Pescara, presentazione del libro di Aldo Cazzullo “L’Italia s’è ridesta. Viaggio nel Paese che resiste e rinasce”

Venerdì, 14 dicembre, alle ore 17, la Sala Figlia di Jorio della Provincia di Pescara ospiterà la presentazione del libro di Aldo Cazzullo “L’Italia s’è ridesta. Viaggio nel Paese che resiste e rinasce” (Mondadori 2012). A fianco all’autore ci saranno i giornalisti Sergio D’Agostino e Roberto Mingardi. Con questo volume parte da Cazzullo un messaggio di speranza sul futuro dell’Italia che“oggi è spaventata, di cattivo umore, impaurita dal futuro. Invece sono convinto – dice – che l’Italia abbia davanti a sé una grande occasione di ripresa e di sviluppo. Una chance di rinascita, una nuova stagione”. Per aiutarci a capire chi siamo, Cazzullo racconta quindici città: da Torino a Bari passando per Roma, Napoli, Venezia, Verona, Trieste, Genova, Firenze e poi ancora Palermo e Bologna, denunciando scandali, criticando cattive abitudini, ritraendo personaggi negativi. Ma ovunque scopre storie di successo, trova motivi di speranza, vede i segni di un grande potenziale di sviluppo. C’è anche un po’ di Abruzzo, in queste pagine, perché Cazzullo sofferma la sua attenzione sull’Aquila, oltre che sull’Emilia, facendo riferimento alla lezione di dignità e riscatto che viene da chi è stato colpito dal terremoto. Il giornalista chiude con le cose da fare, e la più importante è ricominciare a credere in noi stessi e nel nostro paese.

Aldo Cazzullo è uno dei più importanti giornalisti italiani: dopo quindici anni a «La Stampa», dal 2003 è inviato ed editorialista del «Corriere della Sera». Oltre alle vicende italiane, ha seguito le elezioni di Bush, Obama, Erdogan, Abu Mazen, Zapatero, Rajoy, Sarkozy, Hollande, Cameron, le Olimpiadi di Atene, Pechino e Londra, i Mondiali di calcio in Giappone, Germania e Sud Africa. Ha pubblicato tredici saggi, tra cui “Viva l’Italia!” (2010), che ha venduto oltre centomila copie.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *