Roseto, MOSTRA FOTOGRAFICA dedicata ad Antonio Mazzoni e ai protagonisti della ricostruzione negli anni dal 1945 al 1960

L’Associazione Culturale Città per Vivere, ha deciso di “ampliare” il progetto-laboratorio di ricerca storica attraverso le immagini fotografiche, attraverso la raccolta, la stampa e la esposizione di nuove “foto ricordo” in bianco e nero di gruppi familiari paesani e delle campagne, di attività artigianali e antichi mestieri, di personalità della cultura, della scuola, del mondo del lavoro, della politica e dello sport.

Verranno raccolte fotografie, e, se ancora conservati dai proprietari pubblici e privati, anche rullini in celluloide e negativi originali, scattate dai tanti fotografi “di paese” che sono stati allievi dei grandi maestri dell’epoca e apprendisti presso i più famosi studi fotografici della Provincia di Teramana, del Comune di Roseto degli Abruzzi e delle località circostanti.

Per questo “laboratorio”, la MOSTRA FOTOGRAFICA dedicata ad Antonio Mazzoni e ai protagonisti della ricostruzione negli anni dal 1945 al 1960, già allestita a MONTEPAGANO presso le sale rinascimentali del “Palazzo Pangia”, (già Palazzo dei Duchi Acquaviva ed ex-Mezzopreti) in Corso Umberto I°, n. 75, resterà aperta ed è visitabile ogni Sabato e Domenica dalle ore 10,00 alle ore 12,30 e dalle ore 15,30 alle ore 19,00.

Attraverso le foto di Antonio Mazzoni di Montepagano, e alcune altre scattate da un suo giovane amico rimasto ancora sconosciuto, ambedue apprendisti presso lo Studio e Negozio Fotografico di “Egisto Celommi” a Roseto degli Abruzzi, possiamo rivivere, dopo tanti anni, le emozioni ed i ricordi delle persone e della vita quotidiana che hanno fatto parte del “nostro mondo” paesano e contadino, ormai così tanto lontano e dimenticato dalla realtà dei nostri giorni.

Le foto ritraggono, in particolare, famiglie di pescatori, lavoratori e lavoratrici delle fornaci e delle prime fabbriche della zona, tabacchine, artigiani, sarti, calzolai, falegnami, muratori, contadini, braccianti e mezzadri, maestri, maestre e scolari, studentesse, casalinghe, piccoli commercianti, ambulanti, villeggianti, bagnanti e sportivi.

L’occhio attento e affettuoso di un testimone, fotografo e artista sensibilissimo, ci restituisce un clima di intenso fervore e un mondo paesano e contadino nel quale ancora affondano le nostre radici. Immagini di “persone” che hanno saputo affrontare la vita con coraggio ed entusiasmo, guardando al futuro.

Antonio Mazzoni, nato a Montepagano il 25 gennaio 1923 e scomparso il 5 dicembre 1987, stato un geniale e appassionato fotografo e scattò migliaia di fotografie in bianco e nero, nell’immediato dopoguerra, nel periodo della ricostruzione e della riconquistata libertà che portarono alla nascita delle prime attività produttive, culturali, sociali, politiche, amministrative, democratiche ed elettive: una esposizione molto preziosa per la ricerca storica e la individuazione dei “luoghi e dei personaggi della memoria” e della vita quotidiana nella Città di Roseto degli Abruzzi, delle Frazioni storiche e delle campagne circostanti, di numerosissime comunità contadine che hanno animato tutte le Contrade della Marina e delle Colline Teramane.

A questa notevole documentazione iconografica e fonte storica hanno attinto a piene mani diversi studi sull’argomento pubblicati negli ultimi lustri.

L’Associazione invita tutti i cittadini appassionati di fotografia ed i fotografi “di paese” a portare foto e negativi originali in bianco e nero, affinché possano diventare parte integrante della mostra, insieme alle altre fotografie già esposte e scattate da Antonio Mazzoni.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *