Pescasseroli-Candela: viaggio alla scoperta di uno dei tratturi più antichi d’Italia

Un viaggio a piedi nella storia dei pastori che, partendo dai caratteristici “stazzi” gli alpeggi estivi delle greggi, e attraversando tre regioni, siti archeologici e ci porterà nella cosiddetta Puglia piana, lo sconfinato Tavoliere di Puglia dove i nostri pastori passavano l’intero inverno prima di avviarsi di nuovo verso le natie montagne d’Abruzzo.

Primo giorno
Arrivo a Pescasseroli nel pomeriggio, incontro con la guida, sistemazione in albergo.
Cena e pernottamento.
Secondo giorno
Tappa Pescasseroli – Civitella Alfedena – Villetta Barrea
Prima tappa di attraversamento del Parco Nazionale d’Abruzzo, luogo di partenza del Tratturo Pescasseroli – Candela, la partenza ideale del percorso è dalla località il “titolo” località ora nei pressi del centro abitato di Pescasseroli ove si radunavano le greggi per la partenza e dove era apposto un cippo in pietra che sanciva l’inizio del percorso.
Partenza ore 08.00, si inizia il percorso partendo dalla località il “titolo”, si costeggia la SS 83 fino ad arrivare in vista di Opi, di lì si procede verso la Val Fondillo si costeggia il Monte Amaro fino ad arrivare a colle di Licco, di lì si procede in direzione di Civitella Aledena dopo aver visitato la Riserva Integrale della Camosciara e le Cascate delle Ninfe e delle Tre Cannelle.
Lunghezza tappa 15 Km.
Terzo giorno
Tappa Villetta Barrea – Alfedena – Villa Scontrone
Ore 8.30 colazione.
Costeggiando il lago di Barrea, anticamente attraversato dal tratturo, si arriva al centro abitato passando vicino ai ruderi dell’antico monastero benedettino, si risale attraverso il centro storico di Barrea, di lì percorrendo la vecchia statale si arriva fino al ricongiungimento del tratturo nei pressi del centro abitato di Alfedena, terminando la tappa presso Villa Scontrone.
Lunghezza tappa 12 Km.
Quarto giorno
Tappa Villa Scontrone – Roccasicura
Da questa tappa il tratturo comincia ad essere evidente nella sua ampiezza e delimitato nei suoi attraversamenti da staccionate in legno che permettono di identificarlo al meglio in tutto il territorio della Regione Molise che inizia dal centro abitato di Montalto.
Partenza ore 08.00, Altitudine 810 m.
Partendo dal ponte Zittola si segue lo sterrato che costeggia la scuola agraria fino al vecchio casale diroccato dietro al quale comincia ad essere evidente il tratturo caratterizzato dalla presenza di un ampio tratto erboso incolto colonizzato da cespugli di ginepro e rosa canina, si risale fino al tratto in cui è necessario attraversare la superstrada e di li si risale fino a Montalto, primo paese del Molise, ridiscendendo e lasciandosi alle spalle il centro abitato si arriva prima ad un piccolo guado di un torrente, poi si risale sulla destra su di un comodo sterrato che arriva fino ad un punto molto panoramico denominato ”Casinopece” a 1020 m di altitudine, sosta pranzo.
Inizia la discesa e, attraversando un tratto di tratturo reso evidente dal taglio di alberi sul suo tracciato, si arriva al ponte sul fiume Vandra (640 m.) e da lì si risale fino ad a Roccasicura presso l’agriturismo “Il Tratturo“ (alt 840 m.) alle ore 17.00 circa.
Lunghezza tappa 16 Km.
Quinto giorno
Roccasicura – Pietrabbondante – Agnone
Giornata di defaticamento con visita ad Agnone alla fabbrica di campane Marinelli.
Pranzo e nel pomeriggio visita al sito archeologico di Pietrabbondante con i suoi imponenti resti del teatro e del parlamento sannitico.
Sesto giorno
Tappa Castropignano – Ripalimosani – Guardiaregia
Transfert a Castropignano, si scende fino ad arrivare all’attraversamento con la S.S. 647 che costeggiamo un po’ fino ad arrivare al ponte sul fiume Biferno, superato il quale cominciamo a risalire fino al piccolo centro abitato di S. Stefano si procede fino a Colle Caruso (alt. 739 m.) e si comincia a scendere fin ad arrivare in vista del centro abitato di Ripalimosani (alt. 640 m.), da questo paesino, causa l’impercorribilità del tratturello, è necessario un breve tragitto in treno fino a Ripabottoni (alt. 700 m.)
Lunghezza tappa 14 Km.
Settimo giorno
Tappa Guardiaregia – Sepino
Il percorso inizia da Guardiaregia ai piedi del massiccio montuoso del Matese, il tratturo procede con una serie di leggeri dossi e cunette, arrivati nei pressi di un boschetto di cerri e ristorati dalla presenza di un fontanile con acqua freschissima, si continua in un continuo saliscendi fino al Valico di Vinchiaturo, di lì il tratturo si restringe fino a diventare una strada in terra battuta che attraversa un bosco, e di lì cominciando a scorgere di tanto in tanto spezzoni di colonne di capitelli in pietra si arriva nel mezzo della antica città romana di Saepinum ove si conclude il nostro trekking.
Lunghezza tappa 12 Km.
Ottavo giorno
Ore 08.30 Colazione e partenza transfert con pulmino fino alla stazione di Campobasso

Difficoltà: Medio Scala EE CAI. Tutte le escursioni giornaliere (max 6/7 ore di cammino effettivo) sono effettuate con zaino pesante, ognuno viaggia con il necessario per 7 giorni.
Richiedere apposita scheda zaino per maggiori informazioni.

Costo del Viaggio € 530,00 a persona comprensive di assistenza di guida, trattamento di mezza pensione (cena pernott. e colazione) in Albergo o Agriturismo, degustazioni, transfert bagagli e assicurazione.
Sono esclusi i trasporti da e per Pescasseroli i pranzi e tutti gli extra di carattere personale.
Il viaggio parte con un numero minimo di sei partecipanti.

Info: http://www.camminarecongusto.it

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *