L’Aquila: II Volta la Carta

VOLTA LA CARTA
Libri e non solo a L’Aquila
II edizione

www.laquilavoltalacarta.it/

L’Aquila
M.I.B.A.C.
Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Abruzzo

via F. Filomusi Guelfi

La II edizione della Fiera dell’editoriaVolta la carta. Libri e non solo a L’Aquila, si terrà dal 3 a 7 ottobre 2012 presso la sala polivalente della sede del M.I.B.A.C. – Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Abruzzo, in via F. Filomusi Guelfi – L’Aquila.

Scopo dell’iniziativa è quello di riallacciare, nella nostra non-città, i fili della socialità interrotti e modificati a seguito degli eventi dell’aprile del 2009: ri-costruire le nostre identità anche attraverso i libri, la lettura e la cultura in generale.

La tematica cardine attorno alla quale ruoteranno le cinque giornate di quest’anno sarà l’importanza che la letteratura esercita su ciascuno di noi, sulla riflessione che essa genera e per far ciò abbiamo scelto la frase tratta da Castelli di rabbia di A. Baricco:“Chi può capire qualcosa della dolcezza se non ha mai chinato la propria vita, tutta quanta, sulla prima riga della prima pagina di un libro?”.

La II edizione del Premio Letterario Volta la carta, concomitante anch’esso con la fiera, sarà invece ispirato alla frase: “Perchè ciò che si salverà non sarà mai quel che abbiamo tenuto al riparo dai tempi, ma cio che abbiamo lasciato mutare…” tratta da I Barbari di A. Baricco.

PROGRAMMA

1. mercoledì 3 Ottobre

Con il patrocinio del Senato della Repubblica

L’arte non è uno specchio per riflettere il mondo, ma un martello per forgiarlo.”

(Vladmir Majakovskj)

 

10.00 – 11.00 Piazza Grande

Cerimonia di inaugurazione alla quale saranno presenti le massime autorità cittadine: il Sindaco dell’Aquila On. Massimo Cialente, il direttore del M.I.B.A.C. dottor Fabrizio Magani, l’assessore alla Cultura e alle Politiche Sociali del Comune dell’Aquila Stefania Pezzopane, l’assessore alla Cultura della Provincia dell’Aquila Marianna Scoccia, l’assessore al Commercio Marco Fanfani e l’assessore alla Cultura della Regione Abruzzo Luigi De Fanis.

 

11.30 – 12.30 Piazza Grande

Tommaso Di Carpegna De’ Falconieri, professore di storia medioevale presso l’Università di Urbino, presenta Medioevo militanteEinaudi, 2011. La politica attuale usa il Medioevo come una miniera da cui estrarre esempi e modelli ritenuti utili per capire il presente. Identificato con i «secoli bui», il Medioevo è qui presentato come modello perfetto per spiegarci i «nuovi barbari», lo «scontro di civiltà» e il terrore che il nostro mondo stia per finire. Al contrario, se considerato come il tempo dei cavalieri e delle origini eroiche, esso assume una funzione mitica per moltissimi gruppi politici e comunità organizzate, che lo usano per affermare la propria originale identità. Interverrà all’incontro la prof.ssa Silvia Mantini, docente di Storia Moderna all’Università degli Studi dell’Aquila e il prof. Elpidio Valeri, storico.

15.30 – 16.00 Caffè Letterario

Fernanda Di Biagio, scrittrice, presenta La poesia dell’anima, Ideasuoni edizioni, 2012. La poesia esprime sentimenti ed emozioni; attraverso le parole trasforma il vivere quotidiano, fatto solo di gesti, in qualche cosa di più profondo che raggiunge l’io interiore ed arriva alla massima espressione, toccando l’anima. Un poeta deve essere professore di tutti i cinque sensi corporali quali vista, tatto, udito, olfatto e gusto. Questo, perché per essere padrone delle immagini più belle, deve aprire le porte della comunicazione fra tutti i sensi. In un semplice foglio bianco, si riflettono il cuore e lo spirito e, lo colorano attraverso uno sguardo rivolto alla vita palpitante, che ruota intorno. Modera l’incontro il giornalista Mario Narducci.

16.00 – 16.30 Caffè Letterario

Dante Bellini, docente arti marziali e scrittore, presenta Il paese dei giochi di una volta, Verdone editore, 2011. Era un mondo semplice, vivo, a “pane, amore e fantasia” quello dei bambini prima del “grande stravolgimento” dovuto al boom economico degli anni Sessanta. Il divertimento avveniva con giocattoli costruiti da loro stessi utilizzando materiale di vario genere: una forcella di ramo per fare la fionda, il cerchio delle biciclette, palline di terracotta, bacchette d’ombrello per le frecce, canne per la cerbottana o per costruire un aquilone. Interverrà all’incontro la giornalista e sociologa Tiziana Pasetti.

16.30 – 17.15 Piazza Grande

Francesco Erbani, scrittore e giornalista, presenta Il disastro. L’Aquila dopo il terremoto: le scelte e le colpe, Laterza, 2010. Un’inchiesta su una vicenda drammatica ed esemplare. Chi decide che cosa fare e come, quando in gioco è il disegno di una città, bene pubblico per eccellenza? Francesco Erbani racconta storie, dà voce a molti protagonisti, indaga su vicende note e meno note, dà conto delle inchieste giudiziarie, scava sotto la superficie della cronaca, analizza i meccanismi dell’informazione, esamina criticamente il periodo dell’emergenza e, soprattutto, le scelte proposte per la ricostruzione e i modi in cui questa si sta attuando. Interverrà all’incontro il prof. Eugenio Carlomagno, direttore dell’Accademia di Belle Arti dell’Aquila.

17.15 – 18.00 Piazza Grande

Incontro Letteratura – Danza:

“Il poeta racconta la danza. La danzatrice racconta il poeta”: “Letter to the World. Martha Graham racconta Emily Dickinson” di Rosella Simonari e “Il secondo mestiere del poeta. Eugenio Montale racconta la danza” di M.Cristina Esposito.

18.00 – 18.45 Piazza Grande

Paolo Di PaoloDove eravate tutti, Feltrinelli, 2011. Modera l’incontro il giornalista Roberto Ciuffini. Una domanda senza punto interrogativo e pure un’affermazione. Dov’erano i padri, soprattutto. Dentro il declino civile di un paese, così risuona l’essere giovani contro l’età adulta, contro l’assenza, contro il silenzio. Modera l’incontro Roberto Ciuffini, giornalista.

18.15 – 18.45 Caffè Letterario

Stefano Carnicelli, scrittore aquilano, responsabile della rubrica libri su Abexpress, presenta il suo romanzo Il cielo capovolto, Prospettiva, 2011. Affianca lo scrittore la voce narrante di Antonella Cocciante che legge alcuni brani del libro. Francesco e Mario, un figlio ed un padre, vivono in un piccolo paese. Mario ama la musica d’autore e soprattutto ama analizzare la profondità ed il contenuto dei testi (in particolare i testi e le musiche di R. Vecchioni e I. Fossati). Francesco perde improvvisamente suo padre; perde la sua guida ed il suo faro. Scopre, improvvisamente, anche la parte ostile del destino e del fato: la mano sinistra del Suonatore. Francesco ha bisogno di riordinare le idee e vuole riacquistare fiducia nella vita… . Modera l’incontro Francesca Luzi.

19.00 – 19.45 Piazza Grande

Presentazione dell’anteprima degli studi su Luigi Cherubini a cura del critico musicale Giovanni Carli Ballola. Modera l’incontro Alessandro Mastropietro dell’Università degli Studi di Catania, già Direttore Artistico Stagione 2011-12 dellaSocietà Aquilana dei Concerti.

20.00 – 21.00 Piazza Grande

Giusy De Berardinis, clavicembalista, fortepianista e ricercatrice presenterà il libro Ferdinando Turrini: Sei sonate per cembalo. Edizione criticaa cura di Giusy De Bernardinis, Biblioteca Musicale Lim, 2009. Al temine della presentazione la pianista terrà un concerto per fortepiano su musiche di Luigi Cherubini e Ferdinando Turrini.

Programma del concerto:

Ferdinando Turrini: Dalla Raccolta Fini (1998 ca): Sonata V

Morbido cantabile

Adagio ad Imitazione del Violuncello

Tema – Allegretto

Luigi Cherubini: Capriccio ou Etude pour le fortepiano (1789)

—————————————-

2. giovedì 4 Ottobre

Donna: diversa-mente

10.00 – 11.00 Piazza Grande

Raffaele Morabito, professore ordinario di Letteratura Italiana dell’Università degli studi dell’Aquila, terrà una lezione dal titolo Letteratura e terremoti.

15.00 – 15.30 Piazza Grande

Daniela Falone e Chiara Patricelli, Contro Luce, Zikkurat, 2012. Ci sono momenti in cui il peso di ciò che ci accade e l’opprimente timore di ciò che verrà ci crollano addosso come una montagna. Spesso, se si è giovani, ci si sente soli e alla deriva, alla mercé di forze incomprensibili ed inarrestabili. C’è chi tenta di esorcizzare il malessere affidando queste impressioni alla pagina bianca: i versi, così come la prosa, diventano in questi casi un salutare sfogo che cerca di mettere tutto in prospettiva. E, alle volte, diventano qualcosa di più. Modera l’incontro la giornalista Fabiana Calsolaro.

15.00 – 16.00 Piazza Grande

Veronica PivettiHo smesso di piangere, Mondadori, 2012. Il problema vero della depressione è che non la puoi raccontare, non la puoi descrivere. È invisibile. E non è uguale per tutti. Ma per tutti è un male profondo e assoluto. E va affrontata, perché tanto non si scappa. Modera l’incontro Valeria Valeri, presidente a.p.s. L’Aquila volta la carta.

16.30 – 17.15 Piazza Grande

Paola Soriga, scrittrice finalista “Premio letterario nazionale per la donna scrittrice”, presenta Dove finisce Roma, Einaudi, 2012. Paola Soriga si affida alla figura di una giovanissima staffetta partigiana, nella Roma che sta per essere liberata dall’occupazione tedesca, per dare nuova vita e necessità a un alfabeto di sentimenti che le parole di oggi non sanno piú nominare. E ci regala un romanzo che ha la distanza delle grandi storie e la vicinanza dell’unica, misteriosa, scintillante vita che è la nostra, in ogni tempo e in ogni luogo. Modera l’incontro la scrittrice e giornalista Antonella Finucci.

17.30 – 18.15 Piazza Grande

Monica Triglia, scrittrice e caporedattore centrale attualità di Donna Moderna, presenta L’altra faccia della terra. Storie di donne senza diritti e di donne che lottano per ridar loro dignità, Mondadori, 2011. L’autrice ha raccolto delle storie al femminile nei centri di Medici senza Frontiere, negli ospedali dove operano i suoi dottori e il suo personale. Racconti di donne senza volto, su cui i riflettori non si accendono mai, donne ferite, violate, emarginate. Ma anche di donne che, un giorno della loro vita, hanno preso una decisione esaltante e difficile al tempo stesso, quella di entrare a far parte di Msf. Modera l’incontro Valeria Valeri, presidente a.p.s. L’Aquila volta la carta.

18.15 – 18.45 Caffè Letterario

Maria Elena Rotilio, insegnante, formatrice ed autrice di prodotti multimediali, presenta Diario di una ricostruzione – La forza e il coraggio di essere vivi –, Lampi di stampa, 2012. Intervengono la dott.ssa Sabrina De Clemente, insegnante di Scuola dell’Infanzia che ha pubblicato testi di didattica ed articoli su riviste specializzate, ed Alessandra Tetè, insegnante di Scuola dell’Infanzia e Formatrice sui temi dell’interculturalità per docenti di scuola dell’Infanzia e di scuola Primaria e il prof.Antonio Porto, docente di economia, ricercatore in economia e organizzazione del territorio.

18.30 – 19.15 Piazza Grande

Elena Valdini, scrittrice, presenta Ai bordi dell’infinito, Saggi e testimonianze intorno al pensiero di Fabrizio De André, Chiarelettere, 2012. Elena Valdini è la curatrice dell’opera per conto della Fondazione Fabrizio De Andrè onlus. Questo libro continua il dialogo ininterrotto con Fabrizio De André. Firme illustri e sconosciuti illustri traggono spunto dalle sue canzoni per offrire uno sguardo nuovo sulla realtà. Le parole di Faber rivivono nei laboratori per i detenuti e per i disabili, come spunto per affrontare il tema della diversità nelle scuole, come antidoto contro il razzismo e i pregiudizi, per promuovere il rispetto dell’Altro e la dignità delle minoranze. Modera l’incontro Domenico Di Felice.

19.30 – 21.00 Piazza Grande

L’associazione DiversaMenteDanza presenta lo spettacolo di teatro danza dal titolo Sì lo sai che lei è pazza ma per questo sei con lei, Le donne di De André, tra il Rosso ed il Nero…

Programma:

Intro:

– Cosa pensa della sua condizione femminile?-

M.me De Staël: – sono soprattutto contenta di non essere un uomo perché altrimenti mi sarebbe toccato di sposare una donna – (Fabrizio De André, Intro Via Del CampoGli uomini e le donne).

Il colore Rosso incarna la donna della passione, che mette l’amore sopra ogni cosa, come fa una devota con il proprio Dio. Le donne del colore Rosso si chiamano Maritza, Josephine, Jamin-a… «Ce sta chi a ammore ‘o ffa ‘pe’ ‘na nziriae / chi ‘o ffa pe’ prufessione / bocca di rosa né ll’uno né ‘ll’ ato / io ‘o ffaccio sulo pe’ devozione». P. Barra, Bocca di rosa (trad. V. Salemme), inCanti randagi, Ricordi, 1995.

Il colore Nero incarna la donna del sacrificio, il sacrificio di quella malattia sconosciuta all’uomo… «che nella sua fase acuta dura nove mesi, e poi continua, mi pare di aver capito, per tutta la vita», ma anche il sacrificio del corpo venduto, di un amore perduto.

——————————————

3. venerdì 5 Ottobre

con il patrocinio della Camera dei Deputati

Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno

a camminare sulle gambe di altri uomini.” (Giovanni Falcone)

 

10.00 – 10.15 Piazza Grande

Saluto di benvenuto e apertura dei lavori da parte di Ubi Banca Private Investment (sponsor della giornata) a cura diAntonio Rotellini Responsabile settore promozione finanziaria della Filiale dell’aquila.

 

10.30 – 11.30 Piazza Grande

Antonio Ingroia, Procuratore della Repubblica, giornalista e scrittore, presenta Nel labirinto degli dèi. Storie di mafia e di antimafia, Il Saggiatore, 2010. Con Giovanni Falcone, insieme al quale inizia il suo tirocinio in magistratura, Antonio Ingroia incontra il primo segno del suo destino futuro. Subito dopo, a Marsala, si troverà accanto a un altro giudice: Paolo Borsellino. Falcone e Borsellino, i precursori. Con loro muove i primi passi: li affianca negli interrogatori, li osserva, ne studia i gesti e le parole, ne ricava una lezione risolutiva di impegno professionale e di passione civile. Poi le stragi di Capaci e di via D’Amelio…

15.00 – 15.45 Piazza Grande

Antonella Colonna Vilasi, saggista, scrittrice, docente di temi sull’ intelligence in Svizzera, presenta Mafie – origini e sviluppo del fenomeno mafioso, premessa di Giuseppe Ayala, Dissensi, 2012. Comprendere la mafia è possibile? L’affermazione, quasi ossimorica, rappresenta l’obiettivo del saggio, che racconta la storia del fenomeno mafioso dalle origini a oggi. Un excursus delle sue tappe fondamentali che, con rigore scientifico ma con approccio divulgativo, si districa nei meandri di quel “mondo” che non ha mai smesso di rappresentare il cancro della nostra società. Modera l’incontro il giornalista Roberto Ciuffini.

16.00 – 16.45 Piazza Grande

Pino Scaccia, giornalista e storico inviato RAI1, presenta Shabab. La rivolta in Libia vista da vicino, Il mondo digitale, 2011. “Habaab” in arabo significa letteralmente “gioventù”. Gli “shabab” sono i giovani. Sicuramente sono diventati i protagonisti della rivolta in Libia, il nocciolo duro che ha innescato l’insurrezione. Per Gheddafi sono estremisti di al Qaeda “in preda ad allucinogeni sciolti nel Nescafé”. Per il presidente americano Barack Obama, sono invece ragazzi “alla ricerca di un modo di vita migliore”. Non sappiamo ancora come finirà, ma cerchiamo di capire almeno come, e perché, è cominciata.

16.45 – 17.15 Piazza Grande

Raffaele Morabito, professore ordinario di Letteratura Italiana dell’Università degli studi dell’Aquila, presenta in anteprima il libro Il gran tremore. Rappresentazione letteraria dei terremoti. Modera l’incontro il prof. Carlo De Matteis, già docente di Letteratura Italiana presso l’Università degli studi dell’Aquila.

17.15 – 17.45 Caffè Letterario

Patrizia Tocci, docente e scrittrice, presenta in anteprima il libro I gigli della memoria, Solfanelli, 2012. Partecipa all’incontro l’editore Marco Solfanelli. La prima parte è costituita da una narrazione collettiva che ricorda la lunga notte dell’Aquila, attraverso 54 voci-racconto-testimonianze delle prime dodici ore del 6 aprile: dalle 3.32 fino alle 15.32. Il libro contiene una postfazione di Paolo Rumiz ed altri testi dell’autrice scritti da dopo il terremoto fino ad oggi. Modera l’incontroFrancesca Luzi dell’associazione L’Aquila Volta la Carta.

17.00 – 17.45 Piazza Grande

Michele Dalai, editore e giornalista presenta Le più strepitose cadute della mia vita, Mondadori, 2012. Siamo a Milano, è la fine degli anni Novanta e, mentre attraversa la città che ha imparato ad amare, Antonio trova conforto pensando a D’Alema – un uomo coraggioso che grazie alla Bicamerale ridarà linfa democratica alla giovane Seconda Repubblica – e dedicandosi alla grande sfida che il suo manager gli ha proposto: utilizzare il suo talento canoro per fondare una boy band, la risposta italiana ai Take That, anzi, la risposta milanese ai Ragazzi Italiani che stanno per esibirsi a Sanremo. Una folla di personaggi memorabili incrocia il suo cammino. Interverrà all’incontro la giornalista e sociologa Tiziana Pasetti.

18.00 – 18.45 Piazza Grande

Sandrone Dazieri, scrittore, giornalista, editore e già direttore collana “Gialli Mondadori” …… un incontro dal titolo “Il mestiere del colpo di scena”. Modera l’incontro Valeria Valeri, presidente a.p.s. L’Aquila volta la carta.

19.00 – 19.45 Piazza Grande

Roberta Bruzzone, psicologa e criminologa, presenta Chi è l’assassino – Diario di una criminologa, Mondadori, 2012. Roberta Bruzzone, criminologa, psicologa forense ed esperta di analisi e ricostruzione della scena del crimine, è stata consulente tecnico in alcuni degli episodi di cronaca nera più rilevanti degli ultimi anni, dalla strage di Erba all’omicidio di Sarah Scazzi. In questo libro ripercorre in prima persona tutte le tappe dei suoi casi più significativi: gli interrogatori, lo studio degli incartamenti, le analisi delle tracce sul luogo del delitto, i ragionamenti per entrare nella testa dell’assassino e risalire, passo dopo passo, al colpevole. Come lavora, e ragiona, una criminologa? Quali tracce osserva sulla scena del delitto? Come conduce un interrogatorio? Da quali elementi risale al movente di un omicidio? Come ricostruisce il profilo dell’assassino? Come riconosce i tentativi di depistaggio? Interviene all’incontro Marco Santarelli, filosofo della scienza, che approfondisce con l’autrice alcune tematiche trattate nel libro.

20.00 – 21.00 Piazza Grande

La Corale e il gruppo teatrale di Tornimparte presentano:

L’AVVENTURA DI UN POVERO CRISTIANO, un musical per raccontare la storia popolare di Celestino V. Liberamente tratto dall’omonimo testo di Ignazio Silone. Testi di Pina Vecchioli con musiche originali di Mario Santucci. Per voci recitanti, soli, coro, strumenti e mimi.

——————————————–

4. sabato 6 Ottobre

Abbiamo tutti dentro un mondo di cose: ciascuno un suo mondo di cose” (L. Pirandello)

10.30 – 11.30 Piazza Grande

Fania Cavaliere, docente e scrittrice, presenta Il Novecento di Fanny Kaufmann, Passigli Editori, 2012. Fanny Kaufmann era nata in Russia, a Jalta, alla fine dell’Ottocento, da una ricca e colta famiglia ebraica. In questo romanzo la nipote racconta, anche sulla base di un prezioso diario e di documenti di famiglia, le complesse vicissitudini di Fanny e delle sorelle, testimoni involontarie dei principali fatti e orrori della storia del Novecento. Le vicende della famiglia Kaufmann sono infatti intrecciate con l’incombere degli avvenimenti storici e l’inarrestabile catena di sconvolgimenti che hanno attraversato l’Europa dai pogrom della Russia zarista alla rivoluzione, e all’insorgere dei grandi totalitarismi del XX secolo, fino alla tragedia della seconda guerra mondiale… .Interviene all’incontro il prof. Carlo De Matteis, già docente di Letteratura Italiana dell’Università degli Studi dell’Aquila.

11.30 – 12.00 Piazza Grande

Giovanna D’Angelo, educatrice responsabile del progetto-laboratorio organizzato dall’Associazione On the Road, presentaSapori dal mondo, Zikkurat, 2011. Un libro declinato al femminile, una raccolta di ricette multietniche nate dalla passione e dalla creatività dell’autrice. Grazie al suo operato nel sociale, ragazze di diverse nazionalità hanno potuto acquisire competenze utili da spendere in una possibile professionalità nel campo della ristorazione. Modera l’incontro la giornalista Fabiana Calsolaro.

15.30 – 16.00 Caffè Letterario

Donatella Di Pietrantonio, scrittrice, presenta Mia madre è un fiume, Elliot, 2011. Una donna, ormai anziana, mostra i primi segni della malattia che le toglie i ricordi, l’identità, il senso stesso dell’esistenza. È tempo per la figlia di prendersi cura di lei e aiutarla a ricostruire la sua storia, la loro storia. Inizia così il racconto quotidiano di piccoli e grandi avvenimenti, a partire dalla nascita della mamma, Esperia, e delle sue cinque sorelle, nate da un reduce tornato comunista dalla Grande Guerra e da una contadina dritta ed elegante, malgrado le fatiche della campagna, degli animali e della casa. I fili delle loro esistenze si svolgono dagli anni Quaranta fino ai nostri giorni, in un Abruzzo “luminoso e aspro”, che affiora tra le pagine quasi fosse una terra mitologica e lontana.

16.00 – 16.30 Caffè Letterario

Arturo Bascetta, editore, discuterà sull’argomento: L’Aquila nel 1400: dalla conquista di Attendolo Sforza alla fuga di re Renato D’Angiò. La discussione verterà sui volumi Attendolo Sforza. Da Spoleto all’Aquila, da Napoli a Benevento (1369-1424), di aa.vv., ABE, Napoli 2012,e La fuga di Re René (1435-1442), di aa.vv., ABE, Napoli 2010. Interviene lo storico Elpidio Valeri.

16.30 – 17.15 Piazza Grande

Mauro Covacich presenta A nome tuo, Einaudi, 2011. Si comincia con un viaggio per mare. C’è una nave militare che risale la costa dall’Albania a Trieste, sulla nave uno scrittore che lungo quell’Adriatico smagliante ripercorre la storia imperfetta e dilaniata di tutte le vite di frontiera. Nascosta in cabina trova una capricciosa compagna di viaggio, eccitante come una fantasia. Lui si è imbarcato quasi per caso, recalcitrante “ambasciatore di cultura” nei paesi della costa orientale. Lei scappa e ricompare, lo attira e lo intrappola. Interviene all’incontro lo scrittore Alessandro Chiappanuvoli.

17.30 – 18.00 Caffè Letterario

Incontro dal titolo: Editoria Digitale, tra realtà ed aspettative. Interverranno il dott. Maurizio Nittolo, Developer Apple e titolare di www.ibookpad e il dott. Capponi Domenico, titolare di Capponi Editore.

18.15 – 19.00 Piazza Grande

Mariapia Veladiano, scrittrice e vincitrice del “Premio Italo Calvino 2010”, presenta La vita accanto, Einaudi, 2011. Una bambina brutta è grata a tutti per il bene che le vogliono, sta al suo posto, ringrazia per i regali che sono proprio quelli giusti per lei, è sempre felice di una proposta che le viene rivolta, non chiede attenzioni o coccole, si tiene in buona salute, almeno non dà preoccupazioni dal momento che non può dare soddisfazioni. Modera la prof.ssa Anna Tellini, docente di Slavistica dell’Università degli studi dell’Aquila.

19.15 – 20.00 Piazza Grande

Alberto Schiavone, scrittore, presenta La Libreria dell’armadillo, Rizzoli, 2012. Un vecchietto smemorato scende di casa per comprare le sigarette e al posto del resto la tabaccaia gli offre un biglietto del SuperEnalotto. Senza nemmeno seguire l’estrazione, quella sera infila il biglietto tra le pagine di un romanzo. Interviene all’incontro la giornalista e sociologa Tiziana Pasetti.

20.15 – 21.00 Piazza Grande

Nicola Di Cristofaro, editore ed artigiano della carta, presenta Pink Floyd in latino – la nuova agenda res, Arteecarta, 2012. La nuova edizione dell’agenda in latino, oltre ad essere sull’uso del denaro nell’antichità riporta un brano dei Pink Floyd tradotto in latino. Interviene all’incontro Enrico De Pietra, giornalista.

21.00 – 22.00 Piazza Grande

Concerto del gruppo Fint Floyd: i Pink Floyd incontrano il mondo classico.

———————————-

5. domenica 7 Ottobre

Poche chiacchiere: quando lo spettacolo tace e diventa letteratura…

10.00 – 11.00 Piazza Grande

Cerimonia di premiazione del Premio Letterario “Volta la carta” II edizione, indetto dalla casa editrice Arkhé. Presidente della giuria Emiliano Poddi, scrittore ed autore di testi teatrali nonché docente di scrittura creativa presso la Scuola Holden. A seguire presentazione dell’antologia, Edizioni Arkhé 2012, dei racconti partecipanti alla prima edizione del premio letterario.

11.30 – 12.00 Piazza Grande

Letizia Leone presenta l’antologia poetica AA. VV., Materia Prima, Giulio Perrone editore, 2012. Sonia CiuffetelliIago,Simona D’UrbanoDona Amati, coautori del volume, leggeranno i testi poetici in un reading a più voci.

15.30 – 16.00 Caffè Letterario

Alfredo Vernacotola, scrittore, presenta Immaginari femminili di un uomo. Il caso clinico, Gruppo Albatros Il filo, 2012. Eraclito, Plotino, Freud, Jung, Keats, e si potrebbero elencare ancora illustri esponenti del mondo filosofico, poeti e scienziati che si siano confrontati su uno dei più grandi misteri dell’uomo: l’anima, “il soffio vitale e la spinta che tutto crea, che dà forma a tutto”. Ed è proprio nell’esplorazione dell’anima che ci conduce Alfredo Vernacotola, tramite l’analisi dei sogni di un giovane trentenne in terapia, in cui “Afrodite si presenta sotto forma di Vergine, sotto forma di gitana, assumendo caratteristiche che rinviano sia alla voluttà che l’immaginario femminile veicola, sia alla potenza trasformatrice e creativa che sottende al cambiamento psichico, rappresentato dalla nuova capacità relazionale con le donne”. Un affascinante viaggio negli immaginari femminili di un uomo che, come si nota nella Prefazione, ci ricorda il capolavoro di Francesco Colonna, “Hypnerotomachia Poliphili”, svelandoci i segreti del combattimento amoroso. Moderano l’incontro il prof. Venicio Marcello Perilli e la dott.ssa Angela Paris.

16.30 – 17.15 Piazza Grande

Gianfranco Giustizieri, insegnante e studioso di letteratura italiana contemporanea, presenta All’Abruzzo… con affetto. Itinerari di memoria e di speranza nell’opera di Pasquale Scarpitti, Carabba, 2012. La realtà artistica e professionale di Pasquale Scarpitti è connotata da un profondo amore verso la sua terra d’Abruzzo. Egli, attraverso i suoi scritti e le sue inchieste, risale il grande fiume della memoria e ripercorre i diversi affluenti di un tempo passato giunto ormai al tramonto.Modererà l’incontro il dott. Walter Capezzali. Sarà presente l’Editore. Legge Tiziana Gioia.

 

17.15 – 18.00 Caffè Letterario

Enrico Macioci, insegnante e scrittore, presenta La Dissoluzione Familiare, Indiana, 2012. Annidata fra le montagne, la Città è reduce da un disastroso terremoto: nel cupo Ospedale della Sacra Frattura la nascita di un bimbo, il piccolo Poppy, innesca una catena di vicende surreali e pericolosamente divertenti. Interviene all’incontro lo scrittore Alessandro Chiappanuvoli.

18.30 – 19.30 Piazza Grande

Flavio Insinna, conduttore, attore e scrittore, presenta Neanche con un morso all’orecchio, Mondadori, 2012. La morte del padre è l’evento che cambia il corso di un’esistenza. Quello che fa diventare grandi, fa decifrare il senso di una vita intera. Un percorso faticoso, raccontato senza sconti da Flavio Insinna, in un libro intimo e introspettivo. Modera l’incontro Modera l’incontro Valeria Valeri, presidente a.p.s. L’Aquila volta la carta.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *