Pescara, concerto QUINTETTANGO il 23 ottobre

 

La musica di Astor Piazzolla apre la 50ª Stagione Concertistica 2015/2016 della Società del Teatro e della Musica

Venerdi 23 ottobre alle ore 21

nel Teatro Massimo di Pescara si esibirà il gruppo

QUINTETTANGO

Massimiliano Pitocco, bandoneon

Fulvio Furlanut, Samuel Angeletti, violini

Federico Furlanetto, viola

Francesca Favit, violoncello

in un interessante programma dedicato a musiche originali del grande compositore argentino arrangiate da Massimiliano Pitocco:

Tristeza de un “doble A”

Four for Tango (solo quartetto)

Woe

Tres Tangos

Oblivion

Adios nonino

Concierto para Bandoneòn y Orcuestra

 

Conosciutissimo anche da chi di Tango non se ne intende molto, l’eclettico Astor Piazzolla aveva un carattere molto particolare, era polemico e provocatore un pò come tutti i geni e cercò in tutti i modi di sciogliere la dipendenza del Tango dal ballo. La sua musica è rivoluzionaria, si distacca un pò dalle novità apportate fino ad ora per tornare alla tradizione classica e tentare un riuscitissimo connubio con il jazz. Per queste ragioni venne criticato, osteggiato, ma allo stesso tempo contribuisce alla riscoperta del Tango nel mondo, anche quello ballato che lui proprio non amava, basti pensare ai film che hanno i suoi pezzi nelle colonne sonore, a balletti e opere teatrali che sfruttano la dolce tristezza della voce del suo bandoneon.

L’Ensemble QuinteTTango si pone all’attenzione del pubblico come la naturale conseguenza dell’incontro di cinque musicisti di estrazione classica che negli ultimi anni hanno contribuito attivamente alla diffusione della musica di Astor Piazzolla. L’interpretazione dell’Ensemble “QuinteTTango” che si differenzia dal quintetto di A. Piazzolla, tipicamente jazzistico, presenta una esecuzione prettamente cameristica senza tralasciare la ricchezza e la semplicità delle straordinarie melodie del grande compositore argentino.

 

Segnaliamo il prossimo appuntamento:

30 ottobre Quartetto Guadagnini (Premio Abbiati 2014)

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *