L’Aquila, Possibile: prima assemblea pubblica il 2 luglio

Con la costituzione nel capoluogo di regione del primo comitato territoriale, si avvia ufficialmente in Abruzzo il percorso di Possibile, il nuovo soggetto politico fondato daGiuseppe Civati e tantissimi altri dirigenti nazionali e locali fuoriusciti in tutta Italia negli ultimi mesi dal Partito democratico per profondo dissenso politico. Con loro, molti esponenti dell’associazionismo, del volontariato, movimenti civici; del mondo del lavoro e della scuola.

Tra i fondatori del comitato aquilano, Paolo Della Ventura (da sempre al fianco di Civati in Abruzzo)  e Piergiorgio Leocata (che sarà il portavoce in questa prima fase), entrambi presenti lo scorso 21 giugno a Roma, alla prima affollata assemblea nazionale. Con loro, il gruppo civatiano territoriale, e diversi nuovi ingressi del mondo delle professioni. Una delle novità sarà la presenza del consigliere regionale Leandro Bracco, anch’egli presente a Roma, da subito interessato al percorso politico di Possibile.

“Possibile -afferma Della Ventura- si propone come obiettivo quello di fare politica riportando al centro la rappresentanza e la partecipazione. La rappresentanza di chi, a sinistra, è da tempo spaesato e disorientato; di chi si è allontanato, disertando le urne proprio perché non si sente più rappresentato. Lo farà per la prima volta come soggetto politico che nasce dal basso, non in seguito ad una scissione o una federazione di sigle o partiti. L’idea è quella di costruire un unico soggetto politico, di una sinistra contemporanea, rispettando tempi e modi di tutti”.

Nel futuro prossimo di Possibile, in vista i referendum su riforma elettorale, Jobs Act, Sblocca Italia (compresa ed a partire dalla volontà di opporsi alle trivelle in Adriatico), la “Buona scuola” (approvata solo qualche giorno fa anche in Senato); e ancora la campagna per il Fine vita e la legalizzazione della cannabis; reddito minimo e questione immigrazione. Tutti temi da affrontare senza demagogia e con concretezza.

Piergiorgio Leocata, con un trascorso politico e civico degli anni del dopo terremoto basato sulla partecipazione e sull’attivismo, spiega che “l’idea di Possibile è completamente diversa dall’organizzazione dei partiti tradizionali che abbiamo conosciuto fino a oggi. Sarà basata sull’orizzontalità dei comitati che porteranno avanti i temi nazionali, propri delPatto repubblicano che lanciammo lo scorso dicembre a Bologna e che sarà la nostra carta dei valori; ed i temi locali e territoriali, naturalmente: la questione ricostruzione e le trivelle, solo per citare alcuni esempi”.

“Le battaglie che Possibile porterà avanti  – commenta Leandro Bracco, consigliere regionale ex 5 stelle e ora al gruppo misto – mi vedranno in prima linea: dalla contrarietà al Job Acts e alle trivelle in Adriatico fino all’impegno per promuovere la legalizzazione dell’eutanasia e l’istituzione del reddito minimo. La nostra stella polare una sola: l’attuazione della Carta Costituzionale”.

Pronti comitati di Possibile anche a Ortona (Ch) e nella Val Pescara. Intanto, il prossimo 2 luglio si terrà a L’Aquila (ore 17:45 alla sala conferenze dell’Hotel Castello) la prima assemblea pubblica, aperta alla partecipazione di tutti gli interessati, per la presentazione del nuovo soggetto politico.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *