MALATTIA….cos’è?Scoprire il perche’ di un sintomo, di un malessere o di una patologia,attraverso la Terapia Verbale, il Theta Healing e i Fiori di Bach.

”Quante persone ogni giorno si chiedono il perche’ di un sintomo, di un malessere o di una malattia?Quante subiscono il tutto passivamente vedendo la malattia come un qualcosa di negativo che fa soffrire e che condiziona la nostra vita piuttosto che un prezioso messaggio del nostro inconscio?La mia ricerca personale si muove entro un percorso che va dalla metamedicina alla psicosomatica alla psicogenealogia(studia le influenze dell’albero genealogico sulla vita di una persona,in particolare sui suoi sintomi),passando per la terapia verbale e attinge dal theta healing e dai fiori di Bach,fornendo quei dati che servono per la risoluzione della malattia.Se prendiamo come termine di paragone un iceberg,possiamo dire che la medicina tradizionale si occupa della parte emergente,poiche’ tratta i sintomi e i dolori o corregge i problemi di funzionamento organico con interventi chirurgici.La metamedicina,invece,si occupa della parte sommersa dell’iceberg, che riguarda piuttosto la parte inconscia,legata ai sentimenti e alle emozioni per tentare di scoprire qual’e’ l’evento,vissuto o sperimentato dalla persona,che ha dato origine al sintomo che la afflige.La malattia ed i suoi sintomi non sono altro che’ messaggi inviati dal nostro corpo(tempio terreno)ad una mente(personalita’)che si rifiuta di comprendere gli insegnamenti della vita e quindi il percorso per il quale la nostra anima si e’ incarnata.Quando il corpo parla attraverso i sintomi,non mente mai e ciascuno di noi,se vuole,e’ in grado di comprendere questo linguaggio.L’interpretazione della malattia consente di integrare il messaggio a livello di coscienza,in questo modo si puo’ eliminare la vera causa di un disagio e il corpo puo’ guarire.Se invece eliminiamo solo l’effetto di uno squilibrio interiore,cioe’ il sintomo,questo e’ destinato a ripresentarsi nello stesso organo o in un altro posto piu’ in profondita’.Per interpretare un sintomo e’ necessaria una visione distaccata ed esterna perche’ il contenuto che essa trasporta e’ gia’ stato rifiutato dalla coscienza,altrimenti la malattia non si manifesterebbe;quindi dobbiamo chiederci:cosa mi fa fare che in condizioni normali non farei e che cosa mi impedisce di fare che in condizioni normali farei?
”La malattia non e’ una crudelta’ in se,ne’ una punizione,ma solo ed esclusivamente un correttivo,uno strumento di cui la nostra anima si serve per indicarci i nostri errori,per trattenerci da sbagli piu’ gravi,per impedirci di suscitare maggiori ombre per ricondurci sulla via della verita e della luce,dalla quale non avremmo mai dovuto spostarci.” (Dott.Edward Bach)

L’incontro avrà luogo presso lo Studio sito in v.Giulio Cesare,33 a Vasto
25 FEBBRAIO 2014 H.20,00
Per info e prenotazioni, contattare i numeri
333 206 52 63
340 343 77 80

Submitted by germana

25-FEBBRAIO-FIORI-DI-BACH-page-0011

Print Friendly, PDF & Email