Pescara, Riflessioni Postume il 16 e il 17 gennaio

FLORIAN METATEATRO Centro di Produzione Teatrale

direzione artistica Giulia Basel

presenta per “Teatro D’Autore” sezione “Teatro e Letteratura”

sabato 16 gennaio ore 21.00 e domenica 17 gennaio 2016 ore 17.30 al FLORIAN ESPACE

Res Nuda

Riflessioni Postume da Achille Campanile interpretazione e regia Ezio Budini

“Quando mi capitò di leggere Il pensiero della morte, diventato poi Riflessioni postume per il mio spettacolo – scrive Budini nelle sue note di regia – pensai subito ad una messa in scena, trattandosi di un testo che, adattato a monologo, mi avrebbe dato la possibilità di affrontare una delle tematiche più amate e temute dai grandi scrittori, la morte, e di farlo alla maniera di Campanile, senza particolari espedienti scenografici , ma semplicemente mediante il potere delle sue disquisizioni agro-dolci, con gli angoletti della bocca all’insù, le zampette di gallina a incorniciare gli occhi e al contempo una lama tagliente a sfiorare le corde dell’animo umano”. Una perfetta miscela tra ironia e amarezza – punto cardine di tutta la produzione letteraria di Achille Campanile – attraverso cui l’autore si misura con il tema della morte, non in chiave diretta e cioè rappresentandola, ma indirettamente, ragionandoci sopra, costruendo una sua piccola filosofia della morte, o meglio del comportamento umano di fronte ad un fenomeno così immenso e allo stesso tempo evanescente. Un testo esorcizzante, dissacrante, ma profondamente romantico. Un intricato e divertente ragionamento sulla morte. Un sorprendente inno alla vita. Indiscusso precursore di un genere letterario e teatrale, l’assurdo, che verrà successivamente sviluppato e portato ai massimi livelli da autori come Beckett, Pinter e Ionesco, Achille Campanile ci regala con i suoi scritti sconclusionati, sgangherati, improbabili, paradossali, insensati, irrazionali, assurdi appunto, un piacevole e al contempo amaro divertimento, mentre gioca con l’animo umano descritto attraverso le sue mille sfaccettature grottesche, sentimentali, ridicole, malinconiche. Un genio nel saper sdrammatizzare anche le situazioni più tragiche o penose, semplicemente sorridendo e facendoci sorridere di fronte alla piccolezza dell’uomo nell’universo.

“Riflessioni Postume” è il primo appuntamento 2016 di Teatro d’Autore e come di consueto dopo la prima dello spettacolo per “Incontri a Teatro” seguirà un colloquio con la compagnia.

Ingresso intero € 10 ; ridotto € 8 ; professionale € 6 (per artisti e per gli allievi delle scuole di teatro). E’ consigliata la prenotazione.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *