L’Aquila, Notte Europea dei ricercatori il 26 settembre

Perugia, Ancona e L’Aquila: saranno queste le tre citta’ italiane in cui avra’ luogo la “Notte europea dei ricercatori”, un’iniziativa che si svolge ogni anno in circa trecento citta’ europee e che ha per obiettivo quello di far conoscere ad un ampio pubblico il mondo della ricerca, attraverso eventi e spettacoli dedicati alla divulgazione scientifica e all’imparare divertendosi. Nel quadro del Progetto Sharper, ActionAid partecipera’ alla “Notte europea dei ricercatori” dell’Aquila, dedicando la giornata del 26 settembre a degli eventi sulle tematiche del cibo e dell’accaparramento della terra nei paesi in via di sviluppo. Protagonisti dell’iniziativa saranno i bambini delle scuole primarie che, dalle ore 17.00 fino alle 22.00 presso la Villa Comunale, potranno partecipare a “Alla ricerca del cibo perduto”, un evento che, attraverso il gioco e il divertimento, permettera’ loro di scoprire l’importanza di un’alimentazione sana e giusta per la costruzione di un mondo migliore. Per i piu’ grandi invece, l’appuntamento e’ alle ore 21.00 presso l’Aula Magna del GSSI (Viale Francesco Crispi, 7) dove si terra’ l’evento “Land grabbing e violazione dei diritti umani: ricerca e mobilitazione a sostegno della resistenza delle comunita’ locali”. Insieme al Policy Officer di ActionAid Roberto Sensi, a Francesco Chiodelli del Gran Sasso Science Institute, Davide Cirillo, ricercatore dell’Universita’ di Padova e Kysseline Cherestal Senior Policy Analyst ActionAid Haiti/USA, si illustrera’ il fenomeno dell’accaparramento della terra e delle iniziative portate avanti da ActionAid, al fianco delle comunita’ locali che, in Kenya, Senegal, Sierra Leone e Tanzania, resistono agli investimenti in terre prevalentemente destinate alla produzione agricola.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *