Ortona, l’orchestra sinfonica apre il 31° anno dell’istituto tostiano il 25 gennaio

Si apre domenica 26 gennaio, alle 18, il 31° anno di attività dell’Istituto Nazionale Tostiano (INT), firmato nuovamente, dopo cinque anni, dal direttore storico Francesco Sanvitale, con un concerto dell’Orchestra Sinfonica Abruzzese nel Teatro “F.P. Tosti” di Ortona, dedicato alla “Giornata della Memoria”, celebrata in questi giorni in ogni parte del mondo a ricordo dei primi soldati dell’armata Rossa che il 27 gennaio 1945 liberarono il campo di sterminio di Auschwitz. Come omaggio alla cultura musicale ebraica il concerto si apre con un brano di Aaron Copland, figlio di ebrei russi emigrati negli USA e maestro di un altro celebre musicista ebreo americano, Leonard Bernstein. Il concerto diretto da Marcello Bufalini, vede come solista ospite il flautista Davide Formisano, già primo flauto nell’Orchestra e nella Filarmonica del Teatro alla Scala di Milano e considerato fra i maggiori virtuosi dello strumento a livello internazionale. Altri due concerti della Sinfonica Abruzzese si svolgeranno l’8 marzo, con la partecipazione di Ettore Pellegrino (violino solista), e Danilo Rossi (viola solista), e il 30 marzo con Luigi Piovano (direttore e violoncello solista). Oltre agli appuntamenti con la Sinfonica Abruzzese, numerosi e interessanti i tradizionali appuntamenti seminariali, corredati di una significativa parte musicale, con appuntamenti dedicati al compositore atriano Cesare Tudino (23 febbraio) e al compositore e didatta Paolo Serrao (25 maggio), direttore del Conservatorio di Napoli e legato alla Cappella Musicale della Cattedrale di S. Tommaso Ap. di Ortona per la quale ha composto numerosi brani: questi due appuntamenti sono in collaborazione con l’Associazione “Abruzzo Beni Musicali”. Verrà presentato (16 marzo) il CD “Omaggio a Verdi” realizzato dal trio pianistico a 6 mani Masciarelli-De Amicis-Petaccia, mentre un altro seminario (11 maggio), condotto dai pianisti Roberto Rupo e Giulia Grilli, sarà dedicato al ritmo della danza nel repertorio per pianoforte a 4 mani. Sempre attento al ruolo della musica nella storia e nelle ricorrenze civili, dopo il ricordato concerto per la Shoah, il 25 aprile verrà ricordata la Festa della Liberazione con una conversazione del prof. Giorgio Giannini, cui seguirà un breve concerto di brani della Resistenza italiana e di canzoni di guerra russe. Altro aspetto dell’impegno del Tostiano è quello dedicato ai giovani che viene tradizionalmente programmato nel mese di aprile, dedicato a Tosti, nato ad Ortona il 9 aprile 1846. Dal 10 al 12 aprile infatti, si svolgerà il 2° Concorso Musicale “F.P. Tosti” dedicato alle scuole Medie a Indirizzo Musicale e ai Licei Musicali che tanto successo ebbe lo scorso anno, con la partecipazione di numerose scuole provenienti da ogni parte d’Italia. Il 27 aprile si esibiranno i vincitori dell’International Vocal Competition “Art-Vocal F.P. Tosti” di Volgograd in Russia (novembre 2013), i quali saranno ospiti dell’INT anche per un corso di perfezionamento sul repertorio tostiano tenuto dal M° Roberto Rupo e dal direttore Francesco Sanvitale.

Nella seconda parte dell’anno, le attività riprenderanno con due corsi di perfezionamento internazionali: uno affidato al baritono Renato Bruson (20-28 settembre), e l’altro in collaborazione con l’Associazione “DaltroCanto” e coordinato con una serie di altri insegnanti da Donata D’Annunzio Lombardi (fine agosto). L’autunno è poi il periodo in cui vengono presentati i volumi curati direttamente o con la collaborazione dell’INT su vari temi musicali e musicologici. Per quest’anno si prevede l’uscita del volume “Schizzi e abbozzi: alla scoperta del processo compositivo in Francesco Paolo Tosti” di Alberto Mammarella (Ediz. L’Epos – Palermo), che  analizzerà il processo compositivo tostiano, e due volumi editi dall’EDT e dall’ISMEZ, realizzati da Francesco Sanvitale: “Sinfonia Eroica: Garibaldi e la musica del Risorgimento italiano”e “Nino Antonellini e il Coro da Camera della RAI”, dedicato al grande direttore di coro, d’orchestra e didatta che fu alla guida di vari complessi musicali della RAI. Il 2014 inoltre, segna l’inizio di un impegnativo progetto che l’INT realizza con gli “Amici della Musica” di Foligno: si tratta dell’edizione integrale, esecutiva e discografica dell’opera omnia di F.P. Tosti. Vengono programmati, in vista del 2016, anno del primo centenario della morte di Tosti (Roma, 2 dicembre 1916), venti concerti tra il 2014 e il 2017, registrati e poi pubblicati in un cofanetto unico dalla casa discografica olandese Brilliant. Il progetto verrà presentato sabato 25 gennaio a Foligno da Marco Scolastra e Francesco Sanvitale, che con Roberto Rupo ne sono i curatori; ad esso partecipano tutti i giovani vincitori delle varie edizioni del Concorso Internazionale “F.P. Tosti” accompagnati dai pianisti legati al repertorio tostiano da lunga consuetudine esecutiva. Non mancherà l’attività all’estero che prevede a settembre la partecipazione dell’INT all’International Chinese International Singing Competition di Taiwan, dedicato a cantanti cinesi residenti in ogni parte del mondo. Una sezione del concorso è dedicata all’interpretazione tostiana con un premio per il migliore esecutore che poi parteciperà alla semifinale della sesta edizione del Concorso Internazionale di Canto “F.P. Tosti” di Ortona del 2016. A novembre, nell’ambito dello scambio culturale con il Conservatorio “P.A. Serebrjakov” di Volgograd (Russia), si terranno dei concerti a cui l’INT parteciperà con propri artisti.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *