Pescara, incontro conclusivo su progetti “Volontariamente”: resoconto evento

C’è chi, come Avis Pescara, ha realizzato una serie di iniziative originali per allargare la platea dei donatori di sangue anche agli extracomunitari o a persone con sordità. C’è chi, invece, ha pensato di far partecipare gli studenti delle scuole superiori agli allenamenti della squadra di calcetto composta da persone con disabilità psichica, a Penne: è il caso dell’associazione Sentire Insieme. E che dire dell’associazione La Stella del Mare di Pescara, che ha organizzato un servizio di doposcuola con ragazzi svantaggiati, tenuto da studenti universitari, favorendo l’incremento della cultura della solidarietà. O del Comitato per i diritti della Famiglia, che ha realizzato laboratori per insegnare a bambini e disabili la realizzazione di burattini. L’associazione Astra, invece, ha realizzato un corso di formazione per volontari culturali dentro il Museo delle Genti d’Abruzzo, chiamati a presentare mostre ed eventi con professionalità e dedizione. Ampio spazio, poi, alla comunicazione: l’associazione Diversuguali insieme a Uildm Pescara-Chieti ha realizzato un tg della disabilità con ragazzi diversamente abili, mentre le associazioni Fratello Mio Onlus e Voci di Dentro hanno dato vita ad un giornale murale insieme ai detenuti del carcere di Chieti, e i ragazzi dell’Anffas Pescara hanno ideato e realizzato una campagna di comunicazione sulla disabilità.

Sono alcuni dei progetti realizzati dalle associazioni di volontariato di Pescara e provincia tra il 2012 e 2013 e sostenuti dal Centro Servizi per il Volontariato di Pescara con i fondi delle Fondazioni Bancarie, riassunti in una mostra e in una pubblicazione presentati questa mattina all’Aurum di Pescara, nell’ambito dell’evento Volontariamente, l’annuale appuntamento promosso dal Csv Pescara con il patrocinio del Comune e della Provincia di Pescara, per raccontare le più belle esperienze di volontariato nel territorio di Pescara. Quest’anno, in particolare, riflettori accesi sulla capacità progettuale delle associazioni di volontariato, all’insegna del tema “Persone e opere che progettano e costruiscono il bene di tutti”.

Oltre alla mostra, si è tenuto un dibattito dal titolo “Nella realtà per il bene di tutti”, al quale sono intervenuti Mauro Moretti e Massimo Marcucci, presidente e direttore del Csv Pescara, rappresentanti delle associazioni Diversuguali, Sentire Insieme, Astra, Anffas Pescara e Fratello Mio Onlus e Voci di Dentro che hanno raccontato i loro progetti, il presidente della Provincia di Pescara, Guerino Testa, la vicepresidente della Fondazione Pescarabruzzo, Nicoletta Di Gregorio, e monsignor Tommaso Valentinetti, arcivescovo di Pescara-Penne, coordinati dalla giornalista Anna Di Giorgio. Sono intervenuti anche l’assessore comunale alle Politiche Sociali, Guido Cerolini Forlini, e il consigliere Vincenzo D’Incecco.

“È del tutto evidente che in questi ultimi anni – ha detto Mauro Moretti, presidente del Csv Pescara – molte associazioni di Pescara e provincia hanno dimostrato di essere entrate definitivamente nella fase adulta della loro esperienza, con una professionalità sempre più in grado di rispondere alle sfide dei nostri tempi, non ultima quella dell’accesso ai fondi. Questi progetti, in altri termini, parlano di persone che, nel nostro territorio, vivono il volontariato con la stessa serietà con cui vivono il loro lavoro e la vita stessa. A loro va il nostro plauso convinto, e quello di tutta la collettività. Se, dunque, scopo del Centro Servizi per il Volontariato è contribuire alla crescita qualitativa, oltre che quantitativa, del mondo della gratuità, possiamo dire che stiamo provando a fare seriamente la nostra parte”.

La mattinata si è conclusa con la consegna dei Riconoscimenti Volontariamente che ogni anno il Csv conferisce alle associazioni che più hanno contribuito alla crescita qualitativa del volontariato a Pescara e provincia: quest’anno, i Riconoscimenti – consistenti in buoni spesa di 400,00 euro – sono andati a Diversuguali, Sentire Insieme e Astra.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *