Pescina, quinta edizione di ApertaMente dall’1 al 12 agosto

ApertaMente è arrivato all sua V edizione. Il festival, organizzato dall’Associazione culturale “Il Laboratorio”, porta da 5 anni l’arte contemporanea, in tutte le sue forme, nel centro storico di Pescina(AQ). L’Associazione e il gruppo ApertaMente Arte quest’anno presentano: APERTAMENTE 2014 – 01 BINARIO DIGITALE, Vernissage: 1 Agosto 2014 – h 18:00  chiostro Teatro S.Francesco-Pescina(AQ) Palazzo Palladini Biondi – Pescina(AQ). Apertura Mostra: 2-12 Agosto 2014  h 16:00 /20:00 – 21:00/24:00 1 Agosto a seguire vernissage Chiostro Teatro S.Francesco-Pescina(AQ) Palazzo Palladini Biondi – Pescina(AQ).

Workshop:

La stampa 3D  3 agosto 2014 h 17:00

I droni  4 agosto 2014 h 17:00

Il 3D stereoscopico  5 agosto 2014 h 17:00

Arduino  6 agosto 2014 h 17:00

 

Eventi:

Interventi in estemporanea con musica e videomapping

2-12 Agosto 2014

Centro storico – Pescina(AQ)

 

Reading (Novecento – Baricco) + performance (Unplug and Play)

10 Agosto 2014 – h 20:30

Chiostro Teatro S.Francesco-Pescina(AQ)

 

 

MOSTRA D’ARTE CONTEMPORANEA

Nell’era di internet e del digitale, l’utilizzo della rete e delle nuove tecnologie ha determinato una mutazione radicale dei nostri comportamenti, delle nostre abitudini e del modo in cui percepiamo la realtà e agiamo all’interno di essa.

Quella artistica è la dimensione che per prima accoglie le istanze del nuovo e indaga il contemporaneo.

In questo contesto i mezzi di azione all’interno di una realtà in continua trasformazione non possono che passare attraverso le nuove tecnologie, intese sia come puro mezzo espressivo che come oggetto di indagine, mezzo di osservazione e ricerca o semplice strumento di diffusione e comunicazione del lavoro artistico.

Sebbene sia in atto una profonda trasformazione degli strumenti di indagine ed espressivi, i contenuti restano nelle mani dell’artista.

La mostra si articola in più sezioni e vede coinvolti diversi tra artisti e curatori, ognuno con un progetto specifico, ma organizzati all’interno di un percorso unico che racconta la relazione di ogni artista con le nuove tecnologie, che siano sperimentate, usate, abusate o rinnegate.

BINARIA – a cura di Andrea Oppenheimer

La mostra “Binaria – percorsi digitali”, curata da Andrea Oppenheimer per il Festival Apertamente 2014 si pone come un insieme di riflessioni a proposito dell’utilizzo del digitale nell’arte. Ogni sala di Palazzo Palladini-Biondi sarà dedicata ad un approccio al digitale nell’arte, in una riflessione che non si esaurisce con la digital art tout-court, ma con diversi utilizzi e sperimentazioni da parte di artisti che sperimentano il mezzo pur restando fedeli ognuno alla propria natura. “Binaria – percorsi digitali” propone un viaggio ideale che dalla pittura ad olio passa alla Street Art ed alla Land Art per approdare alla videoinstallazione sperimentale, alla ricerca sonora e alla videoanimazione 3d.

Artisti in mostra:

Sine Senze, Giulio Vesprini, St. Tesla, Francesca Fini, Andrea Barracu, Josè aka Money aka Patres

DIARIO DI UN’ARTISTA – di Simona Frillici

Simona Frillici presenterà la sua ultima opera, Diario di un’artista:

“un viaggio iniziato nel 2010, spinta dall’urgenza di condividere il mio lavoro … nell’ambito del movimento di relazione tra me artista e le sei persone, che nei loro rispettivi ruoli sono l’interfaccia della figura dell’artista, coloro a cui questi è costretto a rivolgersi nel suo bisogno di comunicare, condividere quanto sta facendo. “

3DIMENSIONI DEL CINEMA – di Antonello&Montesi

La retrospettiva “3Dimensioni del cinema” è promossa dall’Agenzia Photomovie, in collaborazione con Emmepi Strategie e i fotografi Antonello & Montesi i quali, grazie alle più avanzate tecniche tridimensionali elaborate insieme a DBW e Canon Eos, hanno reso possibile la realizzazione di immagini 3D.

UNPLUG AND PLAY – di Daniele Casolino

Daniele Casolino presenta il suo lavoro Unplug and Play:

“ un’installazione effimera e site-specific. … il lavoro volge l’attenzione proprio alla riappropriazione dello specifico di unicum che l’opera d’arte nel periodo della sua riproducibilità tecnica sembra avere ormai completamente perso. Non tanto per la sua non unicità ma per il fatto che nell’epoca digitale il pubblico si è ormai abituato ad un uso passivo dei dati. Tutti i dati, compresa la bellezza. … Unplug and play vuole riportare l’esperienza e non il dato al centro dell’attività culturale dell’uomo. “

 

“ACELERAZIONE/DECELERAZIONE”

Mostra Fotografica a cura di Jane Katharina Di Renzo (Dont’t Wait Design Craft)

 

Questa mostra cattura lo spirito della società e focalizza con i termini polari di accelerazione/decelerazione molti problemi attuali, come la mancanza costante di tempo, il presente che si contrae e perde valore , la crisi finanziaria, i disastri ambientali, la perdita di controllo, virus, stress e sindromi di burnout. Quello che manca è un nuovo concetto di progresso e di vita di successo – il progresso è un gioco costante fra lentezza e velocità.

In questa mostra, volgiamo lo sguardo ai luoghi che ci riportano alla base, alle nostre origini, al tornare bambini. Luoghi in cui la vita è sopravvivenza, lontano dalle telecomunicazioni.

 

Artisti in mostra:

Jane Katharina Di Renzo, Dominik Fleischmann, Luka Alagiyawanna

OMAGGIO AD ENNIO IACOBUCCI – “Vietnam. Fotografie di guerra di Ennio Iacobucci 1968 – 1975”

Una selezione di scatti del fotoreporter abruzzese che ha raccontato il conflitto in Vietnam dal 1968 al 1975

Il reportage oggi muta la sua forma attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie che permettono un accesso diverso alle informazioni e una capacità nuova di catturare le immagini; l’utilizzo di droni, webcam, smartphone, in alcuni casi direttamente della rete attraverso street view, stanno mutando radicalmente i tempi e le modalità di rappresentazione della realtà.

Questa mostra vuole essere un confronto fra ieri e oggi, un omaggio alla capacità del fotografo di cogliere un momento e raccontare una storia, al di là del mezzo utilizzato, che pone come risultante il messaggio trasmesso attraverso l’utilizzo nudo della macchina fotografica.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *