Pescara, società teatro musica: concerto di Fisk e Frisell

Concerto fra i più attesi della Stagione con due straordinari chitarristi: Eliot Fisk e Bill Frisell. Il primo considerato uno dei più grandi interpreti della chitarra classica di oggi, l’altro jazzista di eccezionale talento e grande innovatore.
Il concerto sarà un insolito happening in cui i due musicisti, provenienti da mondi diversi, si confronteranno improvvisando su pagine classiche e jazzistiche.
Il concerto si terrà Venerdì 1 febbraio – ore 21 nel Teatro Massimo di Pescara

Il programma in dettaglio:

Improvvisazioni jazz di Bill Frisell
Improvvisazioni chitarra classica di Eliot Fisk

Intervallo
R. Beaser: Barbara Allen (Mountain Songs)
B. Frisell: Rag
H. Villa Lobos: Canto Del Cisne Nero
L. Berio: Aldo, Bela, Shlomit, Alfredo, Igor, Annie, Aldo (dai Duetti per 2 violini)
J.S. Bach: Two part inventions
(Inventio I in do magg. – Inventio IV in re min. – Inventio VIII in fa magg.)
G. Gershwin: Summertime
B. Frisell: Family – 20 Years – Throughout
S. Foster: Beautiful Dreamer – Camptown Races
B. Goodman / C. Christian: Benny’s Bugle

Andrés Segovia nel 1981 definì Eliot Fisk «uno del più brillanti, intelligenti e dotati giovani musicisti del nostro tempo. La tecnica limpida e flessibile, lo stile elevato nell’interpretare la bellezza delle composizioni classiche e di musica contemporanea, lo pongono tra i grandi del nostro mondo artistico». A sette anni Fisk cominciava a studiare la chitarra, a tredici dava il primo concerto da solista; poi conseguiva il diploma col massimo dei voti e la lode allo Yale College, sotto la guida di Ralph Kirkpatrick. La carriera di virtuoso su scala internazionale l’ha portato a esibirsi in tutto il mondo, nelle sale da concerto e davanti a capi di Stato e a componenti delle Case reali. Ha trascritto per chitarra tutta la musica per violino solista e violoncello solista di Johann Sebastian Bach e opere di altri autori. La sua trascrizione e registrazione nel 1992 dei 24 capricci di Paganini è stata così recensita da Time Magazine: «Questa registrazione abbaglierà i violinisti e scoraggerà i chitarristi». Nel 1989 è stato nominato professore di chitarra al Mozarteum di Salisburgo.

Descritta come “l’epicentro della musica americana moderna” (BBC), la carriera di Bill Frisell in veste di chitarrista e compositore è in costante ascesa da più di 35 anni con oltre 250 registrazioni al proprio attivo e 40 album pubblicati. Bill Frisell ha collaborato con una vasta gamma di artisti, registi e musicisti leggendari, ma è il suo ruolo di leader che ha raccolto ovunque crescente attenzione e riconoscimenti di livello internazionale. Il catalogo di registrazione Frisell, è stato citato dal Downbeat come “Il miglior risultato discografico mai ottenuto nel corso dell’ultimo decennio”. Da segnalare un album di arrangiamenti realizzati da Frisell su canzoni di Elvis Costello e Burt Bacharach (Sweetest Punch), due album in trio al fianco di leggende del jazz quali Dave Holland, Elvin Jones, Ron Carter, Paul Motian. Nel corso del 2012 gli è stato attribuito il titolo di artista Doris Duke – ovvero uno tra gli artisti americani più vitali e produttivi dello spettacolo.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *