Pescara, TRIO ROSPIGLIOSI il 9 gennaio

Sabato in Concerto – 09 gennaio ore 18.00

PESCARA – Fondazione Pescarabruzzo – C.so Umberto I, 83 – ingresso libero

TRIO ROSPIGLIOSI

Ouverture, Cavatine e Fantasie

Rieko Okuma flauto

Lapo Vannucci chitarra

Luca Torrigiani pianoforte

 

Sabato 2 gennaio 2016 presso la Chiesa S. Maria in Piano si è svolto il concerto di Rosàlia De Souza, ammaliante cantante brasiliana ed acclamata interprete internazionale, la cui voce è si è rivelata ancora una volta “un perfetto connubio di fascino e magia, sensualità e misticismo”. E’ stata magistralmente accompagnata da Maurizio Di Fulvio, chitarrista di formazione accademica ma poliedrico per stile compositivo e personalità interpretativa, uno dei virtuosi italiani più attivi tra classica e jazz, eIvano Sabatini, virtuoso contrabbassista, tra i più apprezzati a livello internazionale.

La rassegna  prosegue sabato 9 gennaio a Pescara presso la Fondazione Pescarabruzzo con il TRIO ROSPIGLIOSIcomposto da Rieko Okuma al flauto, Lapo Vannucci alla chitarra e Luca Torrigiani al pianoforte.

Rieko Okuma, musicista giapponese laureatasi in flauto con il massimo dei voti presso l’Università d’Arte di Nagoya, ha partecipato a numerosi concorsi in tutto il mondo risultando sempre ai primi posti e in Italia ha ottenuto nel 2000 il Primo Premio Assoluto nella sezione Musica da Camera al Concorso Internazionale “Fidapa”, Città di Pisa. Ha studiato con i più rinomati flautisti giapponesi e successivamente si è perfezionata con i maestri Paul Maisen, Michael Martin Kofler (Primo flauto dei München Philarmoniker) e Meinhart Niedermayr (flauto solista dei Wiener Philarmoniker). Successivamente si è laureata al Conservatorio “Cherubini” di Firenze sotto la guida della M° Daniela De Santis con il massimo dei voti e lode al Biennio specialistico di II° livello. Ha suonato in importanti orchestre tra cui la Nagoya e Hiroshima Symphony Orchestra.

Lapo Vannucci è uno dei più rinomati chitarristi italiani. Vince numerosi concorsi nazionali (“Città di Massa”, “Riviera Etrusca”, “Liburni Civitas”, “Riviera della Versilia”, “Città di Grosseto”) e internazionali (“Città di San Sperate”, “Mendelssohn Cup di Taurisano”, “Città di Asti”) sia da solista che in duo chitarristico. Diplomatosi con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze sotto la guida di Alfonso Borghese, ha seguito masterclass con Arturo Tallini, Alvaro Company, Francesco Romano e Frédéric Zigante e presso l’Ecole Normale de Musique de Paris ha ottenuto il Diplôme Superior d’Exécution. Collabora con glii attori Ugo Pagliai e Paola Gassman, suona in duo col soprano Veronica Senserini ed è direttore artistico del Concorso Chitarristico “Giulio Rospigliosi” di Lamporecchio (PT).

Luca Torrigiani inizia la sua carriera artistica negli anni ’90 fondando con Davide Bandieri (1° clarinetto dell’Orchestra da Camera di Losanna) il duo Prevert, con cui vince moltissimi primi premi in concorsi nazionali e internazionali e ottiene nel 2002 la menzione speciale per la miglior esecuzione di Brahms al Concorso Internazionale di Pinerolo. Ha tenuto una serie di prestigiose tournée in Giappone, che lo hanno portato a suonare nelle più importanti sale concertistiche di Gifu, Nagoya e Tokyo, dove ha peraltro tenuto un concerto privato in onore della famiglia imperiale.. Si è diplomato a pieni voti in pianoforte, organo e composizione organistica al Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze sotto la guida dei Maestri Fiuzzi e Mochi, laureandosi, nello stesso Conservatorio con il massimo dei voti e lode al Biennio specialistico di II livello. Successivamente ha conseguito il biennio di II livello in didattica dello strumento presso il Conservatorio “G. Puccini” di La Spezia. Ha frequentato corsi internazionali di perfezionamento con Piernarciso Masi, Hector Moreno, Frank Wibaut e Jörg Demus.

programma

 

Francesco Di Fiore   Strati

Gerald Schwertberger   Cuatro piezas para dos “Latin suite”

Paul Genin   Fantasia su “Ballo in Maschera” di G. Verdi

Luigi Giachino   Passi Felini….libero pensiero su un valzer di G. Verdi

Gioacchino Rossini   Ouverture da “L’Italiana in Algeri”

Anton Diabelli   Cavatina “Una Voce poco fa ”da “Il Barbiere di Siviglia” di G. Rossini

Ferdinando Carulli   Fantasia temi di G. Rossini

Francesco De Santis   Tarantrio

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *