Pianola, la band psycho-surf electro Messer Chups il 21 agosto

Novenove CityRockers presenta i Messer Chups: una straordinaria band psycho-surf electro che arriva dalla Russia, più precisamente da San Pietroburgo, e che sta riscuotendo ovunque grandi consensi. Ne fanno parte Oleg Gitaracula alla chitarra, l’avvenente Zombierella al basso e Dennis Messer alla batteria.

Il loro sound è impregnato di suoni prodotti da preistorici synth analogici e pieno di richiami retrò ai vecchi film horror vampireschi degli anni ’60, pur mantenendo un approccio divertente e danzereccio tra surf-rock, lounge music e psychobilly. La maggior parte dei loro riferimenti estetici e musicali prende spunto dall’esagerazione della cultura pop-trash del secolo scorso, dai film horror sci-fi degli anni ’30-’70 alla musica surf di The Ventures, Dick Dale e The Trashmen, passando per le sonorità più lounge delle big-band di Henry Mancini, Les Baxter e Martin Denny, e per il rock ‘n’ roll più grezzo degli anni ’60. È una musica che di sicuro farebbe impazzire Quentin Tarantino (che certamente darebbe una parte alla bellissima bassista Zombie Girl) e che ricorda tantissimo le atmosfere di “Pulp Fiction”.

I Messer Chups sembrano usciti da un tetro horror B-movie sovietico, propongono un genere affascinante e inconsueto e i loro spettacoli sono qualcosa di unico. Tra i loro fan vantano anche un nome illustre come quello di Mike Patton (Faith No More) che ha prodotto il loro album “Crazy Price” (2003). Prima di quel lavoro i Messer Chups avevano però già all’attivo diversi dischi: “Monster and Monster” (1999), “Miss Libido” (2000), “Bride of the Atom” (2001, con la partecipazione di Margarita Lebedkina al piano), “Vamp Babes” (2002), album importante grazie al quale prendono il via ben tre tour (in Russia, Usa e Finlandia) che permettono alla band di farsi conoscere anche all’estero (il risultato saranno una serie di uscite in radio e l’inserimento di diversi pezzi in alcune compilation).

 

Nello stesso anno, in seguito alla collaborazione con Lydia Kavina, esce l’album “Black Black Magic”, che ottiene un grande successo di critica e porta il gruppo ad alti livelli. Segue un “best of” (“The Best Of Messer Chups: Cocktail Draculina”, 2002) con track riviste e remixate. Grazie al lavoro prodotto da Mike Patton, poi, i Messer Chups riprendono a girare il mondo, con live che li porteranno sia in America che in Europa. Ma anche il lavoro in studio non si ferma: nel 2004 esce una versione rivisitata e ampliata di “Vamp Babes”, quindi “Hyena Safari” (2005), “Zombie shopping” (2007) e “Heretic Channel” (2009). L’ultimo album è “Church of Revreb”, del 2012.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *