Pescara, I Solisti di Perugia sul palco del Teatro Massimo

Quattordicesimo appuntamento della 47ª Stagione Concertistica 2012/2013 della Società del Teatro e della Musica: Venerdì 25 gennaio – ore 21 sul palcoscenico del Teatro Massimo si esibirà un’apprezzata orchestra d’archi italiana
I SOLISTI DI PERUGIA

Paolo Franceschini, primo violino
Massimo Mercelli, flauto

in un interessante programma:

E. Bloch Concerto grosso n. 2

G. Sollima Contrafactus per flauto e archi (dedicato a Massimo Mercelli)

A. Dvorak Serenata in mi magg. op. 22

Costituitisi all’alba del nuovo millennio, I Solisti di Perugia rappresentano ormai, nel panorama internazionale, una consolidata realtà come apprezzato complesso d’archi, offrendo un repertorio che spazia dal Barocco, attraverso il Classicismo e le rare quanto considerevoli composizioni romantiche, fino alle più diverse espressioni musicali del Novecento italiano e non. Nel corso degli anni l’ensemble ha partecipato ad importanti festival in Italia e all’estero. Ha collaborato con artisti come J.P. Amoyal, B. Canino, E. Dindo, C. Gasdia, S. Gavrilov, etc. Presenti nel cartellone delle più importanti società concertistiche italiane, i “Solisti” possono vantare la partecipazione al festival di Kusatsu (Giappone), nella cui programmazione artistica rivestono dal 2001 un ruolo centrale in qualità di unica orchestra ospite. Qui, a partire dal 2004, l’ensemble è stato invitato ad esibirsi davanti alla Famiglia Reale giapponese. La sensibilità artistica, l’apertura verso ogni linguaggio musicale, ha portato il gruppo a confrontarsi anche con la musica Jazz. E’ nato così in seno ad Umbria Jazz il progetto “Omaggio a Charlie Parker”, che nel 2005 e 2006 ha visto “i Solisti”, al fianco del sax di Francesco Cafiso, far rivivere la musica del grande “Bird” in uno spettacolo riproposto anche a New York, al Birdland. Il repertorio discografico de “i Solisti di Perugia” vanta oltre una ventina di titoli per la casa discografica nipponica “Camerata Tokyo”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *