Pescara, in scena al Florian Andrea Cosentino il 23 e 24 ottobre

Venerdì 24 ottobre alle ore 21, torna a Pescara sul palco del Florian Espace, dopo anni di assenza dall’Abruzzo, Andrea Cosentino, estroso artista abruzzese, ormai da tempo stabilitosi a Roma e impegnato nel teatro di ricerca come autore, attore e regista in spettacoli ironici ed intelligenti, amati dal pubblico e apprezzati anche dalla critica più esigente.

E torna con uno dei suoi spettacoli di maggior successo: “Primi passi sulla luna” divagazioni provvisorie per uno spettacolo postumo, una sorta di cabaret postmoderno, indicazioni di regia di Andrea Virgilio Franceschi, collaborazione artistica Valentina Giacchetti, disegno luci Dario Aggioli; lo spettacolo è prodotto dall’Associazione MARA’SAMORT in coproduzione con Benvenuti srl di Pierfrancesco Pisani, e la collaborazione di Kilowatt Festival.

Il lavoro di Andrea Cosentino inquadra immagini del futuro ormai passate, prendendo spunto dal quarantennale del primo allunaggio, passando per il centenario del manifesto futurista, il cinquantenario della creazione della prima Barbie e i dieci anni dalla morte di Stanley Kubrick. Lo sbarco sulla luna dà il “la” a una schiera di improbabili personaggi per trattare di sosia viterbesi di Armstrong e torri gemelle, monoliti, alieni e spiritualità, scimmie, tapiri e licantropi. Ma l’allunaggio della notte del 20 luglio del ’69 è anche l’evento mediatico attraverso il quale misurare l’inattingibilità del reale in un’epoca la cui verità coincide con il suo darsi in rappresentazione.

Andrea Cosentino, radicalizzando la sua ricerca, ci presenta una performance che rifiuta di farsi spettacolo, e si dà sotto forma di frammenti di un’opera impossibile, capolavoro postumo e incompiuto, improvvisazioni e digressioni senza rete e lista di ingredienti forniti crudi agli spettatori, perché ognuno li cucini a proprio piacimento e misura. Al cuore del tutto c’è uno squarcio di storia intima, anch’essa forse vera-forse falsa, quasi una confessione offerta in sacrificio, che ha a che fare con la paternità e le fragilità dell’infanzia.

Contro la sete di realtà, l’ossessione per le storie vere, i fatti di cronaca e i reality show, Cosentino ci conduce in un viaggio surreale, esilarante e struggente, portato avanti al tempo imperfetto, che è il tempo dei giochi e dei sogni, e che si dissolve al presente.

Al termine dello spettacolo si terrà l’incontro con la compagnia a cura dallo studioso di teatro Paolo Verlengia.

 

Lo spettacolo sarà anticipato giovedì 23 ottobre alle ore 18 presso la libreria Primo Moroni di Pescara dove si terrà la presentazione del libro Primi passi sulla Luna – Divagazioni provvisorie per uno spettacolo postumo di Andrea Cosentino, uno spettacolo teatrale che si trasforma in un libro, un esperimento letterario, una storia personale, biografica, familiare. E’ l’avventura difficile, inaspettata, dolce, avvolgente di un padre con una figlia, di un figlio con un padre, uniti in un tempo speciale raccontato da Cosentino per Tic Edizioni. Un libro che parla di una vicenda importante, della vita e della morte, della felicità, di un futuro ormai passato, e di tante altre cose. Di una famiglia, di riflessi e di tempi verbali, di anniversari. Di Darwin, di Futurismo, di Galileo, di una passeggiata in pineta e della Pimpa, di razzi e sbarchi sulla Luna. Di un quadro del Ghirlandaio, custodito nel museo del Louvre. Andrea Cosentino scrive per non staccarsi dal dolore, per tenerlo addosso: il retinoblastoma, un riflesso nell’occhio destro di Daria, la sua bambina di tre anni, scoperto per caso in una fotografia. Una luna nell’occhio. Una riflessione sul generare la vita, che è gioia, responsabilità e condanna, perché porta con sé un destino di morte. Un compito al quale si è chiamati, ma per il quale si è sempre impreparati. L’accostamento tra il tragico e il suo opposto diventano in questo libro uno strumento terapeutico, per insegnare ad essere genitori, imparando ad essere figli. Alla presentazione sarà presente l’autore.

Artista eclettico e camaleontico, Andrea Cosentino (Chieti, 1967) proviene dalla scuola di Dario Fo presso la “Libera Università di Alcatraz” e dal teatro gestuale di Philippe Gaulier della scuola mimica e clownesca di Jacques Lecoq a Parigi. Oggi è autore e attore, comico e studioso di teatro, proprietario promotore autore attore e conduttrice unico di Telemomò, la televisione autarchica a filiera corta. Tra gli spettacoli che ha scritto e portato in scena, La tartaruga in bicicletta in discesa va veloce, L’asino albino, Angelica, Antò le Momò – avanspettacolo della crudeltà, Esercizi di rianimazione. A Primi passi sulla luna è ispirata la sua prima (omonima) prova narrativa.

Nei suoi monologhi il comico ed il tragico si fondono, con l’intento di scandagliare le verità più amare ed inconfessabili della società e della vita umana. Mette in scena un campionario parodico di stereotipi sociali dell’ Italia contemporanea, ma la sua satira non si limita alla facile caricatura, arricchendosi secondo alcuni di intenti metafisici, filosofici ed esistenziali tanto che alcuni dei personaggi che evoca finiscono per acquisire una dimensione poetica inaspettata ed inconsapevole.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *