Pescara, concerto di solidarietà per l’Africa al Matta il 29 dicembre

Lunedì 29 dicembre alle ore 21 presso lo Spazio Matta il concerto evento con il musicista curdo-iraniano Siamak Guran, promosso dal Comune di Pescara in collaborazione con l’Associazione Baobab. Sarà una serata di grande musica e grande solidarietà, perché gli introiti del concerto sosterranno le attività dell’associazione Novissi in favore del progetto “Gemma del Mali” che si realizzerà nel 2015.

“Il binomio fra cultura e solidarietà è un binomio che funziona e che consente di dare alla città occasioni importanti di conoscenza e intrattenimento – così l’assessore alla CulturaGiovanni Di Iacovo –Vi invito ad essere presenti il 29 per assistere ad un concerto davvero speciale, sia per il valore sociale che alimenta, sia per il valore artistico e universale dell’interprete chiamato a veicolarlo. Siamak Guran è un grande artista, ma anche un simbolo per il mondo che aspira alla pace e alla coesione, un mondo che la cultura può contribuire a far conoscere di più e a costruire evento dopo evento anche in tempi difficili”.

“Si tratta di un concerto da non perdere, con un artista che ha una storia musicale importante e una storia umana da raccontare – dice Pino Petraccia dell’Associazione Baobab – Siamak Guran nasce a Kermanshah (Kurdestan iraniano). La sua famiglia appartiene ad un antico ordine mistico che prescrive la pratica musicale come forma di preghiera e meditazione, conosciuta con il nome di Yarsan, un’antica filosofia che sincretizza i culti pre-islamici, come quello mazdeo-zoroastriano e le pratiche mistico-estatiche proprie del sufismo. La necessità di sperimentare e di far confluire le culture musicali del mondo, è il tratto distintivo di una contemporaneità attiva e profondamente legata alla ricerca e alla scoperta di linguaggi possibili.

Siamak Guran è un virtuoso di setar e tambour e di strumenti della tradizione Curda. Musicista connaturato alla contaminazione e alla ricerca con la musica delle sue origini con la cultura occidentale. L’esordio della ECO, European Contemporary Orchestra, fondata dal compositore Stefano Taglietti sulla base di precedenti esperienze e a partire dal concerto nell’estate 2014, assieme al violinista nord africano Jamal Ouassini”.

“L’associazione Novissi Onlus è nata per promuovere e tutelare i diritti di bambini e bambine in tutto il mondo – aggiunge Gaetano Paparella, presidente – contribuendo a migliorare le loro condizioni di vita. In lingua ewe Novissi significa “Fratellanza”, nel corso di questi anni abbiamo operato in Togo realizzando una casa di accoglienza, un orfanotrofio al villaggio Yegué e un corpo servizi per l’orfanotrofio di Notsé”.

Siamak Guran si esibirà insieme all’orchestra così composta:

Geoff Warren, flauto.

Roberto della Vecchia, contrabasso;

Leonardo Ramadori, percussioni;

Pino Petraccia, percussioni;

Adil Hizam percussioni.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *