Pescara, al Mediamuseum omaggio ad Alberto Sordi

Prosegue anche nelle prossime due settimane l’omaggio dedicato ad Alberto Sordi nel decennale della scomparsa dalla Fondazione Edoardo Tiboni e dai Premi Internazionali Flaiano, che così vogliono ricordare il grande attore, premiato con il Pegaso d’oro per la carriera nel 1992, protagonista nel luglio 1995 del
convegno di studio organizzato dai Premi Flaiano al Porto turistico di Pescara dal titolo Alberto Sordi. Storia di un italiano, che vide la partecipazione oltre che dello stesso Sordi, di studiosi e protagonisti del cinema quali Enrico Magrelli, Stefano Della Casa, Piera De Tassis, Maria Pia Fusco, Claudio
G.Fava, Sauro Borelli, Maurizio Grande, Paolo D’Agostini, Giovanna Grassi, Turi
Vasile, Claudio Trionfera, Gian Luigi Rondi, le testimonianze di Mario Monicelli, Rodolfo Sonego, Age, Alberto Lattuada, Nanny Loy, Silvana Pampanini, Piero Piccioni, Giovanna Ralli, Dino Risi, Furio Scarpelli, Ettore Scola, Armando Trovaioli e Carlo Verdone.

I Premi Flaiano dedicarono ad Albertone anche una retrospettiva, dal 1 al 15 luglio 1995: nell’occasione venne proiettato, per la prima volta di fronte ad un pubblico cinematografico, appositamente rivisto e rimontato dallo stesso attore, Storia di un italiano, il film-antologia a puntate realizzato da Sordi con la collaborazione del suo storico sceneggiatore Rodolfo Sonego e trasmesso
dalla Rai una sola volta nel 1979.
Le proiezioni di film e documentari che hanno come protagonista il grande attore proseguiranno ogni giorno nella sala Flaiano del Mediamuseum, alle ore 17.30, fino al 28 febbraio, giorno in cui verrà proiettato in prima visione nazionale Alberto il grande, il documentario di 75′ di Carlo e Luca Verdone,
progetto sostenuto dall’Assessorato alla cultura della Regione Lazio e realizzato da Arimvideo e dalla Fondazione Alberto Sordi con la collaborazione di Medusa. La proiezione sarà preceduta da una tavola rotonda presieduta da Claudio Trionfera, capo Ufficio Stampa di Medusa Film.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *