Pescara, adattamento ai cambiamenti climatici: seminario dell’Ecoistituto il 4 dicembre

Giovedì 4 dicembre, alle ore 16,00, nella Sala Convegni del Museo Colonna di via Gramsci, Sindaci, amministratori locali, professionisti e operatori del settore sono chiamati ad confronto operativo sul tema dei cambiamenti climatici, sempre più evidenti nei nostri territori e presenti e percepibili nel nostro vivere quotidiano.

Il seminario, organizzato dall’Ecoistituto Abruzzo, in collaborazione con edènia soc. coop. e l’Associazione ACEER Abruzzo, con l’Associazione Alleanza per il clima e l’Assessorato regionale all’Ambiente, si svolge in concomitanza con la “Conferenza delle Parti della Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici” dell’ONU in corso a Lima, in Perù, dove nei prossimi giorni sarà presente  la Regione Abruzzo, rappresentata dall’assessore regionale Mario Mazzocca e da un gruppo ristretto del Servizio Regionale Energia allo scopo di predisporre un documento unitario per contrastare i cambiamenti climatici, in vista del vertice che si terrà il prossimo anno a Parigi.

L’Italia, ancora per poco alle prese con il Semestre di Presidenza dell’UE, potrebbe assumere un ruolo di leadership, spingendo per un accordo ambizioso e vincolante, capace di arrestare le conseguenze più drammatiche del riscaldamento globale. L’Italia è particolarmente vulnerabile ai cambiamenti climatici: basti pensare alle alluvioni, che purtroppo interessano ormai regolarmente il Paese, con danni ingenti a persone e all’economia, ma per fare un esempio che ha drasticamente interessato la nostra Regione,  anche alla mosca olearia che, grazie a un clima estivo mite e con abbondanti precipitazioni, ha prodotto un raccolto di olio d’oliva disastroso, ai minimi termini da oltre 50 anni!

E il 5 dicembre si celebra anche la Giornata Mondiale del Suolo (World Soil Day 2014), istituita nel 2012 dal Consiglio dell’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) delle Nazioni Unite (ONU), con lo scopo di celebrare l’importanza del suolo, e di tutte le sue componenti, come fondamentali per gli ecosistemi globali e di vitale importanza per il benessere umano, sia attraverso il contributo alla sicurezza alimentare, alla gestione delle risorse idriche ed energetiche, oltre che per la mitigazione della perdita di biodiversità e per il cambiamento climatico.

In questa cornice e per ridurre le emissioni di gas a effetto serra e quindi per mitigare il cambiamento climatico, l’Unione europea intende rafforzare la propria capacità di affrontare la propria resilienza agli impatti del Climate Change. Uno dei modi per fare tutto ciò è adattarsi ai cambiamenti climatici.

Il 19 marzo 2014 la Commissione Europea ha lanciato il Patto dei Sindaci per l’adatta-mento il cui obiettivo è coinvolgere le città a intraprendere delle misure per adattarsi ai cambiamenti climatici.

Le città che aderiscono all’iniziativa si impegnano a contribuire all’obiettivo generale della strategia di adattamento dell’UE verso una comunità resiliente, integrando l’adattamento ai cambiamenti climatici nei piani già esistenti.

Al fine di aumentare il sostegno offerto alle attività locali, è stato già predisposta una piattaforma web, Mayors Adapt, per mettere in rete le città aderenti, sensibilizzando l’opinione pubblica sul tema dell’adattamento e relative misure da attuare a livello locale e globale.

 

 

Ecco il programma del seminario:

Giovanni Di Iacovo – Assessore alla Cultura – Comune di Pescara

Saluti

Giancarlo Odoardi – Presidente Ecoistituto Abruzzo

Introduzione e coordinamento

GIOVANNI DAMIANI – Ecoistituto Abruzzo

Destabilizzazione del clima: come ci siamo inimicati la pioggia

KARL LUDWIG SCHIBEL – Coordinatore Alleanza per il Clima Italia e membro della presidenza di Climatealliance

Il Patto dei Sindaci verso il 2020 e oltre

ALCESTE RUSSO – Aceer Abruzzo

Green economy: quando l’etica è un valore

MARIALUCE LATINI – edènia soc. coop.

La green city: proposte per una città sostenibile

MARIO MAZZOCCA – Assessore all’Ambiente – Regione Abruzzo

Conclusioni.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *