Nobiltà e borghesia nel Regno di Napoli tra ultimo Ottocento e Novecento nel libro“I Bruni – Gaudinieri”

Il Sud e la Calabria tra Ottocento e Novecento è dentro la storia della famiglia Bruni – Gaudinieri. C’è un legame stretto tra nobiltà, commercio, proprietari terrieri e cultura nelle famiglia che hanno segnato il Sud dal Regno di Napoli al Fascismo.

È la storia di una famiglia borghese tra fine Ottocento sino ai giorni nostri in un vissuto meridionale, il cui contesto abbraccia alcune precise chiavi di lettura: quella del commercio, quella dei possidenti agrari, quella del ceto professionale, quella della devozione religiosa – cattolica, quella aristocratica – nobiliare discendente dai Borboni sino al Fascismo e anche dopo nella fase della ricostruzione, quella dell’intreccio tra cultura del Regno di Napoli e mondo albanese. È un raccontare uno spaccato del Sud (e in particolare della Calabria) attraverso la tradizione della famiglia Gaudinieri – Bruni, una famiglia stemmata, che ha segnato un percorso in quella civiltà aristocratica e nobiliare che ha visto come riferimento alcuni centri del cosentino e inparticolare: San Lorenzo del Vallo, Spezzano Albanese, Cosenza, Terranova da Sibari, Acri oltre la Sardegna.

A scrivere “Cinque fratelli. I Bruni – Gaudinieri nella nobiltà di una famiglia”, di prossima uscita dall’editore Pellegrini (Cosenza), sono stati Pierfranco e Micol Bruni, i quali hanno tracciato un viaggio narrativo, completamente documentato da ricerche d’archivio, da un apparato storiografico e correlato con appendice fotografica appartenente alla Famiglia Bruni.Pierfranco e Micol Bruni hanno voluto ricostruire la storia di una famiglia avvalendosi di documenti certi, ma attraversandola con un linguaggio narrativo. I cinque fratelli sono Adolfo, Mariano, Virgilio, Luigi e Pietro. Si parte però dalla famiglia d’origine, ovvero da Francesco Ermete Bruni di San Lorenzo del Vallo e da Giulia Gaudinieri di Spezzano Albanese.

Il commercio e la nobiltà incontrano due famiglie che sono possidenti agrari. È il mondo delle professioni che apre prospettive sia culturali che tecnico – amministrative.

Infatti Mariano andrà a vivere a Cosenza, illustre matematico e intellettuale elegante della Cosenza bene, Luigi, profondo conoscitore del diritto amministrativo e contabile, si stanzierà a Terranova come segretario comunale, Pietro, cultore della bella fotografia e geometra avrà un ruolo importante proprio in entrambi i campi nella città di Cagliari.

Adolfo e Virgilio hanno dedicato la loro vita al commercio, innovando i processi commerciali nei territori, e quest’ultimo, Virgilio, ebbe modo di diventare attento conoscitore e consulente di vigneti e di viticultura.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *