Pescara, corso “Art Experiences: l’arte come non l’avete mai vista” dal 21 novembre

Il 4 Ottobre del 2013 su iniziativa di un gruppo di esperti, composto da storici dell’arte, giornalisti, docenti universitari, appassionati di cinema, fotografia, design, moda e costume, è stato costituito il CAPPA Centro di Archiviazione e Promozione della Performing Art: un Istituto di ricerca nato con l’obiettivo di far conoscere l’arte performativa e i linguaggi più sperimentali dell’arte del presente.

In particolare CAPPA si dedica all’organizzazione di progetti culturali con particolare attenzione all’interazione e alla contaminazione dei linguaggi espressivi contemporanei.

Per il perseguimento di detti fini CAPPA propone attività di formazione nel settore della performing art, della comunicazione visiva, della fotografia, della storia dell’arte, della videoarte, del cinema e del teatro.

Gran parte delle attività elencate venivano già svolte dallo stesso gruppo che ha costituito CAPPA quando questo componeva il comitato tecnico scientifico del Museo di Arte Contemporanea di Nocciano.

Una delle attività formative di maggior successo organizzate dal cts del MAAAC, oggi gruppo CAPPA, è stato il Corso di Comunicazione Visiva/Storia dell’Arte Moderna e Contemporanea (SAMeC) che, dal 2010 al 2012, ha visto crescere sempre di più il numero dei partecipanti.

Quest’anno il corso, denominato Art Experiences: l’arte come non l’avete mai vista, è stato realizzato in collaborazione con l’Associazione Culturale Bauhaus e si terrà presso lo Spazio di Architettura e Ingegneria He5, in via Falcone e Borsellino n. 38 a Pescara Portanuova (zona tribunale nuovo).

Avrà inizio a partire dal 21 Novembre 2013.

Il percorso formativo si compone di 13 lezioni di due ore l’una.

Le lezioni si svolgeranno una volta a settimana (il giovedì sera) e saranno tenute dalla dott.ssa Sibilla Panerai, dal dott. re Giovanni Paolo Maria De Cerchio e dal dott. re Ivan D’Alberto.

Il programma si presenta estremamente trasversale e innovativo con un approccio interdisciplinare tipico dei Visual Studies.

Questi gli argomenti delle lezioni, le quali saranno arricchite dalla presenza di artisti, scrittori e performer.

L’ideale classico: collezione INTIMISSIMI 2012, il Toro Farnese e Girl gone wild di MDNA;

Gender art, riti di passaggio, mutazioni ed evoluzioni del CORPO nel XXI secolo (con Maura Chiulli, portavoce ArciGay nazionale);

Dentro-fuori: Peter Campus, Fantozzi contro tutti e Cronenberg;

The Berlin Art conte(x)st 1 – Only woman in Berlin;

The spaces: Museum, Gallery & Factory (questa lezione si terrà presso lo spazio UltraStudio);

Arte magica, l’esoterismo nell’arte contemporanea;

Relational art: Cabaret Voltaire, Cesare Pietroiusti e My Nutella (con azione GOLOSA);

Digital life, dal Romaeuropafestival alle ultime tendenze dell’arte che nascono dal computer;

DADA o GAGA: solo prestiti, nessun plagio ma qualcos’altro;

The Berlin Art conte(x)st 2 – The Midnight Club: la risposta delle gallerie italiane per l’arte contemporanea in Europa;

Vernissage: dalla Biennale di Venezia a Documenta passando per Freeze, percorsi tra curatori, artisti e organizzatori del contemporaneo;

Japanese Art, tra tradizione, manga e cos-play (con una sfilata di cos-player)

Per iscriversi o avere informazioni inviare una mail a cappa.artecontemporanea@gmail.com o consultare il blog cappa-artecontemporanea.blogspot

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *