Navelli, mostra di pittura “Luigi Martella e Elena Cantalini” dal 2 al 24 agosto

Domani, sabato 2 agosto 2014, alle ore 18, sarà inaugurato a Navelli il restauro di Palazzo de Roccis, elegante edificio risalente all’ottocento. Inizialmente espropriato dal Comune di Navelli per salvarlo dall’abbandono, lo storico edificio è stato recuperato grazie all’intervento della Provincia dell’Aquila, dei Comuni umbri della Comunità Montana dei Monti Martani, Serano e Subasio e del Comune di Spoleto che, dopo il terremoto del 2009, con un gesto di grande solidarietà, si sono fatti carico dei lavori di ristrutturazione. Importante è stato l’intervento del Club dei Borghi più Belli d’Italia, che ha rivestito un ruolo fondamentale nella ricerca della donazione.

Per l’occasione, le stanze appena restaurate di Palazzo De Roccis faranno da cornice alle splendide opere di uno dei più importanti artisti abruzzesi del Novecento, Luigi Martella, con la mostra di pittura “Luigi Martella e Elena Cantalini” che rimarrà aperta fino al 24 agosto, per poi trasferirsi a Vasto.

Luigi Martella, pittore paesaggista di origini vastesi e di scuola napoletana, deceduto nel 1971, è legato dalla sua storia e dalla sua arte a Navelli, paese di origine di sua moglie, Elena Cantalini, e soggetto romantico dei suoi dipinti. Gli scorci suggestivi del piccolo borgo aquilano infatti, come quelli della Sua Vasto, sono soggetti prediletti nella sua produzione pittorica che ha spesso ricevuto importanti riconoscimenti. La sua opera più famosa “Cipresso Solitario”, per esempio, è stata esposta alla 7a Quadriennale di Roma nel 1955.

Presenzieranno all’evento Antonio Del Corvo, Presidente della Provincia di L’Aquila; una delegazione di Sindaci dai Comuni dall’Umbria; Luciano Antonio Lapenna, Sindaco di Vasto; Paola Di Iorio, Sindaco di Navelli; Fiorello Primi, Presidente del Club dei Borghi più Belli d’Italia; Antonio Centi, Coordinatore del Comitato Scientifico del Club dei Borghi più Belli d’Italia.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *