Pescara, “Domenica di carta”: Presentazione della brochure per i 120 anni del dipinto di Francesco Paolo Michetti l’11 settembre

l Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo promuove, anche per il 2015, il progetto Domenica di carta con l’apertura di Archivi e Biblioteche statali, per valorizzare il patrimonio conservato in quegli Istituti.

L’Archivio di Stato di Pescara resterà aperto dalle 9,00 alle 13,00 proponendo la visita alla mostra “Mangiami” – che si inserisce nel progetto EXPO e territori – curato dal comune di Ortona.

Contestualmente, in collaborazione con la Provincia di Pescara e la Fondazione Pescarabruzzo, promuove la

Presentazione della brochure per i 120 anni del dipinto di Francesco Paolo Michetti

La Figlia di Iorio

Presso il Palazzo del Governo – Sala “Figlia di Iorio” Pescara – Ore 10,30

 

Nella terra d’Abruzzi, or è molt’anni.

 

Nella terra d’Abruzzi, or è molt’anni, si legge all’inizio della tragedia La figlia di Iorio, scritta nel 1903 e rappresentata nel 1904 da Gabriele d’Annunzio, diversi anni dopo che il suo amico Francesco Paolo Michetti aveva portato a termine, con lo stesso titolo, una grande tela a tempera (cm. 280 x 550). Stupore e incanto suscitò il dipinto per l’ardire della composizione e per il segreto del contenuto. Molto si è scritto, pensato e supposto su una realtà che forse è impossibile conoscere nella sua completa verità.

Si preferisce scrivere “Iorio” con la lettera “I” anziché “J”, come a volte si legge, perché lo scrittore scelse tale soluzione per il nome attribuito a un personaggio legato alla dichiarata fonte ispiratrice. Sembra, infatti, che i due amici, Michetti e d’Annunzio, siano stati spettatori involontari di un episodio improvvisamente accaduto davanti al loro sguardo. L’evento che conteneva il sentore di un atavico Abruzzo, suggerì le immagini al pittore e le adeguate parole allo scrittore.

Per rendere al visitatore una lettura dell’opera pittorica, il più possibile veritiera e chiara, l’Archivio di Stato di Pescara, con la collaborazione della Fondazione Pescarabruzzo, offre alla Provincia di Pescara, nella sede del Palazzo del Governo, dove è esposto il quadro, un pieghevole che, molto brevemente, propone i passi più salienti di una narrazione: questa, oltre a essere interpretata sotto il profilo artistico, viene anche valutata per alcuni riferimenti ambientali e storici della regione.

La breve cerimonia, che si svolgerà domenica 11 ottobre c.a. alle ore 10,30 presso la sala dove è collocata l’opera michettiana, vuole essere anche un atto di omaggio a una “Figlia” d’Abruzzo che quest’anno compie 120 anni. Il quadro di Michetti, infatti, ricevette il primo premio alla Prima Biennale di Venezia, dove venne esposto nel 1895. La sua presenza a Pescara segue un altro filone narrativo che si articola e si unisce alla storia della nazione e della città. Tutto questo è scritto e messo a conoscenza del fruitore.

Il pieghevole, redatto in due lingue (italiano e inglese), dopo i saluti delle autorità, verrà presentato dal prof. Andrea Lombardinilo e dalla illustrazione del dipinto da parte dell’autrice dello scritto, Gabriella Albertini. Sono inoltre citati i collaboratori alla realizzazione del progetto: cura redazionale: Angela Maria Appignani, traduzione: Athena Traduzioni, Pescara; Progetto grafico: Francesco Miccoli; Riproduzione fotografica del dipinto: Piero Cipollone; Editing: Franca Cauti.

Per l’occasione la sala Figlia di Iorio resterà aperta al pubblico, fino alle ore 13,00.

Ingresso libero, brochure in omaggio.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *