Pescara, “My Fair Lady” il 17 e il 18 novembre

Dopo lo straordinario successo dello spettacolo inaugurale con Emilio Solfrizzi – che ha fatto registrare il tutto esaurito per le due repliche programmate e ha bloccato le vendite degli abbonamenti, aumentati del 20% rispetto allo scorso anno,

la 50ª Stagione Teatrale della Società del Teatro e della Musica

riprende con uno dei capolavori del teatro musicale di tutti i tempi:

MY FAIR LADY

Testi e liriche di Alan Jay Lerner

Musiche di Frederick Loewe

Compagnia Corrado Abbati

con Antonietta Manfredi, Luca Mazzamurro, Fabrizio Macciantelli,

Giovanni Gala, Claudio Ferretti, Antonella Degasperi, Francesca Dulio, Dario Donda,

Francesca Araldi, Matteo Catalini, Cristina Calisi, Riccardo Dall’Aglio, Marta Calandrino,

Lucia Antinori, Davide Cervato

 

Scene Stefano Maccarini – Coreografie Giada Bardelli

Costumi Artemio Cabassi – Direzione musicale Marco Fiorini

Adattamento e Regia Corrado Abbati

 

Calendario degli spettacoli:

TEATRO CIRCUS

Martedi 17 novembre – ore 21

Mercoledi 18 novembre – ore 17

 

Note di regia

Uno dei problemi che molti si pongono nel riportare in scena i classici del teatro musicale è che gran parte del repertorio non si allinea con i presunti valori attuali. I veri o falsi problemi di rendere contemporanee tali opere sono spesso motivo di elaborazione di una moltitudine di note di regia giustificative di ciò che in fondo non ha bisogno di giustificazione. La soluzione è dunque di lasciare My Fair Lady semplice, elegante ed affascinate come in originale perché è questa la magia dello show.

La sceneggiatura è certamente già forte e di prima classe, essendo il nucleo della storia costruita sul “Pigmalione” di George Bernard Shaw; ma i numeri ballati, le così tante e splendide canzoni (da “La rana in Spagna” a “Vorrei danzar con te”), il bel canto, la recitazione sciolta e l’eleganza dei costumi e della scena, le danno quel senso di gioia tutta da godere. C’è gioia in tutto: solisti, ensemble e spettatori, perché My Fair Lady è una favola possibile e già per questo ci attira, ci ispira e ci fa sperare. La storia, le canzoni e i personaggi che ti sono già familiari (chi non conosce My Fair Lady?) prendono vita davanti a te e ti invitano a sognare, amare e cantare le melodie di questo straordinario classico del teatro musicale che continua ad essere sempre giovane e seducente.

Un divertimento dal vivo, frizzante ed avvincente, che saprà rapire il pubblico per due ore di spettacolo da passare piacevolmente.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *