Pescara, la fiera “Pescara sposi” l’11 e il 12 ottobre

Diventa white il week-end al Marina di Pescara, che sabato 11 e domenica 12 ottobre ospita Pescara Sposi, la fiera più importante del centro sud Italia dedicata al wedding day. Tra le nuove tendenze: il matrimonio sul mare, il wedding writer e in anteprima nazionale il wedding counselor

Cresce l’attesa per il taglio del nastro di Pescara Sposi, che sabato 11 e domenica 12 ottobre, dalle 15 alle 21, animerà il Marina di Pescara offrendo ai visitatori un percorso espositivo di circa 2 mila metri quadrati e la presenza di oltre 80 aziende regionali e nazionali specializzate nel wedding. La manifestazione, giunta ormai alla quinta edizione, è organizzata dalla Camera di Commercio di Pescara, Cna e Confartigianato Pescara e costituisce un punto di riferimento importante in Abruzzo per tutto il mondo del marriage, sia per gli espositori che per i visitatori.

Un successo annunciato, quello di Pescara Sposi, che vanta numeri di tutto rispetto e in crescita per l’intera regione: sono attese infatti più di 15 mila presenze nella due giorni espositiva, che nella precedente edizione ha incassato il consenso di oltre 800 coppie, facendo registrare 12 mila visitatori.

La kermesse, il cui ingresso è gratuito, proporrà tutte le ultime tendenze sugli abiti da sposa e da sposo, le novità sulla moda capelli, le bomboniere, le location e il galateo degli sposi, grazie anche ad ospiti d’eccezione: il guru dell’hair design Salvo Filetti, consulente del gruppo L’Oreal e fondatore insieme a Renato Gervasi del brand Compagnia della Bellezza, e la giornalista di moda e wedding blogger Loredana Ranni, meglio nota come la Signora degli anelli.

Tante le novità in carnet, come la presentazione di un vasto ventaglio di proposte sulle location piu’ inedite per il wedding day, intorno alle quali si sta sviluppando anche un mercato per diversificare l’offerta turistica abruzzese. E, a proposto di turismo, e di location insolite e di tendenza, Pescara potrebbe presto ospitare il matrimonio sul mare. Dopo Rimini e Grottammare, anche la spiaggia del capoluogo adriatico, potrebbe essere sede del rito civile. Ad annunciarlo direttamente il sindaco Marco Alessandrini, che ha spiegato: “Stiamo lavorando intensamente, compatibilmente con i tempi dettati dall’iter burocratico e dalla necessità di mettere insieme più interlocutori in tema di demanio, come la Capitaneria di Porto e l’Agenzia delle Dogane, affinché la spiaggia di Pescara possa ospitare i matrimoni che abbiano validità civile, come accade per il Comune e per l’Aurum. Potrebbe rappresentare anche una risorsa per il turismo legato al wedding day, speriamo che questo ambizioso progetto, già sperimentato con successo in qualche altra città italiana, sia presto possibile anche da noi”.

Ma le novità non sono finite, perché a Pescara Sposi debutta in anteprima nazionale il wedding counselor e per la prima volta in Abruzzo il wedding writer.

Il wedding writer, che in Italia esiste e inizia ad essere anche una professione in ascesa, trasforma la storia d’amore di una coppia in un romanzo, una poesia o una sceneggiatura. E’ un nuovo modo di raccontare il matrimonio, attraverso aneddoti ed episodi che caratterizzano la vita a due, e può anche diventare una bomboniera o il regalo che uno dei due sposi dona al coniuge. Tre sono le

tipologie di proposte di un wedding writer: l’engagement book, che è il racconto del fidanzamento, con tanto di retroscena e particolari inediti, molto richiesto come cadeau de mariage per gli invitati; il wedding day book, un reportage del giorno del matrimonio; fino al wedding book, vero e proprio romanzo che narra la storia d’amore dal primo incontro fino al giorno del matrimonio compreso.

Debutta invece a livello nazionale a Pescara Sposi, la figura del wedding counselor: un problem solver delle relazioni, un esperto che aiuta ad affrontare in maniera consapevole il passo più importante della propria vita. E’ uno specialista che non ha nulla a che vedere con un terapista di coppia, il quale attraverso degli incontri prematrimoniali opera per facilitare lo sviluppo di una relazione tramite l’ascolto empatico e il completo rispetto delle soggettività di ciascuno con lo scopo di liberare le risorse interiori della persona, per condurla al giorno del matrimonio in piena consapevolezza e con la serenità ideale.

Sabato 11, per la prima volta in Abruzzo dalle passerelle di Milano e Parigi, il guru dell’hair design e consulente del gruppo “L’Oreal”, Salvo Filetti, terrà un workshop dedicato alle ultimissime tendenze di hair style per la sposa. Mentre Loredana Ranni alias la Signora degli anelli – una delle wedding blogger di riferimento nel panorama nazionale – si occuperà del workshop “Sposarsi tra stile e nuovo galateo:dal look della coppia al design dell’evento”. Domenica 12, poi, i riflettori saranno puntati sulle sfilate fashion delle principali griffe della moda sposo/sposa e sulla sfilata di Alessandro Angelozzi Couture, stilista affermato ormai a livello mondiale. Il tutto immerso in un percorso sensoriale unico nel suo genere, che catturerà l’attenzione dei visitatori nell’immediatezza dei desideri. Infinite idee, tante soluzioni, produttori e consumatori insieme per realizzare il sogno delle nozze indimenticabili con un’impronta irriducibilmente fashion.

La manifestazione, frutto della collaborazione tra la Camera di Commercio di Pescara, Cna e Confartigianato, è l’unica, in un contesto generale di profonda crisi, a crescere e vedere notevolmente incrementato il proprio fatturato. Pescara Sposi  è infatti sinonimo di qualità, sia nel direct marketing che nella comunicazione integrata dell’evento, attraverso le piattaforme multimediali di Youtube e Facebook, su cui tornano, dopo il grande successo della passata edizione, le iniziative “Baciami ancora”, premio per lo scatto che immortala il bacio più bello e “Vota lo stand più bello”, premio dedicato allo stand più glamour della fiera. “Pescara Sposi – dichiara Daniele Becci – presidente dell’Ente organizzatore – è la dimostrazione di come il settore del matrimonio sia in controtendenza rispetto all’andamento dell’economia provinciale. In soli 5 anni il numero degli espositori è quasi raddoppiato e l’80% delle aziende ha confermato la loro adesione. Il matrimonio, ancora principio cardine della nostra cultura, la qualità dell’organizzazione e l’attrattività degli eventi collaterali rappresentano il successo di questa Fiera”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *