là il Godot di Beckett, l’opera è un originale. I protagonisti sono degli squinternati e buffi straccioni, interpretati da attori sempre diversi, in modo da moltiplicare i punti di vista del popolo dei disgraziati della Terra. Ognuno di loro rappresenta diversi aspetti dell’umanità, anche fisici. Chi lo stomaco e la necessità dei bisogni primari, chi le gambe e il desiderio di partire e di cambiare, chi il cuore, la sfera degli affetti, la parte femminile del mondo. Queste diverse urgenze (biologiche e materiali, psicologiche e affettive, sociali e ideali) vivono in un perenne conflitto pur cercando una sintesi disperata e una soluzione possibile.

 

Ore 22.30

Parata di Chiusura – I BAMBINI di SANT’OMERO

“I Bambini della Luna”

Regia: Cristina Cartone

Richiamando la parata iniziale, i bambini conducono gli spettatori nel sogno, il luogo dove tutte le immagini si rianimano per lasciare ad ognuno un frammento di poesia. La parata è il risultato del laboratorio realizzato durante i giorni del festival.

Direzione Artistica: Ottaviano Taddei

Organizzazione e Comunicazione: Cristina Cartone

Info:3391824676

www.terrateatro.org

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *