Pescara, mostra di Gabriella Albertini al Mediamuseum dal 21 ottobre

Martedì 21 ottobre p.v. alle ore 17,30 al Mediamuseum di Pescara sarà inaugurata la Mostra di scene e costumi “Le Martyre de Saint-Sébastien” di Gabriella Albertini: l’accostamento interpretativo dell’artista abruzzese all’opera dannunziana, segnatamente all’aspetto scenografico del teatro del Vate, raggiunge esiti spesso inesplorati, anche dalla critica più accorta, per meglio comprendere, al di là dell’indiscusso valore intrinseco delle opere della Albertini, certi aspetti del complesso mondo del grande ‘artiere’ abruzzese, con le sue spesso spettacolari esibizioni di sensualità, ma anche con la sottilissima sensibilità, che si muove con deliberata e partecipata astuzia creativa, colta e seducente, tra il sacro ed il profano, come nel caso del  Martyre de Saint – Sébastien. La particolare attenzione che la Albertini ha riservato al Martirio, anche nella sua produzione critica, opportunamente antologizzata nel recente volume Scene e immagini nell’opera dannunziana, risente, assai positivamente, del fervore e dell’entusiasmo giovanili dell’artista che fece proprio di quest’opera l’argomento del suo saggio di diploma all’Accademia di Belle Arti di Roma, accompagnato da una serie innumerevole di bozzetti, che ora costituiscono le 53 opere, tra scene e costumi, della bella mostra che si inaugura al Mediamuseum, promossa dalla Fondazione Edoardo Tiboni per la cultura.

La stessa Albertini così ricorda: “Le Martyre de Saint-Sébastien”, mistero teatrale di Gabriele d’Annunzio con musica di Claude Debussy è un’opera che ho preparato come tesi nel 1961 per conseguire il diploma in Scenografia presso l’Accademia di Belle Arti di Roma. Ora trascorsi molti anni, espongo le tavole delle scenografie e dei costumi con il significato ed il valore dell’inedito. Questo lavoro, conservato in un cassetto, è stato la base di tutto il mio impegno operativo…”

La Mostra sarà visitabile dal lunedì al sabato della 10,30 alle 12,30 e dalle 17,00 alle 19,00.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *