Pescara, seconda edizione di T.I.R. dal 17 al 19 giugno

Tre giorni intensi di spettacoli teatrali al Florian Espace il 17, 18 e 19 giugno, con inizio alle ore 21 per la seconda edizione di T.I.R. (Teatri Indipendenti in Rete), la rassegna teatrale nata nel 2009 dall’incontro tra il Collettivo dei Teatri OFFesi e il Florian di Pescara, sensibile ad accogliere esperienze che poco attraversano i circuiti ufficiali del teatro. Quel felice incontro portò a diversi progetti di collaborazione tra le due realtà apparentemente così distanti l’una dall’altra: un gruppo di giovani teatranti con la passione per il teatro indipendente e ogni forma d’arte collegata alla ricerca ed alla sperimentazione, e l’istituzione culturale del teatro di ricerca e sperimentazione della città.

Per tre giorni consecutivi, dal 17 al 19 giugno, al Florian Espace, verranno ospitate tre giovani compagnie teatrali, provenienti da diverse zone d’Italia: da Roma, da Caserta e da Palermo. L’iniziativa è a cura del Florian Metateatro e Teatri OFFesi, con a capo Lorenzo Marvelli, con la collaborazione di RE.TE (Residenze Teatrali) e E.D.T (Errori di Trasmissioni.)

L’Idea di coinvolgere il Florian Metateatro di Pescara risponde alla necessità di offrire un luogo importante e significativo alle compagnie partecipanti, troppo spesso relegate in ambiti poco adatti alla presentazione dei loro lavori.

Si inizia dunque mercoledì 17 con la compagnia di Caserta TVATT Teorie Violente Aprioristiche Temporali e Territoriali con un esperimento performativo ideato da Luigi Morra, liberamente ispirato a “East” e “West” di Steven Berkoff, attore, regista cine-teatrale e commediografo inglese che tra il 1971 e il 1975 incarna per Stanley Kubrick un agente in Arancia Meccanica e un nobile in Barry Lyndon.

In scena, Luigi Morra, Pasquale Passaretti, Eduardo Ricciardelli, musiche e suono originali Camera, drammaturgia e regia Luigi Morra; una produzione Etérnit & Teatraltro con la collaborazione di Lunarte e con il supporto di Teatro Forte.

TVATT, in una parte di Sud Italia, è in realtà un modo per dire “ti picchio”, oppure, volendo azzardare una traduzione letteraria dal dialetto, “ti batto”.

Studio performativo, in gran parte comico e grottesco, su una precisa tipologia di violenza: schiaffi, pugni, risse, sopraffazioni. Quella violenza primordiale, scovata nel quotidiano, che spesso agisce come un’esperienza piena di significati, caratterizzata da dinamiche che, nel bene o nel male, risultano essere inevitabilmente spettacolari.

Lo spettacolo è un percorso che si evolve in diversi step, definiti “Round”.

Le musiche sono tutte composizioni originali curate dai Camera. Il lavoro sul suono segue e determina quello che accade sulla scena, riproponendo voci e registrazioni dei protagonisti e aggiungendo una serie di ambienti rubati alla quotidianità degli argomenti trattati. Il lavoro video, invece, si sviluppa attraverso una serie di incursioni dove gli attori riportano tramite esperimenti audiovisivi, racconti e altri momenti recitati.

Giovedì 18 andrà in scena EMOTICONS, una produzione AKRcollettivo, in collaborazione con TeatroForte Forte Prenestino P.A.D. Performance Art Depot Germany, drammaturgia Maria Laura de Bardi, Pasquale Passaretti, direzione luci Domenico Catano, con Maria Laura de Bardi e Pasquale Passaretti. Lo spettacolo ha debuttato in anteprima al PAD Performance Art Depote  a Mainz, Francoforte, in Germania, ed è andato in scena allo Scenoskop Festival 2014 a Odense , Danimarca.

Due individui, un uomo e una donna, sono in uno spazio comune. Non fanno nulla, aspettano. Non succede niente. Ma lentamente la loro comunicazione si inoltra in frammentarie e discontinue storie istantanee. La loro relazione vive sulla distanza e si materializza nei discorsi in chat. La comunicazione è spezzata, veloce, presupposta. Il linguaggio è quello della chat: breve, metaforico, e allo stesso tempo crudelmente concreto. AKR è un collettivo di artisti (Domenico Catano, Riccardo Cocozza, Maria Laura de Bardi, Andrea Giannone, Pasquale Passaretti, Joe Fish) il cui composito esercizio vive sulla diagonale che attraversa cinema, teatro, musica e performing art.

Venerdì 19 va in scena la compagnia teatrale BLITZ, da Palermo, con Su’ddocu! Omaggio al soffitto n.11 (la Reprise) di e con Margherita Ortolani e Valentina Lupica. Due donne (forse madre e figlia, o forse un’unica donna colta in due fasi diverse della propria esistenza) con irridente leggerezza, trascinano un mondo sotto le loro gonne per indossare parole e lasciare che cantino. Due attrici vengono invase da voci, suoni, volti, ricordi: ”Su’ ddocu…! (sunnu ddocu): loro sono là! A poco a poco, i volti si rianimano, i suoni riprendono vita, e, come in un gioco di pazienza, ogni cosa sembra trovare il proprio posto.

BLITZ è una Compagnia di Ricerca, Formazione e Creazione Teatrale, di recente formazione, ma di consolidata esperienza, che riunisce al suo interno esperienze decennali, consolidatesi all’interno del Teatro Garibaldi Aperto e che ha scelto Palermo come sede del suo fare. Lo spettacolo proposto è stato selezionato nel Programma Forme Originali di Divulgazione del Teatro Culturali 2014; progetto vincitore del Bando internazionale REACT! Santarcangelo 2009/2011 miglior progetto di ricerca; e vincitore della prima residenza teatrale del Trentino Alto Adige (dicembre 2009).

Il montaggio serratissimo delle battute scardina la parola, la divora, e crea una lingua onomatopeica, inventata, ma vera: ricostruzione di un Sud universale. Definito“un intreccio inspiegabile tra viscere e geometria, tra violenza e bellezza”, il lavoro attinge ad un patrimonio linguistico e, allo stesso tempo lo scardina, entrando nelle maglie di un’identità culturale, dando corpo e rendendo evidenti in scena i processi di legame tra le diverse soggettività, le abitudini mentali e le modalità di pensiero che, se non consapevoli, costituiscono le storture di una comunità culturale.

Dopo ogni spettacolo per “Incontri a Teatro” seguirà un colloquio con la compagnia a cura di Paolo Verlengia.

Costo ingressi a teatro: intero 10, ridotto 8, teatranti 6.

Abbonamento intero 20, ridotto 14.

INFO E ABBONAMENTI 085/4224087, 393/9350933, 329/4599943

Si consiglia vivamente la prenotazione ai numeri:

085/ 4224087 085/ 2406628 393/ 9350933

 

Livia Tammaro

ufficio stampa Florian

stampa@florianteatro.it

organizzazione@florianteatro.it

328/0488960

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *