Roseto, La Locandiera di Goldoni il 10 gennaio

Nell’ambito della stagione teatrale allestita dall’ATAM, in collaborazione con il Comune di Roseto, va in scena una delle produzioni più accattivanti del Florian Espace, Teatro Stabile d’Innovazione, LA LOCANDIERA di Carlo Goldoni, interpretata da  Flavia Valoppi, Massimo Vellaccio, Alessio Tessitore, Umberto Marchesani, Anna Paola Vellaccio, Massimo Paolucci, Giulia Basel, Francesco Sportelli. Scene costumi e regia di Giulia Basel un cast che riunisce il nucleo artistico della compagnia. Flavia Valoppi è Mirandolina, esuberante, complessa, affascinante protagonista di questa commedia intramontabile, modello di donna libera che si è costruita una vita agiata e tranquilla basandosi sulle proprie forze e scegliendo il proprio destino senza scendere a facili e convenienti compromessi. Il lavoro ripropone il testo pressocché integralmente e punta soprattutto sulla bellezza della parola recitata e sul rapporto diretto tra attori e pubblico, per ridare spazio e peso ad una drammaturgia che sottolinea la vitalità e l’ingegno di un grande uomo di teatro quale era Goldoni. Destinata a diventare la commedia più rappresentata di Goldoni, oltre che uno dei suoi capolavori, La locandiera ebbe il suo debutto al Teatro Sant’Angelo di Venezia, nel gennaio 1753. Essa è l’espressione di un Goldoni che condensa le esperienza dei capolavori precedenti in una forma di assoluta limpidezza e misura formale.Ma, soprattutto, egli vi inventa un personaggio che esprime perfettamente l’intelligenza, l’autonomia e la consapevolezza della donna del Settecento. Un personaggio simbolo di un’intera civiltà, una sorta di concentrato di tutte le creature femminili precedenti, oltre che l’espressione di una teatralità che ha cambiato radicalmente la storia della drammaturgia e dello spettacolo. Si replica a Gessopalena l’11 gennaio, Teatro Comunale, alle ore. 21,00, nell’ambito della collaborazione con il Florian Espace.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *