Pescara, Senio Alirio Diaz e Maurizio Di Fulvio in concerto il 22 marzo

Sabato 22 marzo ore 18.00 a Pescara alla Fondazione Pescarabruzzo Maison des Arts – C.so Umberto I, 83: Senio Alirio Diaz & Maurizio Di Fulvio, Latin-caribbean dances: Senio Alirio Diaz chitarra, Maurizio Di Fulvio chitarra, Alessia Martegiani voce. Senio Alirio Diaz, figlio d’arte ed erede di Alirio Diaz, è unanimemente riconosciuto come uno dei massimi chitarristi contemporanei. In segno di stima, per i suoi altissimi meriti artistici, nel 1986 Andrès Segovia ha voluto donargli una chitarra Fleta con la quale si esibisce attualmente. Vicepresidente della Fundacion Alirio Diaz, opera attivamente a livello intercontinentale per la diffusione della musica per chitarra, con particolare attenzione al repertorio latino-americano. È fondatore del concorso intitolato a suo padre che si svolge annualmente in Venezuela e del Concorso Internazionale “Alirio Diaz” per giovani chitarristi che si svolge a Roma. Già docente al Conservatorio “Landaeta” di Caracas, Senio Alirio Diaz attualmente insegna al Conservatorio “Martucci” di Salerno.

Senio nella seconda parte del concerto duetterà con Maurizio Di Fulvio, già tra gli alunni prediletti di Alirio Diaz e riconosciuto su scala internazionale come uno dei chitarristi più attivi ed innovativi dell’attuale panorama musicale. Significative sono le lodevoli testimonianze del pubblico e dei più autorevoli musicisti contemporanei. …“Un’autentica saudade swing e fragranze mediterranee aleggiano nei brani incisi negli album: Sweety notes (2000), Mediterranean flavours (2003), A flight of fugues (2004), On the way to wonderland (2007) e Carinhoso (2010)”. …“Nell’itinerario artistico confluiscono il jazz nero, il jazz latino, il rock, le tinte del classico e la sensibilità di un’interprete che coniuga in sè una tecnica solida e una raggiante vena compositiva. Di Fulvio assembla con il suo strumento un incredibile mosaico di note, spadroneggia sulle corde, si confronta egregiamente con maestri di calibro mondiale, arrangiando liberamente brani celebri di Gillespie e Jobim, Santana e Metheny, Porter e Pastorius e ancora Bach e Duarte, e rivela soprattutto le sue ottime doti di bravo compositore”.

Alla performance dei due virtuosi chitarristi interverrà anche la cantante Alessia Martegiani, una delle voci italiane più belle e tra le più apprezzate in particolare nei ritmi e nelle sonorità della musica afro e latino-americana. Il concerto sarà un viaggio dalla musica spagnola al valzer popolare venezuelano, seguendo un fil rouge che si dipana dalle sonorità popolari a quelle della musica “colta” e contrappuntistica. Ripercorrendo alcune delle tappe più significative della letteratura musicale per chitarra, il programma si soffermerà in particolare su quei compositori che hanno trovato sempre ampio spazio nelle elaborazioni di Diaz padre e continuano a trovare spazio nei concerti di Diaz figlio. Si passa daGranados e Albeniz (le cui musiche per pianoforte godono di enorme popolarità proprio grazie alla versione per chitarra) alle musiche del continente americano con i ritmi latino-caraibici del messicano Ponce, le “bachiane” del brasilianoVilla-Lobos e i bellissimi valzer venezuelani di Bonnet e Lauro.

 

INGRESSO LIBERO dalle 17.30 fino ad esaurimento posti

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *