Pescara, silloge poetica di Giovanni Dursi il 7 giugno

Presentazione della silloge poetica di Giovanni Dursi “Spazio pubblico e desiderio” a cura di Giancarlo Giuliani per le Edizioni Tabula Fati, con l’Autore, l’editore Marco Solfanelli e l’introduzione di Pascal Iulianetti: venerdì 7 giugno alle ore 18 presso la Libreria Libernauta, in Via Teramo n. 27

Il libro: è la mente l’alcova di pensieri espliciti, ma anche di pensieri intimi ed arditi, quelli che nella prosa poetica di Giovanni Dursi sono descritti e comunicati. Pensieri che svelano l’arcano dell’universo umano e danzano sotto forma di parole, dapprima, per diventare, in seguito, respiro, pulsioni, azioni. Una vera e propria ricostruzione di senso.

Parole quasi anacronistiche, come se l’autore di “Spazio pubblico e desiderio” fosse riuscito ad “evitare” lo squallore guardandolo negli occhi. A tratti, i vocaboli in uso nella silloge riescono, sollecitando l’onirico, a far dormire senza morire (Amleto, Shakespeare), a distanziarci dal presente, ma, non per questo, evocano un improponibile romanticismo patetico. Piuttosto, s’avverte lo sforzo autentico che riesce ad inventare per sé e per gli altri un altro mondo. Poesia, in fondo, è procreazione, per cui nessun particolare requisito si chiede, eccetto che sia generatrice ed inventrice. Gli aedi di regime sono avvertiti.

Immergendosi convinti nella prosa poetica, il silenzio scoppia tra le dilatate grida dell’autore che giungono al lettore. Ciò punge assai. Il silenzio – ci dichiara l’autore – è il nostro primo approdo alla vita activa, e sarà sempre il primo luogo dove covano le nostre risposte. Splendido ascoltare la voce del silenzio, un inizio che non può non essere lacerazione.

 

Giovanni Dursi (Lanciano 1957), è docente M.I.U.R. di Filosofia e Scienze sociali e ha insegnato prima a Bologna, ora a Pescara. Si occupa di management della formazione nella knowledge society e di “comunicazione pubblica” (Legge 150/2000). Già professore a contratto del corso integrativo di Filosofia dell’educazione presso la Cattedra di Pedagogia dell’Università degli Studi di Urbino, per conto di alcuni Enti pubblici italiani (Regione Emilia Romagna, Centri di formazione professionale, Enti locali, Università) ha realizzato diverse attività tecnico-consulenziali: project work, copywriter, pubbliche relazioni, ricerca e sviluppo, organizzativo-amministrative.

È autore di diversi articoli e saggi nell’ambito delle Scienze umane e sociali (“Studi urbinati”, “Innovazione scuola”, “Professione pedagogista”, “Questioni del Socialismo”). Di formazione marxista, partecipa dalla fine degli anni Settanta, al movimento anticapitalista e alla battaglia delle idee pubblicando saggi e articoli vari per riviste, periodici e quotidiani, testate locali e nazionali (tra le quali “Liberazione”) anche on line. È coeditore del periodico bolognese – ora on line http://www.zic.it/ – “Zero in condotta”. Scrive su http://th-rough.eu/. Partecipa come militante di base alla mobilitazione popolare per l’acqua pubblica, il welfare delle conoscenze, per l’informazione critica, alle battaglie contro il precariato e per il reddito minimo garantito. Nel 2009 partecipa all’esperienza politica neocivica di “Bologna Città Libera”. Uno dei suoi blog per comunicare è: http://giovannidursi.blogspot.com/.

È coautore del “pamphlet” “Lanciano città libera? Lavori in corso fino al 2016” (Tabula, Lanciano 2011).

 

Giovanni Dursi

SPAZIO PUBBLICO E DESIDERIO

Presentazione di Pascal Iulianetti

Edizioni Tabula fati

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *