L’Aquila, presentata a Roma Musica+, la rivista del conservatorio Casella

“Presentata a Roma MUSICA+, la nuova rivista del Conservatorio ‘A. Casella’ dell’Aquila, piattaforma ‘a più voci’ di un dibattito di cui il mondo musicale sente esigenza e ha urgente necessità, un dibattito che prende vita dal cuore di quelle istituzioni didattiche, quali sono i Conservatori di Musica italiani, che promuovono in prima linea – non senza difficoltà –  la formazione e la cultura musicale nel nostro Paese”.

Nel pomeriggio di domenica 4 maggio, presso la Sala concerti della Scuola popolare di Musica di Testaccio, a Roma, è stata presentata MUSICA+, la nuova rivista trimestrale curata e pubblicata dal Conservatorio “Alfredo Casella” dell’Aquila, di cui è uscito recentemente il primo numero.

Come ha spiegato il Direttore responsabile Carla Di Lena, MUSICA+ vuole porsi come piattaforma di un dibattito di cui il mondo musicale sente esigenza e ha urgente necessità, un dibattito che prenda vita, come simboleggiato dalla natura stessa della rivista, dal cuore di quelle istituzioni didattiche, quali sono i Conservatori di Musica italiani, che promuovono in prima linea la formazione e la cultura musicale nel nostro Paese, affrontando pertanto, con grande slancio e con la proposta inesausta di iniziative preziose, quelle difficoltà attraversate oggi dal mondo della cultura che appaiono persino moltiplicate nell’ambito del mondo musicale italiano, spesso assai lontano dall’attenzione delle Istituzioni.

Come il titolo viene a indicare, MUSICA+ è pertanto una rivista che propone una pluralità di voci, di contributi e d’interventi innanzitutto sui temi della della formazione musicale, sulla natura della istituzioni di Alta Formazione e sullo stato dell’insegnamento delle diverse discipline musicali in Italia, da quelle di ‘storica’ istituzione a quelle dall’insediamento didattico più recente. «Nella nostra vita di musicisti – scrive Carla Di Lena nell’Editoriale della Rivista MUSICA+ – lo studio è incessante, febbrile, trasversale nella pratica del far musica in tutti i generi – dall’antica alla contemporanea – nella ricerca musicologica, nello sviluppo di nuove modalità didattiche. Approfondimenti, confronti, strumenti. Gli apporti di chi agisce in altri campi e ci racconta ‘la sua musica’». La rivista si propone così anche di ripercorrere il profilo di grandi Maestri che hanno fatto dell’insegnamento musicale un obiettivo di vita, formando generazioni di validissimi musicisti e compositori, come pure di offrire – con articoli, saggi e recensioni di libri, spartiti e concerti –  un contributo importante alla ricerca di ambito storico e musicologico, una ricerca nella quale i Conservatori italiani, sulla scia della riforma delle Istituzioni dell’Alta formazione artistica e musicale, stanno assumendo progressivamente un ruolo di imprescindibili interlocutori.

Il rinnovato progetto di MUSICA+, fortemente voluto da Giandomenico Piermarini, Direttore del Conservatorio “Alfredo Casella” dell’Aquila, è portato avanti dunque dal Direttore Carla Di Lena e da un Comitato di Redazione (Guido Barbieri, Carlo Boschi, Mauro Cardi, Cristina Cimagalli, Marco Della Sciucca, Agostino Di Scipio, Barbara Filippi, Elena Lupoli, Luisa Prayer e Diego Procoli) composto da docenti e studenti del Conservatorio aquilano, ma risponde al contempo a una vocazione trasversale all’interno della rete delle Istituzioni di Alta Formazione restando aperto ai contributi di musicisti, musicologi e docenti provenienti dalle diverse realtà musicali del nostro Paese.

La rivista, oltre a essere presente online (anche in versione sfogliabile) sul sito del Conservatorio “A. Casella” (http://www.consaq.it/eventi-e-attivita/musicapiu/1504-39-rivista-musica-n-36-anno-2014.html), sarà distribuita gratuitamente presso l’intera rete dei Conservatori di Musica e presso numerose Biblioteche italiane, di modo tale che possa essere disponibile a una fruizione ampia e contribuire appunto a mantenere vivo e acceso il dibattito su uno dei temi centrali della cultura del nostro Paese.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *