Pescara, al via mostra di solidarietà “Sei occhi per Due ali”

“Aiutare un bambino oggi, significa cambiare per sempre la sua vita”. Con questo spirito prosegue il progetto di solidarietà della Fondazione “Due ali per Pescara” all’interno dell’ospedale di Pescara, dove è stato attivato il servizio di Terapia d’urgenza per i bambini, cioè il primo soccorso per i più piccoli. La Fondazione, che ha già realizzato una serie di iniziative per l’ospedale, supporta il Servizio diretto da Lombardi assicurando l’attività di un’infermiera e un pediatra e proprio oggi si è provveduto al rinnovo della convenzione per un altro anno, il secondo.
A dieci anni dalla nascita di “Due Ali per Pescara” si concretizzano nuove e importanti tappe del percorso avviato in ospedale, spiega il presidente Aldo Di Cosmo. A pochi passi dai locali della Terapia d’urgenza per bambini (atrio piano terra, zona Traumatologia) è stata allestita oggi una mostra fotografica pensata e realizzata dalla Fondazione grazie al contributo fondamentale di sei fotografi. Al centro delle immagini ci sono i bambini, il loro mondo, le loro emozioni, immortalati dentro e fuori l’ospedale: un colpo d’occhio di grande impatto, per richiamare l’attenzione di tutti sulle problematiche dei bimbi e sulle loro sofferenze, che la Fondazione cerca di alleviare collaborando con l’ospedale e in particolare con il direttore di Pediatrica Medica e Servizio di Pediatria d’Urgenza, Giuliano Lombardi.

I 12 scatti messi a disposizione da questi artisti hanno anche consentito di dar vita ad un suggestivo calendario del 2013 il cui ricavato sarà destinato alle attività della Fondazione. I fotografi che hanno aderito al progetto “Sei occhi per due ali” e hanno messo a disposizione ciascuno la propria professionalità sono Stefano Schirato, Maurizio Anselmi, Mario Di Paolo, Andrea Straccini, Sandro Menga e Barbara Tucci. Domenica prossima, 15 dicembre, in piazza della Rinascita, sarà allestito un gazebo proprio per vendere il calendario a chi vuole contribuire a questa grande gara di solidarietà. La mostra, invece, si potrà ammirare fino al 7 dicembre.
Alla Pediatria dell’ospedale di Pescara, la più grande d’Abruzzo, hanno fatto ricorso 12mila bambini, nell’ultimo anno. I posti letto a disposizione sono 20 ma in caso di necessità i bimbi ricoverati sono anche 42.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *