San Demetrio, al Sinizzo lo spettacolo “Miti di stelle” dalle Metamorfosi di Ovidio il 12 agosto

Pietre che Cantano è il festival dei borghi e dei castelli aquilani: una festa di musica e arte, una festa del paesaggio e della storia. Con i suoi concerti, spettacoli teatrali, appuntamenti con la poesia e la letteratura, Pietre che Cantano porta il suo pubblico a conoscere i tesori dell’arte, dell’architettura e del paesaggio della montagna aquilana.

Chiude la sezione “Spazio Teatro” a S. Demetrio ne’ Vestini, mercoledì 12 agosto, alle ore 19, lo spettacolo Miti di stelle, scritto e messo in scena da Sista Bramini, drammaturga e regista romana, definita dalla critica nuovo aedo contemporaneo, per la sua capacità di narrare miti e storie archetipiche secondo le modalità antiche del suo Teatro Natura.
Lo spettacolo Miti di stelle nasce dalla reinterpretazione di alcuni racconti tratti dalle Metamorfosi di Ovidio, seguendo il fil rouge degli amori di Giove legati al nome delle varie costellazioni. La drammaturgia musicale, curata dalla compositrice Francesca Ferri, e da lei realizzata con Valentina Turrini e Camilla dell’Agnola, è complementare alla magia creata dalla narrazione: con la rielaborazione di polifonie vocali tratte da antiche tradizioni musicali di molti luoghi diversi, dalla Sicilia alla Serbia, dalla Puglia alla Bulgaria, essa sottolinea l’universalità del mito classico.
Sista Bramini torna a Pietre che cantano, dopo lo spettacolo realizzato alle Pagliare di Tione degli Abruzzi
nel 2014, per una prima volta del festival in un luogo bellissimo e appartato. Con le narrazioni del Teatro Natura di Sista Bramini e della sua compagnia di attrici e musiciste, il festival trova una collocazione inedita da proporre al suo pubblico. Palcoscenico naturale dello spettacolo, infatti, sarà l’incantevole Lago Sinizzo: un lago naturale, bellissimo e appartato, particolarmente adatto allo spettacolo di “Teatro-Natura” della Bramini; uno spazio da poco recuperato, che dà modo a Pietre che cantano di tornare a S. Demetrio ne’ Vestini, comune dal quale il festival mancava dal 2009, a causa dei danni causati dal terremoto ai suoi luoghi d’abitudine: le chiese di S. Demetrio, a Stiffe e a S. Giovanni.
Mercoledì 12 agosto, ore 19
S. Demetrio ne’ Vestini – Lago Sinizzo
Miti di stelle
dalle Metamorfosi di Ovidio
Scritto e narrato da SISTA BRAMINI
Polifonie tradizionali a cura di Francesca Ferri
eseguite da Francesca Ferri, Camilla Dell’Agnola, Valentina Turrini
produzione del Teatro Natura O’Thiasos

La XVI edizione del Festival
Giunto alla sua XVI edizione, quest anno si è voluto dare un ulteriore contributo a quello che sicuramente è stato uno degli argomenti dell’anno, il centenario 1915/2015: l’entrata in guerra del nostro paese, che in Abruzzo coincise anche col devastante terremoto della Marsica, ha riportato in primo piano come, in quel drammatico momento, la Storia dei popoli e le storie dei singoli si rifletterono ampiamente nell’arte.
Ma l’intera rassegna di quest anno è vista da una prospettiva particolare: nel titolo calembour “L’ALTRA METÀ DEL SUONO”, vedete evocata la voce delle donne, che in quel momento si rivelarono protagoniste nuove della società e della cultura.

Tanti gli eventi in quello che è un calendario molto fitto, che vedrà spettacoli di musica, teatro e poesia arricchire e impreziosire le più belle location dei comuni di L’Aquila, Celano, Ocre, Rocca Di Mezzo, Fontecchio, Tione Degli Abruzzi, S. Demetrio Ne’ Vestini fino al 22 agosto.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *