L’Aquila, presentazione del libro “Trent’anni di Perdonanza” il 4 novembre

Dopo l’anteprima svoltasi nella scorsa Perdonanza del 2014, il libro  “Trent’anni di Perdonanza” di Angelo de Nicola, pubblicato da One Group Edizioni, sarà presentato ufficialmente all’Aquila martedì 4 novembre  alle ore 17,00 presso l’Auditorium Sericchi della Bper in Via Pescara, 2.

Oltre all’autore intervengono il Sindaco dell’Aquila Massimo Cialente,  il Presidente Onorario dell’Accademia della Crusca, Francesco Sabatini, Luciano D’Alfonso, Presidente della Regione Abruzzo,  Walter Capezzali, presidente della Deputazione di Storia Patria e l’editrice Francesca Pompa.

A trent’anni dalla “rivitalizzazione” della Perdonanza Moderna, grazie all’intuizione dell’amministrazione comunale del sindaco “don” Tullio De Rubeis, si vuole mettere un punto. Valutare cioè, anno per anno, come la Perdonanza Celestiniana sia arrivata a un così importante traguardo. Come la manifestazione, nell’evolversi di successi, insuccessi, scandali, polemiche, eventi piccoli e grandi, beghe, pettegolezzi, inchieste giudiziarie… sia entrata a far parte dell’identità di una città. Tanto da tenersi anche in quell’agosto del 2009, quando la spoglie di Celestino V sfilarono nel centro storico martoriato su un carro dei Vigili del Fuoco aggirando la tendopoli sorta sul prato di Collemaggio.

Ne viene fuori uno spaccato di cronaca cittadina da consegnare alla Storia. I documenti in presa diretta “parlano” di una città perchè la Perdonanza è la città e la città è la Perdonanza. Si tratta di un “tesoro” fatto di atti, documenti, ritagli di giornali, annotazioni, comunicati stampa, ricordi personali la cui rilettura è choccante. E’ avvenuto tutto questo? Tutto è cambiato per non cambiare nulla? Domande da affidare agli storici, i quali avranno in questo scritto uno strumento utile alla “ricostruzione” di trent’anni dell’Aquila e dell’Abruzzo.

«Una grande occasione persa». Questo il leitmotiv di ogni anno, per trent’anni. Ma anche «una grande risorsa». Forse c’era bisogno di fermarsi e riflettere, carte alla mano, su come trasformare una risorsa in un’occasione. Un contributo alla vigilia di un altro straordinario avvenimento, all’esame dell’Unesco, che potrebbe diventare strategico per il futuro della città: il riconoscimento della Perdonanza come Patrimonio dell’Umanità.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *